Tassa sulle criptovalute: niente più per l’Eldorado portoghese – notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 3 minuti
4.8/5 - (22 votes)

Lisbona, l’altra capitale delle criptovalute dopo Zug in Svizzera? Nulla è meno certo. Dietro il sole, il costo della vita più accessibile e la comunità di valute virtuali ben rappresentata, il Portogallo ha appena fatto un altro passo verso un cambiamento nella tassazione delle criptovalute che non piacerà a molti. Un avvertimento: leggete l’articolo fino in fondo. Il piano portoghese è piuttosto interessante e forse la Francia dovrebbe prendere esempio da loro.

Finisce l’esenzione per le criptovalute in Portogallo

Precedentemente esenti da imposte, i guadagni in criptovalute saranno presto soggetti a un’imposta di circa il 28%. Come promemoria, in Francia le plusvalenze sono soggette alla flat tax e alla relativa imposta del 30%, che riguarda in particolare anche le plusvalenze derivanti da investimenti in borsa.

La nuova norma è stata presentata dal Parlamento a Lisbona, durante le discussioni sul piano di bilancio per il prossimo anno. I parlamentari devono ancora approvarlo, ma già il Segretario di Stato per gli Affari Fiscali António Mendonça Mendes ha dichiarato a una conferenza che il nuovo regime “si integra con il nostro sistema fiscale e con quello del resto d’Europa”..

 

Esenzione ancora possibile per gli investimenti a lungo termine

Ma non è tutto rose e fiori. Il Portogallo potrebbe avvicinarsi a quanto sta facendo anche la Francia, ma il nuovo piano fiscale differenzierà tra due tipi di investimento. Da un lato, acquisti e rivendite di criptovalute di durata inferiore a un anno e, dall’altro, acquisti e rivendite di durata superiore a un anno. Quest’ultima continuerà a esentare gli investitori. Questa distinzione non è nuova in Europa. I nostri vicini in Germania sono arrivati allo stesso sistema.

L’obiettivo è quindi quello di far pagare gli investitori che cercano un reddito reale dalle criptovalute, rispetto ad altri che considerano il loro acquisto più come un risparmio, o che usano le loro criptovalute nel contesto delle cripto (senza riconvertire le loro partecipazioni in valute fiat). Per i professionisti non sembra cambiare nulla, continueranno a essere soggetti a tassazione sulle plusvalenze.

Il costo, in Portogallo, dell’acquisto di criptovalute potrebbe però aumentare un po’. Il nuovo piano proposto al Parlamento prevede anche una tassa del 10% sui trasferimenti gratuiti di criptovalute e una tassa del 4% sulle commissioni recuperate dalle piattaforme di trading di criptovalute.

Vantaggi fiscali in Portogallo

Come sottolinea Bloomberg, l’anno scorso i residenti stranieri nel Paese erano più di 555.000 e alcuni di loro stanno già beneficiando di una tassazione ridotta rispetto alla Francia, in particolare, e del regime classico per un cittadino portoghese.

Nel 2012, Lisbona aveva introdotto un “visto d’oro”, con tutta una serie di vantaggi che includevano esenzioni fiscali (esenti da imposte per dieci anni). Il regime è stato interrotto nel 2020. Da allora, è ancora possibile accedere a sconti per pagare solo il 10% di tasse in quanto non residenti abituali.

 

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *