Meta – Zuckerberg ha ordinato di limitare le frodi sulle sue piattaforme – notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 2 minuti
4.7/5 - (17 votes)

 

Mark Zuckerberg, CEO del Meta Platforms Group (META), è stato invitato a rispondere alle domande di un gruppo di sei senatori statunitensi. I rappresentanti, membri della Commissione bancaria del Senato, hanno interrogato l’attuale amministratore delegato sulla politica del gruppo in materia di lotta alle truffe di criptovalute sulle sue piattaforme Facebook, Instagram e WhatsApp.

Il gruppo di senatori, guidato da Bob Menendez del New Jersey, ritiene che le piattaforme Web 2 del gruppo siano un terreno fertile per le truffe di criptovalute.

 

Meta deve rispondere alle domande sulle frodi in criptovaluta

In questo contesto, i senatori hanno inviato una lettera all’amministratore delegato di Meta per chiedere cosa stia facendo concretamente per combattere le frodi di criptovalute sulle sue piattaforme.

“Dal 1° gennaio 2021 al 31 marzo 2022, il 49% delle segnalazioni di frode alla Federal Trade Commission (FTC) riguardanti l’uso di criptovalute ha specificato che la truffa ha avuto origine sui social media”, riferiscono i senatori. il rapporto dei senatori. Secondo una stima approssimativa, queste truffe sono costate ai consumatori un totale di 417 milioni di dollari. Il gruppo di senatori ha aggiunto che “mentre le truffe di criptovalute sono prevalenti sui social media, diversi siti Meta sono particolarmente popolari come terreno di caccia per i truffatori”.

In particolare, Meta dovrà spiegare le politiche che attua per “trovare ed eliminare in modo proattivo i truffatori di criptovalute”. Inoltre, deve specificare come sta collaborando con le forze dell’ordine per ridurre le frodi.

Limitare le frodi – Il problema del controllo della piattaforma

Ovviamente le frodi non dovrebbero essere incoraggiate, ma la questione del controllo dei contenuti da parte dei proprietari delle piattaforme si pone ancora. Oggi, diversi protocolli offrono un hosting decentralizzato invece di un hosting su un singolo servizio (come in questo caso). Per definizione, quest’ultima si trova in diverse centinaia di luoghi diversi. Questo rende difficile, se non impossibile, il monitoraggio.

Anche in questo caso, non sono tutte buone notizie, perché se da un lato ci sono molti vantaggi, dall’altro ci sono anche degli svantaggi. Il vantaggio è che c’è più libertà di espressione che mai, poiché c’è sempre – almeno in linea di principio – una certa moderazione dei contenuti e una certa politica da parte dei proprietari dei social media. Il rovescio della medaglia è che le truffe saranno meno controllate e potranno quindi proliferare senza essere sanzionate. Non è quindi facile trovare un equilibrio.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *