Stablecoin : guide completa 2021 e funzionamento

stablecoin
⌛ Tempo di lettura : 7 minuti
4.3/5 - (35 votes)

Cos’è una stablecoin?

Perché potrebbero giocare un ruolo importante nella futura economia delle criptovalute? Nella guida di oggi, daremo uno sguardo più da vicino alle stablecoin del momento, quelle criptovalute stabili che non hanno quasi nessuna volatilità grazie al fatto che il loro valore è ancorato a quello di una valuta nazionale o di un asset esterno.

Cercheremo di capire non solo l’utilità di queste nuove criptovalute, ma anche le possibilità di investimento che ci offrono, così come le possibilità di utilizzarle come mezzo di pagamento o come riserva di valore.
C’è qualcosa di buono in queste stablecoin? Perché così tante persone si sono interessate a loro negli ultimi mesi? Diamo un’occhiata insieme, in una guida completa che mira a fornire consigli completi per l’investitore.

Cosa sono gli stablecoin?

Le Stablecoin sono criptovalute che basano il loro valore su quello di un bene esterno, di solito una valuta fiat come il dollaro USA.

L’obiettivo è proprio quello di mantenere stabile il valore del token in questione, ancorando il suo valore ad asset che sono generalmente più stabili di Bitcoin e altri altcoin.

Ci sono, come vedremo più avanti nella nostra guida, diversi metodi o tecniche utilizzate per mantenere il valore del token ancorato a quello di un sottostante, ci sono anche diversi tipi di sottostanti, come abbiamo detto come valute tradizionali o criptovalute, o anche asset fisici (come nel caso dei metalli preziosi).

Quali sono le caratteristiche più interessanti di Stablecoins?

Ci sono diverse caratteristiche che rendono gli stablecoin attraenti per alcune categorie di investitori, o meglio per coloro che vogliono usarli principalmente come mezzo di scambio e riserva di valore.

Il valore degli stablecoin è precisamente ancorato a un altro bene e quindi non segue la logica dei prezzi delle criptovalute tradizionali;
Il pegging viene fatto off-chain, cioè al di fuori del circuito di riferimento delle criptovalute, spesso con l’intervento di autorità finanziarie terze regolamentate (non è sempre il caso, e avremo modo di trattarlo più avanti nei nostri consigli).

L’idea di base, come abbiamo già detto, è quella di eliminare almeno una parte della volatilità che ha sempre caratterizzato le criptovalute tradizionali. Guardando a ciò che è successo dagli albori del settore, non è difficile rispondere a molti giorni di trading in cui i valori si sono mossi a due cifre, una volatilità che difficilmente possiamo incontrare in altri tipi di attività.

Possibili usi degli stablecoin

Con le informazioni che abbiamo finora, ci si potrebbe chiedere perché dovremmo investire negli stablecoin piuttosto che direttamente nel sottostante a cui sono ancorati.

L’oro è uno dei sottostanti più comuni per le stablecoin

Ci sono diversi casi d’uso intelligenti e interessanti che riguardano queste criptovalute:

Per le economie ad alta inflazione: in questo caso, gli stablecoin possono proteggere il potere d’acquisto dei cittadini e dei residenti. In generale, un mezzo di scambio utilizzato che potrebbe, per esempio, avere la stabilità dell’oro o di una valuta estera, ma utilizzando una sovrastruttura digitale, basata sulla blockchain con tutti i vantaggi tecnici che questa soluzione comporta;
Hedging: in finanza chi investe grandi quantità di capitale sa quanto sia importante muoversi in attività contro-correlate. La comodità di negoziare e conservare le criptovalute, combinata con la stabilità dei prezzi delle attività sottostanti, può offrire una soluzione molto interessante per la copertura.
I diversi tipi di stablecoin

Possiamo fondamentalmente dividere le stablecoin in tre macro-gruppi, a seconda della categoria dell’asset sottostante.

Da un lato, abbiamo stablecoin che hanno una valuta fiat come attività sottostante, cioè una valuta nazionale o internazionale, come può essere il caso delle co-correnti stablecoin sostenute dall’euro o dal dollaro USA.

D’altra parte, abbiamo gli stablecoin sostenuti dalle cosiddette materie prime, di solito metalli preziosi. Finora sono stati utilizzati l’oro o altri metalli preziosi, ma teoricamente non c’è limite a questo uso su altre attività finanziarie e nessuna stablecoin.

Stablecoin con valuta sottostante

Le Stablecoin con una valuta sottostante permettono un token il cui valore è ancorato precisamente a quello di una valuta “reale”. Tipicamente, è stato usato il dollaro, ma di nuovo, nulla vieta l’uso di altri tipi di valute fiat.

Il processo di emissione e gestione è relativamente semplice da capire:

Il capitale è raccolto nella valuta che userete come sottostante
Un’entità terza agirà come custode
I gettoni sono emessi
Di solito sono distribuiti tramite scambio o vendita diretta

Il rapporto utilizzato è 1:1, generalmente 1 token vale 1 unità della valuta che abbiamo utilizzato come sottostante.

Il dollaro è anche un sottostante ben utilizzato di stablecoins 

Il problema tipico di questo tipo di soluzione è che si perde tutta la decentralizzazione tipica dei sistemi basati su blockchain.

Un altro problema è la fiducia dell’autorità centrale: chi gestisce il token deve, a qualche livello, essere in un rapporto di fiducia con chi usa la stablecoin.

Tipicamente, un verificatore di terze parti viene utilizzato per produrre stablecoin basati su una valuta, al corretto tasso di cambio del token con la valuta.

Si tratta di un sistema estremamente semplice e stabile, a condizione, ovviamente, che tutte le persone coinvolte facciano la loro parte.

Alcuni esempi di valuta stabile basata sul denaro

Ci sono già alcune stablecoin sostenute da valute fiat, ecco alcuni esempi:

Tether: sostenuto dal dollaro USA e attualmente muove i maggiori volumi. L’autorità centrale è Tether Limited. Il sistema è ampiamente utilizzato per consentire alle criptovalute, per esempio, di mantenere temporaneamente un valore stabile, sostenuto dal dollaro, senza dover necessariamente vendere le loro criptovalute in cambio di dollari reali. Ci sono dubbi sul fatto che Tether abbia effettivamente riserve di dollari che corrispondono ai token emessi, poiché non ci sono autorità terze affidabili che abbiano certificato la perfetta corrispondenza;
TrueUSD: Creato come alternativa più trasparente a Tether. Infatti, sono utilizzati con un sistema di contratti intelligenti con parità tra riserve di dollari e token emessi. È la seconda stablecoin più scambiata al mondo.
Stablecoin basati su materie prime

I principali asset utilizzati sono i metalli preziosi, specialmente l’oro, che è considerato un rifugio sicuro e ha un valore stabile.

In questo caso, la partita è tra un gettone e una certa quantità di oro.

Il meccanismo di funzionamento è più o meno lo stesso di quello che abbiamo appena visto: l’oro è custodito da un’autorità terza che dovrebbe allo stesso tempo assicurarsi che i gettoni corrispondano alla quantità di oro.

La procedura è la seguente:

Si raccolgono capitali che vengono poi utilizzati per comprare oro;
L’oro è depositato

Vantaggi e svantaggi degli stablecoin

Ci sono alcuni vantaggi e svantaggi delle stablecoin rispetto alle criptovalute tradizionali e alla valuta fiat. Per quanto riguarda i vantaggi:

Sono sostenuti da materie prime reali: il che significa che chi ha i token può sempre convertire lo stablecoin con il sottostante;
Sono relativamente stabili: considerando la volatilità dell’oro (minima) o del petrolio (certamente maggiore);
liquidità: i token sono estremamente liquidi, spesso più liquidi dei contratti OTC che si scambiano frequentemente su questo tipo di asset.

Tra gli innegabili svantaggi:

Il sistema è centralizzato: ancora una volta, si perdono i vantaggi di una rete di sicurezza e garanzia distribuita;
Controlli e sicurezza: l’emittente e coloro che si occupano della creazione di certificati di deposito dovranno avere fiducia.
Esempi di monete di materie prime stabili

Per ora, l’unica moneta stabile basata su materie prime degna di nota è Digix / DGX, un token ERC-20 che ha l’oro come sottostante.

