Ethereum 2.0 – "Prima prova generale" prima della fusione di Proof of Stake (PoS) – NotizieCriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 2 minuti
4.9/5 - (8 votes)

La rete Ethereum è l’emblema di un settore delle criptovalute in costante evoluzione. Ma anche di una dinamica edilizia che non si cura dei capricci di questo mercato cronicamente instabile. E questo anche se si divide su quanto sia ancora il futuro o già il passato, versione king of shitcoins. Una decisione personale che non può però ignorare la forza e l’ubiquità di questa storica blockchain del trend Money Lego. Con la prospettiva di una fusione nella sua versione Proof of Stake come prova dei fatti. E una “prima prova generale” che darà senza dubbio un’idea della tendenza…

La rete Ethereum è un punto fermo storico del settore delle criptovalute. Anche se nell’ultimo anno è diventato una “blockchain per ricchi” agli occhi dei nuovi arrivatiLa maggior parte di loro è già partita. Con commissioni di transazione che brillano solo per i loro nuovi e poco credibili massimi. Ma un progetto con una forza comunitaria e un decentramento senza precedentiPer coloro che sono ancora interessati a questo tipo di dettagli.

 

Una dinamica all’altezza delle sue ambizioni, con il passaggio a una versione storica di Proof of Stake (PoS). Questo vale anche se i ritardi successivi finiscono per far slittare la scadenza, come l’età della vecchiaia nel corso degli anni. Ma qualunque cosa accada, questo nuovo “strato di consenso” si verificherà. Ma non prima della fine di quest’annosecondo l’ultima prognosi. E più probabilmente nel 2023, se si tiene conto della flessibilità del calendario utilizzata finora e di eventuali problemi (non si tratta di una stima ufficiale).

Ethereum 2.0 – Una “prima prova generale”.

Ma la data non ha importanza, purché il risultato sia operativo. Perché l’obiettivo principale è quello di ridurre l’impronta ecologica della rete Ethereum, offrendo al contempo funzionalità più fluide e presumibilmente più economiche. È per questo che si susseguono numerose fasi di prova e forchette ombra, per convalidare ogni progresso decisivo. E l’ultima è simbolica, perché è la “prima prova generale”.

La più antica testnet PoW di Ethereum passa a Proof of Stake (PoW)! Oggi è stata lanciata una nuova catena di tag e The Merge è atteso per l’8 giugno sulla rete. Operatori dei nodi: questa è la prima prova generale.

In effetti, èun passaggio alla Proof of Stake per la più antica testnet della rete Ethereum, che risponde al piccolo nome di Ropsten. Quest’ultimo è stato lanciato nel 2016 ed è stato utilizzato in questo caso per effettuare la fusione in totale sicurezza. E senza che questa operazione abbia alcun impatto sulla vera blockchain principale. Perché rappresenta la sua migliore copia attuale, mentre offre una versione inutile del PF per eseguire tutti i test necessari.

 

Tuttavia, ci sono ancora alcuni aggiustamenti da apportare prima che la fusione venga effettivamente attivata. Come definire una difficoltà di estrazione sul lato PoW. O un ultimo aggiornamento prima di effettuare questo storico passaggio. Ma tutto fa pensare che la data dell'”8 giugno circa” deve essere rispettata. Una questione da seguire con attenzione…

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *