Tether (USDT) ancora nei guai bancari – NotizieCriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 2 minuti
4.4/5 - (12 votes)

Tether, la società dietro USDT, continua ad essere al centro delle cronache per la sua incorreggibile propensione all’opacità. Nonostante l’ambiente di sfiducia nel mercato delle stablecoin, continua a preferire l’omissione di informazioni alla trasparenza, soprattutto quando si tratta dell’identità dei suoi partner bancari.

E i partner bancari di Tether?

A Tether, l’emittente di stablecoin (USDT), la trasparenza piace ancora solo fino a un certo punto. Quando non si tratta della natura delle sue riserve di dollari, sono i suoi partner finanziari a sollevare dubbi.. Cosi , il financial times ha rivelato questa settimana che alcune delle riserve dell’USDT sarebbero state conservate in una piccola banca delle Bahamas, la Capital Union. Questa affermazione non è stata confermata da Tether, che si rifiuta di rivelare chiaramente i nomi dei suoi partner bancari, in quanto non è legalmente obbligata a farlo in quanto società privata.

Queste informazioni sono preoccupanti in quanto Capital Union non sembra avere una spina dorsale molto forte, in particolare a causa delle sue dimensioni – solo 1 miliardo di dollari di asset in gestione – e del suo funzionamento alquanto opaco. Ma Tether si difende dicendo Tether ha “forti relazioni con oltre sette, otto banche in tutto il mondo”.. Se ne conosce almeno una, anch’essa con sede alle Bahamas, la banca offshore Deltec, che, a seguito dell’ennesimo episodio sospetto, ha rivelato di annoverare l’emittente USDT tra i suoi clienti.

La tendenza di Tether ad aggrapparsi alla segretezza le è già costata, tra cui una multa di 18,5 milioni di dollari in una controversia sulla natura del suo rapporto bancario con l’ufficio del procuratore generale di New York. Un’inezia, senza dubbio, vista la sua capitalizzazione di oltre 72,5 miliardi di dollari, visto che non ha incoraggiato la trasparenza.

Tether non rinuncia alla segretezza

Ed è qui che il comportamento di Tether può sembrare sospetto. Lo è, si comporta come se, mettendo le carte in tavola, rischiasse molto di più. Tuttavia, la sua capacità finora di gestire i rimborsi sembra, dal suo punto di vista, azzerarla. Perché cercare la trasparenza a tutti i costi, sia sui suoi partner finanziari che sulla natura delle sue riserve, visto che il suo sistema funziona. Sarebbe probabilmente, nella sua logica, esporsi a complicazioni inutili.

Un azzardo difficilmente sostenibile nel contesto attuale. Lo dimostra il panico che ha colpito gli utenti subito dopo il crollo dell’algoritmo della stablecoin UST, quando l’USDT è sceso temporaneamente sotto 0,95 dollari. Anche se la situazione è stata rapidamente rettificata, la reazione degli investitori sotto forte pressione è una un segnale forte per la prima delle stablecoins che sta gradualmente perdendo il suo predominio a vantaggio dell’USDC e della stablecoin di Binance (BUSD), considerati più affidabili perché più trasparenti.

Ad oggi, non è probabile che l’USDT scenda finché i singoli e gli investitori professionisti non decideranno di ritirare in massa i loro fondi. Ma rimane sotto stretto controllo, soprattutto da parte delle autorità di regolamentazione che stanno accelerando i loro piani di regolamentazione delle monete stabili, con il leader al centro delle loro preoccupazioni.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.