Il Financial Stability Board chiede un giro di vite sulla regolamentazione delle criptovalute – NotizieCriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 4 minuti
5/5 - (5 votes)

 

Il Financial Stability Board si unisce a molte autorità di regolamentazione nel chiedere una regolamentazione più severa del settore delle criptovalute. A ottobre presenterà un rapporto ai ministri delle finanze e ai governatori delle banche centrali del G20, chiedendo un maggiore controllo su un ecosistema che è stato rivalutato come rischioso dopo gli oscuri eventi che hanno segnato la sua storia recente.

L’ecosistema delle criptovalute in forte tensione

È un bel momento per tutti gli appassionati di criptovalute. A parte il fatto che stanno vedendo il valore dei loro portafogli sciogliersi, ma solo nella loro equivalenza con una valuta di fusione come il dollaro o l’euro, il che non mette in discussione l’equazione per cui 1 bitcoin vale ancora 1 bitcoin, devono affrontare un ambiente popolato da pericoli e ostilità.

Da pericoli interni all’ecosistemaQuesti pericoli non sono privi di danni per molti utenti che non hanno più accesso ai loro beni. Questi pericoli non sono privi di danni per molti utenti che non hanno più accesso ai loro beni, ma hanno il merito di riportare in primo piano l’importanza della responsabilità individuale. Per intenderci, Rimanere il custode delle proprie criptovalute e non riprodurre lo schema classico dell’intermediazione affidando le proprie monete preziose a un custode che, come una banca, ne dispone come meglio crede e raramente, alla fine, per servire gli interessi dei singoli.

 

La responsabilità individuale al centro dell’impegno in crittografia

In effetti, esporsi alle criptovalute non sarà mai ripetuto abbastanza, richiede apprendimento. Non ci si avventura in esse senza aver acquisito almeno i riflessi di autoprotezione e senza aver applicato i principi di precauzione di base che consistono, di fatto, nel non fidarsi mai.

Una postura che può sembrare un po’ paranoica, ma che vi salverà da molte situazioni pericolose. In effetti, gli ultimi sfortunati eventi dimostrano fino a che punto i mantra “Non fidarti, verifica” e “Non le tue chiavi, non le tue monete”, che riecheggiano nel settore fin dalle sue origini, non siano vuota retorica. Le vittime di oggi sono coloro che le hanno ignorate, per ingenuità, pigrizia o avidità, e che, in un certo senso, hanno da biasimare solo se stessi. Ma gli Stati o gli organismi sovranazionali non la vedono così e trovano un argomento inarrestabile per reprimere oggi un’industria accusata di tutti i mali.

Reazioni regolatorie a catena

Per essere del tutto onesti, riconosciamo che la tentazione normativa era già presente prima di questo periodo buio. Di fronte alla crescita davvero incredibile dell’ecosistema, le autorità di regolamentazione di tutto il mondo hanno iniziato a lavorare, con vari gradi di successo, per imporre regole.

Ma di fronte a un fenomeno vasto e complesso, che sfugge alle norme abituali, il compito si è rivelato difficile. Inoltre, i tempi lunghi del legislatore non si conciliano con un ecosistema vibrante in continuo movimento e la reazione normativa era attesa da tempo. Ma oggi, il movimento è seriamente in corso. Innanzitutto, l’Europa sta andando al fronte nel modo più bello, fomentando uno dopo l’altro due progetti ben organizzati, MiCA e TFR. La Comunità europea ha già raggiunto un accordo (provvisorio) sul primo.

Un modello di efficienza (non parliamo dei contenuti, ovviamente!) che fa invidia, se dobbiamo credere ai proclami che riecheggiano dove tutti vogliono far sentire la propria voce per chiedere il controllo delle criptovalute. L’ultimo a pronunciarsi sull’argomento è il Financial Stability Board (FSB).

Anche l’FSB vuole dare il suo contributo alla regolamentazione delle criptovalute

L’organismo internazionale incaricato dal G20 (un raggruppamento delle economie più sviluppate del mondo) di monitorare e formulare raccomandazioni sul sistema finanziario globale, ha ora rilasciato una dichiarazione forte in cui afferma che proporrà regole globali “robuste” per le criptovalute in ottobre. e le monete stabili. Fino ad allora si era limitata a un ruolo di monitoraggio del settore, in quanto il mercato non rappresentava un rischio sistemico dal suo punto di vista, ma ora vuole essere un attore ispiratore – senza alcun potere legislativo, va ricordato, ma con raccomandazioni che vengono seguite – del cambiamento a causa delle recenti turbolenze che hanno rivelato le sue vulnerabilità strutturali e i suoi crescenti legami con il sistema finanziario più ampio.

Il fallimento di un partecipante al mercato, oltre a imporre perdite potenzialmente ingenti agli investitori e a minacciare la fiducia del mercato attraverso la cristallizzazione del rischio di condotta, può anche trasmettere rapidamente i rischi ad altre parti dell’ecosistema dei criptoasset. Può avere effetti di ricaduta su parti importanti della finanza tradizionale, come i mercati dei finanziamenti a breve termine.

Comunicato stampa dell’FSB

L’FSB è in sintonia con i recenti proclami di diversi enti regolatori o loro rappresentanti. Lael Brainard, vicepresidente della Federal Reserve statunitense, ha recentemente dichiarato che il settore delle criptovalute necessita di “forti tutele”, mentre la Banca d’Inghilterra, pur confermando il potenziale del settore, ha ribadito l’imperativo di regolamentarlo.

 

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.