Analisi di Bitcoin ed Ethereum – Prezzi di BTC ed ETH lunedì 24 ottobre 2022 – notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 4 minuti
4.8/5 - (23 votes)

Mentre questa settimana sarà segnata dal rilascio del PCE (Indice dei prezzi dei consumi delle famiglie) e i risultati dell’indice di GAFAMla capitalizzazione di mercato delle criptovalute rimane sorprendentemente piatta. Questo nonostante la continua incertezza dei mercati finanziari. Perché a quanto pare molti investitori stanno ancora cercando di trovare delle scuse suuna svolta della FED.

La vera domanda è se la banca centrale statunitense si lascerà sedurre dalle sirene di un rallentamento della stretta monetaria. O se mantiene la rotta confermando quanto detto al simposio di Jackson Hole. In realtà, tutto dipenderà dall’evoluzione delle principali statistiche economiche. Ma mentre parliamo, è chiaro che non stanno andando nella direzione auspicata dalla FED.

In questo contesto di mercato, dove il dubbio regna ancora di più, Bitcoin ed Ethereum non hanno fatto male nelle ultime settimane. Senza che i loro mercati ribassisti vengano messi in discussione. Da qui la cautela a non prendere per oro colato l’umore presumibilmente sereno sulle prime due valute digitali.

In quella che si preannuncia come una settimana movimentata sul pianeta finanza, vediamo cosa ci aspetta le ultime analisi tecniche sui prezzi di BTC e ETH.

Bitcoin in unità settimanali – Il breakout del prezzo sopra la linea discendente manca di convinzione

Il Bitcoin continua a giocare al gatto e al topo intorno al supporto di 20.000 dollari. Tanto che molti investitori si sentono frustrati settimana dopo settimana. D’altra parte, non vogliamo fare gli schizzinosi, viste le perdite già registrate dall’inizio dell’anno. Inoltre, i prezzi sono leggermente al di sopra della linea discendente dell’attuale bearrun.

Analisi settimanale dei prezzi del Bitcoin - 24 ottobre 2022

Nonostante un MACD in lenta progressione, questo segnale tecnico favorevole manca di convinzione. Soprattutto perché La fase 4 di Weinstein è incontestabile. La media mobile a 30 settimane è ora sotto la resistenza di 26.000 dollari. Il suo slancio ribassista, se ancora forte, potrebbe agire come un vento contrario alla neutralità del mercato ribassista del BTC dal suo ultimo ATH nel novembre 2021.

Il problema di arrivare a uno scenario che possa tranquillizzare i potenziali acquirenti è che richiederebbe un ritorno ai livelli che il Bitcoin ha rotto nel corso dell’anno. In questo senso, un ritorno a 20.000 dollari sarebbe un buon punto di partenza. A condizione che i prezzi si mantengano sui 26.000 dollari.e allo stesso tempo convalidare un potenziale doppio fondo per tornare a contatto con la resistenza di 30.000 dollari.

Altrimenti, la minaccia al di sotto dei 20.000 dollari non sarebbe ovviamente una buona notizia. Con una terza ondata di correzione in gioco che chiuderebbe una disastrosa annata 2022 verso il supporto di 12.000 dollari.

Ethereum in unità settimanali – I prezzi non si lasciano sfuggire il 2018 ATH

Ethereum continua a fluttuare intorno all’ATH 2018, non lontano dalla resistenza di $1400 da metà settembre. In questo momento, I prezzi rimangono ancora lontani dalla linea discendente nonostante un MACD che, fortunatamente, ha evitato per poco un cross ribassista. La dura digestione dopo The Merge sembra volgere al termine. Tuttavia, come il Bitcoin, manca la convinzione necessaria per rilanciare un nuovo rally.

Analisi settimanale dei prezzi di Ethereum - 24 ottobre 2022

Da un lato, La fase 4 di Weinstein rimane ancora in primo piano, che vi piaccia o no. Sebbene i prezzi dell’ETH si siano stabilizzati di recente, l’inclinazione al ribasso dell’MM30 settimanale non mostra segni di attenuazione. D’altra parte, gli indicatori tecnici non avanzano rapidamente verso le rispettive linee di galleggiamento. Ciò indicherebbe una frenesia di acquisto con il passare delle settimane da metà settembre.

Ipotizzando un rendimento superiore a 1400 dollari, Ethereum avrebbe una terza possibilità di sfondare la resistenza dei 1700 dollari. E se dovesse realizzarsi, avremmo il lusso di sfondare la linea di tendenza al ribasso e di salire fino alla resistenza dei 2300 dollari.un livello che rappresentava il precedente minimo del gamma o canale orizzontale formatosi tra la fine di gennaio e lo scorso maggio.

A fianco, Ethereum rischierebbe di portarsi verso i minimi dell’anno, vicino al supporto dei 1000 dollari. Con il timore di partecipare a una nuova ondata di correzione che potrebbe rivelarsi dannosa per l’ecosistema delle altcoin. Pertanto, i venditori dovrebbero puntare al supporto di 700 dollari, se il movimento verso il basso rimarrà politicamente corretto nel gergo dell’analisi tecnica.

BTC e ETH – Le situazioni attuali potrebbero ancora prolungarsi

Se le notizie macro e micro della settimana, o eventi imprevisti in entrambe le direzioni, non riescono ad animare il mondo finanziario, lo status quo di Bitcoin ed Ethereum potrebbe potenzialmente prolungarsi più del previsto. Tanto che gli investitori starebbero oscillando tra l’attendismo e l’ansia.

Non solo, i catalizzatori positivi di cui disponiamo sarebbero poco più che pretesti per un rimbalzo prolungato delle classi di attività rischiose. Soprattutto perché sono considerate voci che potrebbero dare il via a movimenti di prezzo malsani verso l’alto. Ma ancora peggio, non immaginiamo che la FED cambierà la sua posizione in materia di restrizione monetaria da un giorno all’altro.

Nel medio termine non è da escludere una recessione negli Stati Uniti con un’inflazione superiore alla media degli ultimi due decenni. Anche se il consenso vuole venderci un atterraggio morbido, questo potenziale scenario danneggerebbe la credibilità della banca centrale statunitense nella sua lotta contro l’inflazione.

In tal caso, dovremmo aspettarci una tempesta tumultuosa in tutte le classi di asset rischiosi. E in un mercato che si avvia verso un colpo di coda, il Bitcoin e l’Ethereum, che dipendono dalla liquidità, rischierebbero di aggravare i loro mercati ribassisti. verso livelli tali da sradicare gran parte della loro ultima corsa.

 

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *