Le 5 migliori piattaforme per acquistare criptovalute nel 2022 – NotizieCriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 7 minuti
4.7/5 - (18 votes)

Non è mai facile scegliere la migliore piattaforma di trading di criptovalute. Soprattutto quando si è nuovi in questo settore in continua evoluzione. Ma anche per gli investitori più esperti alla ricerca di strumenti specifici per potenziare il proprio trading e renderlo più redditizio. Infatti, anche se il numero di borse centralizzate (CEX) è elevato, non tutte offrono gli stessi servizi o le stesse opzioni. E al di là della ricerca essenziale di sicurezza e affidabilità, la vera questione deve essere la strategia e le esigenze di ciascun utente. Ecco perché questo articolo presenta un elenco di piattaforme essenziali, ma anche tutte diverse tra loro.

Entrare nel mondo delle criptovalute può sembrare un percorso a ostacoli. Soprattutto quando ogni decisione riguarda direttamente la sicurezza dei propri fondi personali. Ecco perché è sempre importante prendersi il tempo necessario per scegliere le piattaforme su cui approdare. E questo senza lasciarsi trasportare dalla fretta spesso scatenata da un mercato dalla volatilità leggendaria. Perché è sempre nei primi momenti che i rischi di sbagliare sono maggiori.

 

Il vantaggio delle piattaforme centralizzate è che consentono di accedere a una serie di servizi in un unico luogo. Ma anche per usufruire di una sicurezza più o meno efficace, in relazione al deposito dei propri fondi per acquistare o scambiare criptovalute. Una buona base strategica prima di buttarsi nella frenesia di questo settore. E ora per lo più accessibile con una semplice carta di credito o tramite bonifici bancari. Ma con commissioni applicate che non sono sempre le stesse da una borsa all’altra.

La vera domanda da porsi quando si sceglie una piattaforma è cosa si vuole fare con essa. È sufficiente acquistare Bitcoin e lasciarlo riposare per qualche anno? Per trovare il posto migliore per accedere alle ultime criptovalute appena create. Oppure per accedere a strumenti di trading efficienti, adatti al trading giornaliero e più rischioso. Sapere che sono disponibili diverse scelte, al fine di diversificare e non puntare tutto su un unico paniere.

Tuttavia, è importante sapere che ogni piattaforma di scambio di criptovalute con sede all’estero deve essere segnalata in ogni dichiarazione dei redditi. Questo si ottiene compilando il modulo appropriato disponibile sul sito web del governo.

KuCoin – Un buon punto di partenza

Il Piattaforma KuCoin esiste dal 2017 ed è stato fondato da appassionati del settore. Lo stanno testando dal 2013, prima del lancio ufficiale. Con l’ambizione principale di offrire prima di altri criptovalute che non sono ancora disponibili altrove. Questo per consentire ai suoi utenti di posizionarsi il prima possibile su progetti promettenti, con i vantaggi e i rischi che ciò comporta. Di conseguenza, attualmente ne ha circa 600, molto più dei suoi diretti concorrenti.

KuCoin offre, come molte piattaforme centralizzate, una criptovaluta chiamata KCS nativa dedicata principalmente agli scambi. Quest’ultima permette – tra l’altro – di beneficiare di sconti su alcune delle sue offerte e di vantaggi specifici. Le sue commissioni di trading sono nella media, essendo comprese tra lo 0,09% e lo 0,1% per un conto utente di livello iniziale (LV1). Questo in relazione alla quantità di KCS detenute in borsa e/o al numero di scambi effettuati ogni mese. Un tasso che scende allo 0,005% per i membri di livello più alto (LV12).

Tutto ciò rende KuCoin una piattaforma di scambio di criptovalute molto completa. Con varie opzioni di acquisto e trading, ma anche derivati per i più esperti e audaci. Oltre a servizi di staking e di prestito che consentono di affrontare tutti gli aspetti dell’investimento in criptovalute in un unico ambiente. E tutto questo godendo di un’esposizione a un numero di criptovalute che non ha eguali in nessun altro exchange classificato nell’attuale top 5 del settore.

In sintesi:

Costi di negoziazione: tra lo 0,09% e lo 0,1%.
Costo di acquisto del CB (min. 30 USD): 1,99
Numero di criptovalute: circa 600.
Criptovaluta nativa: KCS

Clicca per andare a KuCoin “


FTX – La migliore piattaforma per il trading

Una delle rivelazioni dell’anno passato è senza dubbio la piattaforma FTX. Quest’ultimo è ora nella top 3, mentre era quasi sconosciuto poco più di un anno fa. Fondata nel 2019, il suo obiettivo è semplice: diventare la piattaforma leader per i trader attivi. Perché è proprio qui che risiede la sua forza e il suo attuale successo. Con circa 300 criptovalute disponibili in un ambiente sobrio costruito per l’efficienza. E molti derivati innovativi basati su una liquidità solida come una roccia.

Una formula che funziona, con una delle commissioni più basse del settore come segreto commerciale. Questi ultimi variano dallo 0,02% allo 0,04% a seconda del tipo di ordine (limite o mercato). Con la possibilità di abbassarli in base al volume di transazioni effettuate mensilmente. Ma anche della tenuta più o meno importante della sua criptovaluta nativa TLT.

Ma la piattaforma FTX è anche Derivati innovativi e molte caratteristiche specifiche applicate al trading di criptovalute. Come la possibilità di creare sottoconti per dividere il proprio capitale in base alle diverse attività. Oppure molti fondi indicizzati che consentono di posizionarsi in un settore specifico acquisendo esposizione a diverse criptovalute riunite in un unico “paniere”.

