India – La sua moneta digitale (MNBC) potrebbe "uccidere" stablecoins – NotizieCriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 3 minuti
4.3/5 - (14 votes)

Decisamente, tutti i regolatori del mondo hanno tirato fuori i loro argomenti “migliori” per cavalcare il crollo delle stablecoin UST. Con la stessa determinazione spesa per cercare di minimizzare l’impatto e lo sviluppo parabolico. E questa realtà va tenuta a mente: si tratta solo di una mossa da fare nel contesto di una concorrenza imprevista. Perché le criptovalute – e attualmente le loro versioni più o meno stabili – sono quel granello di sabbia negli ingranaggi sequestrati di un monopolio monetario in piena crisi. Ma non c’è da preoccuparsi, perché secondo il vice governatore della Reserve Bank of India (RBI) le valute digitali della banca centrale (CBD) uccideranno le monete stabili private. Spiegazione…

I cicli stagionali influenzano anche il settore delle criptovalute. Ed è chiaramente all’inverno che questo ecosistema sembra prepararsi. Mentre si moltiplicano gli annunci di ridimensionamento, da parte di un numero sempre maggiore di attori di questa economia digitale in crisi. Una tendenza confermata anche dall’arrivo in pompa magna di enti normativi e altri governi, in modalità ammazza-animali. Perché non c’è momento migliore per colpire la concorrenza se non quando è già in ginocchio.

Questo è un esercizio di stile che Rabi Sankar, vice governatore della Reserve Bank of India (RBI), ha appena intrapreso. Questo nel corso di un dibattito tenutosi questa settimana su “Il sistema dei pagamenti digitali in India e oltre”. E chiaramente questo “oltre” ha messo le ali al rappresentante di questa banca centrale. Secondo lui, infatti, l’imminente – ma ancora teorica – MNBC indiana potrebbe “uccidere le criptovalute private” di tipo stablecoin.

India – Le criptovalute non hanno valore intrinseco

L’India non è nota per essere uno dei pochi Paesi piuttosto aperti alle criptovalute. Le sue dinamiche interne sono molto più incentrate sul divieto di qualsiasi cosa legata alle loro cosiddette versioni private. Vale a dire, valute digitali emesse da aziende e altri protocolli indipendenti da qualsiasi struttura bancaria ufficiale. Questi ultimi sono gli unici autorizzati a creare denaro nell’attuale modello economico. Ma questo accadeva prima dell’avvento di Bitcoin e dell’ascesa della DeFi! Ma un fatto che Rabi Sankar non ha mancato di menzionare durante il suo discorso.

Una valuta ha bisogno di un emittente o di un valore intrinseco. Molte criptovalute che non hanno nessuna di queste caratteristiche sono ancora accettate al valore nominale. Non solo da parte di investitori creduloni, ma anche da parte di esperti, politici o accademici.. “Rabi Sankar “

Un discorso che ovviamente si tinge di una buona parte di approccio commerciale. Allo stesso tempo, Rabi Sankar parla del successo dell’interfaccia di pagamento unificata (UPI), in vigore in India ormai da cinque anni. Una soluzione peer-to-peer interna, sotto il controllo della banca centrale del Paese. E le cui transazioni sono cresciute del 160% all’anno, secondo i dati presentati dal suo governatore.

India – Un killer privato di criptovalute MNBC

E, allo stesso tempo, il vice governatore della banca centrale indiana non dimentica di sottolineare che le banche continueranno a essere essenziali per fornire servizi di liquidità al pubblico in India. E che, secondo lui, la tecnologia è solo uno strumento e non può essere usata per creare moneta. Sta parlando di stablecoin? E infine, come comprare criptovalute potrebbe affermare il contrario dal suo trono eretto sulla centralizzazione dell’emissione monetaria…

Riteniamo che le valute digitali delle banche centrali (CBDC) possano effettivamente essere in grado di eliminare tutti i piccoli casi d’uso applicati alle criptovalute private.. “

Rabi Sankar

Ma Rabi Sankar sembra dimenticare una cosa essenziale. Le criptovalute private – e le loro stablecoin – servono principalmente a fornire un’alternativa alle valute ufficiali. E soprattutto un modo per sfuggire ai controlli governativi sui fondi detenuti in questa forma, come la sorveglianza, il sequestro o persino la tassazione sistematica. Caratteristiche che la rupia indiana non potrà mai offrire, nemmeno in forma digitale o disponibile attraverso il peer-to-peer governativo.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.