L’oro dell’ancora è tenuto nella Safe House di Singapore e il valore del token è interamente sostenuto dall’oro.

Il controllo è affidato a un servizio che opera sulla blockchain di Ethereum e viene verificato ogni tre mesi da autorità indipendenti.

Stablecoin sostenuti da una criptovaluta sottostante

Il concetto in questione può sembrare molto più strano, dato che all’inizio abbiamo detto che uno dei vantaggi delle stablecoin è che eliminano la volatilità delle criptovalute stesse.

Infatti, questo tipo di moneta viene utilizzato con l’integrazione di contratti intelligenti che sfruttano anche le transazioni collaterali per ridurre i rischi associati alla volatilità.

È quindi possibile utilizzare un tale token per ridurre la volatilità, anche combinando il pegging a un paniere di criptovalute piuttosto che a una singola criptovaluta.

L’inclusione in questa guida di tali pedine back-to-back è certamente discutibile: hanno un funzionamento più complesso e soprattutto molto diverso dagli altri esempi che abbiamo fatto poco sopra.

Tuttavia, sono più strumenti finanziari che strumenti di scambio, e probabilmente avranno una certa importanza in alcuni contesti.

L’ultimo: Stable Coin “fiat

Sì, i crypto token possono anche essere emessi come i processi che siamo abituati a vedere con le valute tradizionali.

In questo caso, c’è un’autorità centrale che emette monete e le distrugge, cercando di mantenere il prezzo il più vicino possibile a quello del dollaro USA (o altro bene di riferimento).

Petro, la stablecoin del governo venezuelano

A differenza di altre categorie di stablecoin, in questo caso siamo di fronte ad un processo completamente centralizzato, che non prevede l’accumulo di riserve e quindi apre il campo a critiche certamente più profonde, considerando anche l’atteggiamento generale di chi è interessato alle criptovalute.

Infatti, vengono messi in atto sistemi molto complessi per garantire che i token corrispondano perfettamente al valore del dollaro di riferimento.

L’esempio più importante: base

Base, ex Basecoin, è una stablecoin che ha ancora il suo valore in dollari USA. Utilizza algoritmi complessi che modificano l’offerta di token, adattandola precisamente al valore del dollaro.

Nel caso in cui il valore di base superi un dollaro, i gettoni vengono distrutti tra quelli in circolazione, altrimenti vengono prodotti e messi sul mercato.

Il comportamento è simile a quello di una banca centrale, anche se con implicazioni completamente diverse, ma queste dovranno necessariamente essere analizzate separatamente.

Conclusione: le stablecoin sono utili?

Parlare di Stablecoin come se fosse una categoria omogenea è certamente un errore. Nella guida di oggi, abbiamo sicuramente imparato a percepire le differenze tra un progetto e l’altro, e soprattutto a capire gli obiettivi che hanno portato alla creazione di questo tipo di token.

Saranno certamente in grado di trovare aree specifiche di applicazione e probabilmente prospereranno nel loro campo di riferimento.

Tuttavia, coloro che cercano l’esperienza più pura della criptovaluta dovrebbero certamente guardare altrove: non tutti questi progetti hanno la piena fiducia degli investitori (in termini di distribuzione, in chi gestisce il progetto e in chi supervisiona).

Anche per quanto riguarda il trading, se il vostro obiettivo è quello di speculare sul valore delle criptovalute, gli stablecoin non sono gli strumenti per voi.
Al contrario, gli stablecoin sostenuti da materie prime o che incorporano garanzie avanzate, possono essere uno strumento molto interessante per il trading avanzato.

Tuttavia, ci troviamo di fronte a un nuovo apprezzamento del mondo delle criptovalute che, pur riprendendo alcuni temi fondamentali, si sta sviluppando su un percorso completamente diverso.

Prima di saltare sul carro alla ricerca dell’opportunità giusta, il nostro consiglio è di analizzare a fondo la stablecoin che ci interessa e poi decidere se e quando potrebbe essere utile per noi.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.