In sintesi:

Costi di negoziazione: tra lo 0,02% e lo 0,07
Non è possibile acquistare con carta di credito
Numero di criptovalute: circa 300.
Criptovaluta nativa: ITF

Clicca per andare a FTX “


Binance – Il leader indiscusso del settore

https://accounts.binance.com/fr/register?ref=58845763

Fondata nel 2017, la piattaforma Binance è attualmente e da diversi anni il leader indiscusso nel settore degli scambi, con una quota di mercato superiore al 30%. Questo è direttamente collegato al suo “catalogo”, che comprende più di 400 criptovalute secondo i dati del sito CoinMarketCap. Ma anche per la grande semplicità di utilizzo dei suoi numerosi servizi. Le commissioni sono fissate allo 0,1% per gli utenti di base (VIP 0) e diminuiscono in base al volume delle transazioni mensili (0,02% per uno status VIP 9). E uno sconto del 25% quando le transazioni coinvolgono BNB, la sua criptovaluta nativa.

Binance è una piattaforma ergonomica e ben congegnata che offre servizi economici e diversificati. E questo include sia il semplice acquisto di criptovalute, uno scambio a pronti (SPOT) di facile utilizzo, o derivati più rischiosi come i futures. Quest’ultima caratteristica dovrebbe essere evitata se si è alle prime armi. Offre anche tutorial e articoli specifici sul suo sito affiliato chiamato Binance Academy. Così come altri universi come Binance Research o Binance Cloud. Si tratta quindi di un’offerta molto completa e accessibile.

Si tratta di una piattaforma che può essere considerata un must al momento. E una delle migliori opzioni per iniziare a operare nel settore delle criptovalute. Con la possibilità di effettuare acquisti direttamente con la carta di credito con una commissione fino all’1,8%.

In sintesi:

Costi di negoziazione: 0,1%.
Commissione di acquisto CB (minimo 15 USD): 1,8%.
Numero di criptovalute: circa 400
Criptovaluta nativa: BNB

Clicca per andare su Binance “


Coinbase – La piattaforma storica

coinbase.com/join/viscon_g

La piattaforma Coinbase è una figura iconica nel mondo delle criptovalute. Creata nel 2012, è ancora una delle porte principali per muovere i primi passi in questo universo. Tuttavia, la sua offerta rimane limitata a poco più di cento criptovalute in totale (145). Inoltre, la sua piattaforma è nota per le difficoltà ricorrenti durante i principali picchi di attività del mercato (questo è anche il caso di Binance). Probabilmente a causa del suo secondo posto nel settore, con una quota di mercato ancora vicina al 20%.

Esiste una versione commerciale di Coinbase chiamata Coinbase Pro. È possibile accedere con le stesse credenziali e passare i fondi in criptovaluta da uno all’altro istantaneamente e senza commissioni. Questo al fine di eseguire transazioni più complesse, come l’immissione di ordini di acquisto o di vendita sul mercato. È adatto agli utenti più esperti che si troveranno rapidamente limitati dalla versione di base. Ma è ancora molto limitata rispetto ai suoi principali concorrenti.

Quali sono quindi i reali vantaggi di Coinbase? Affidabilità comprovata in termini di sicurezza e posizione di leadership nel settore. Ma onestamente non è così ovvio come lo era solo qualche anno fa. E la sua IPO (ticker: COIN) nel 2021 può essere un motivo per sceglierla, così come un motivo per decidere di evitarla.

Un buon motivo per scegliere Coinbase può anche essere l’offerta di 10 euro in Bitcoin (BTC) per un deposito minimo di 100 euro, con ogni nuova registrazione. Questo regalo è destinato all’acquisto di qualsiasi criptovaluta per quell’importo. E per poterne beneficiare, è necessario passare attraverso il link di affiliazione qui sotto.

In sintesi:

Costi di negoziazione: 0,1%.
Commissione di acquisto CB (min. 5 USD): 1,5% – Bonifico bancario: 3,99
Numero di criptovalute: circa 25.
Nessuna criptovaluta nativa

Clicca per andare su Coinbase “


Bitpanda – La piattaforma conforme a PSAN

https://www.bitpanda.com/?ref=549744142148929627

È impossibile stilare un elenco delle principali piattaforme di scambio di criptovalute senza includere una di quelle con lo status di fornitore di servizi di asset digitali (DASP). Questo sesamo normativo distribuito dall’Autorità dei Mercati Finanziari (AMF) per consentire la pratica legale sul territorio francese. Un’opzione che diventerà obbligatoria alla fine del 2020 e che la piattaforma Bitpanda è una delle prime ad aver ottenuto in questo momento. Questo anche se la piattaforma ha sede in Austria ed è quindi soggetta a una dichiarazione alle autorità fiscali di ogni conto creato, svuotato o chiuso durante l’anno.

La piattaforma Bitpanda e la sua versione Pro non offre tuttavia un’ampia varietà di criptovalute, con poco più di 50 in totale. Ma è comunque possibile trovare i più noti. Soprattutto per gli investitori la cui priorità è rimanere all’interno di un quadro giuridico definito. Questo è il suo principale vantaggio rispetto alle piattaforme precedenti.

Le commissioni applicate sono incluse nel prezzo di acquisto e vendita delle criptovalute, ma ammontano all’1,49%. Con commissioni di negoziazione abbastanza standard, pari allo 0,1% per chi fa e allo 0,15% per chi prende. Ma anche un’opzione di swap integrata che consente di scambiare una criptovaluta direttamente con un’altra, senza passare per stablecoin o BTC (che sono più economici). E anche la possibilità di acquistare metalli preziosi come l’oro o l’argento.

In sintesi:

Costi di negoziazione: tra lo 0,1% e lo 0,15%.
Commissione d’acquisto CB (min. 15 USD): 1,49
Numero di criptovalute: circa 400
Nessuna criptovaluta nativa

Clicca per andare su Bitpanda “

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.