Analisi di Bitcoin ed Ethereum – Prezzi di BTC ed ETH lunedì 11 luglio 2022 – NotizieCriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 4 minuti
4.8/5 - (5 votes)

Proprio quando Bitcoin ed Ethereum sembravano essere fuori dai guai per le minacce che incombevano sui rispettivi supporti, dobbiamo ammettere che il dubbio sta riemergendo ancora una volta. A tal punto che è lecito chiedersi se la tregua dai loro attuali mercati orso sarà di breve durata come lo è stata nel maggio scorso.

Il fine settimana appena trascorso non ha confermato il buon andamento dei prezzi di BTC ed ETH registrato tra il 3 e il 9 luglio. L’ultima analisi tecnica mostra uno status quo che fa disperare molti investitori in criptovalute. Finché non si assisterà a un rimbalzo tecnico, nuove tensioni potrebbero riemergere rapidamente.

Bitcoin – Difficoltà ad allontanarsi da 20.000 dollari

Mentre il Bitcoin è riuscito a mantenersi intorno al supporto di 20.000 dollari, sta lottando per allontanarsi da esso nella parte superiore. Questo dimostra che gli acquirenti non hanno il coraggio di fare pressione sui venditori. Inoltre, quest’ultimo non avrebbe alcun motivo di muoversi verso un rimbalzo tecnico. Finché il rimbalzo non è dimostrato né dal punto di vista fondamentale né da quello grafico, la minaccia al di sotto dei 20.000 dollari permane.

Sebbene gli indicatori tecnici mostrino la volontà di un rally, Lo stadio 4 di Weinstein continua a salire dall’inizio dell’anno. Soprattutto perché la media mobile a 30 settimane (MM30 settimanale) tende presto a scivolare sotto la resistenza a 35.000 dollari, il fondo della sua ultima gamma o canale orizzontale (rettangolo arancione). Si noti inoltre che la convalida della spalla-testa-spalla (ETE) e della linea discendente giocherebbero un ruolo enorme nell’impossibilità di una rapida inversione di tendenza.

Ipotizzando una ricaduta al di sotto dei 20.000 dollari, I prezzi del BTC rischierebbero di vanificare la sua ultima corsa al rialzo. Potrebbero tornare verso il supporto di 16.000 dollari. A vista, questa soglia sarebbe un passo intermedio verso il supporto altamente critico di 12.000 dollari. Ciò provocherebbe un effetto contagio, trascinando le altcoin al ribasso, compreso Ethereum, a prezzi a tre cifre.

Ethereum – Difficoltà ad allontanarsi da 1000 dollari

Mentre la resistenza a 1400 dollari è stata presa in considerazione, I prezzi di Ethereum hanno invertito la rotta nel fine settimana. E l’apertura della settimana non suggerisce ancora un salto significativo al di sopra del livello di supporto di 1.000 dollari. Questo rischia di dare più benzina al fuoco ai venditori, che non chiedevano così tanto.

Proprio come Bitcoin, ma in grande stile, La Fase 4 di Weinstein si sta arenando più che mai. Non solo la MM30 settimanale si sta allontanando bruscamente dalla linea discendente dall’ultimo ATH del novembre 2021. Ma purtroppo sarebbe tornato a contatto con il fondo del suo gamma (rettangolo arancione) intorno al supporto dei 2300 dollari. Questo indica un mercato orso dei prezzi dei PF che non mostra segni di debolezza. E anche un rimbalzo tecnico non cambierebbe la partita. Tanto che i livelli di inversione non sono neanche lontanamente vicini all’Everest.

Se lo scenario di ricaduta dovesse prevalere di nuovo nelle prossime settimane, la minaccia al di sotto dei 1.000 dollari tornerebbe ad essere più chiara. L’obiettivo legittimo è il supporto di 700 dollari, che non è stato rivisitato dalla fine di dicembre 2020. Questo darà grattacapi agli investitori in criptovalute che vedranno laEthereum perde quasi l’85% del suo valore. Si tratta ancora di un 10% in meno rispetto al precedente mercato orso del 2018.

BTC e ETH – In attesa dei dati sull’inflazione negli Stati Uniti

La settimana sarà segnata dai dati sull’inflazione di giugno negli Stati Uniti, pubblicati dopodomani. E questo probabilmente fornirà maggiori informazioni sulla possibile portata del mercato orso di Bitcoin ed Ethereum. Perché in caso di un’impennata dell’inflazione, potremmo immaginare un rimbalzo tecnico o un rally dell’orso che inizi finalmente a farsi vedere. Ciò consentirebbe a BTC ed ETH di raggiungere rispettivamente i livelli di resistenza di 26.000 e 1400 dollari.

Al contrario, I venditori intendono piantare il chiodo rapidamente? Solo per vedere l’attuale mercato orso raggiungere nuove profondità attraverso una fase di capitolazione. In tal caso, dovremmo aspettarci qualcosa di imprevedibile che metterebbe in imbarazzo l’intero settore delle criptovalute. E con una Fed decisa a inasprire la politica monetaria, gli episodi di estrema volatilità continueranno ad affliggere, accompagnati da una crisi di fiducia che non è destinata a diminuire presto.


Il trading di criptovalute comporta un elevato livello di rischio e potrebbe non essere adatto a tutti. Si raccomanda di informarsi bene sui rischi associati e di investire solo le somme che ci si può permettere di perdere.

Il contenuto del sito web NotizieCriptovalute.it ha finalità esclusivamente educative e informative. Non costituisce una raccomandazione e non può essere considerata un incentivo alla negoziazione di strumenti finanziari.

NotizieCriptovalute.it non garantisce i risultati o le prestazioni degli strumenti finanziari presentati. Pertanto, decliniamo ogni responsabilità per l’uso che può essere fatto di queste informazioni e per le conseguenze che ne possono derivare.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *