Dubai, il nuovo Eldorado per le società di criptovalute- Notiziecriptovalute

Dubai, il nuovo Eldorado per le società di criptovalute
⌛ Tempo di lettura : 4 minuti
4.7/5 - (24 votes)

Molte società di criptovalute hanno scelto di recente Dubai, la città più popolosa degli Emirati Arabi Uniti, per stabilire una base regionale (o internazionale), tra cui Binance, FTX, Crypto.com e Bybit. Secondo gli osservatori, la nuova legge sui beni virtuali è stata un elemento chiave per le aziende in cerca di chiarezza normativa, che potrebbe portare Dubai a guadagnare importanza nei mesi e negli anni a venire.

Dubai sembra aver sottratto una buona fetta di aziende del settore crittografico da Singaporeche a sua volta era ben nota per il suo approccio normativo favorevole alle criptovalute. Le autorità di Singapore sembrano aver fatto una svolta di 180° verso il settore delle criptovalute e poche società stanno ricevendo i permessi necessari per operare nel Paese.

Regolamentazione delle criptovalute a Dubai

I primi passi di Dubai nel settore delle criptovalute risalgono al 2018 con l’annuncio di una strategia blockchain che è stato articolato intorno a tre assi:

  • Migliorare l’efficienza del governo integrando il 100% delle transazioni governative in una rete blockchain, con l’obiettivo di spostare le pratiche intergovernative sulla blockchain attraverso una nuova start-up locale denominata ArabianChain ;
  • In secondo luogo, il rafforzamento dell’attività industriale attraverso la creazione di un nuovo modello di business basato sulla blockchain;
  • Infine, questa strategia mira a garantire la posizione di Dubai come leader globale in termini di adozione e implementazione di reti e transazioni Blockchain.

Dubai ha continuato a rafforzare il quadro normativo sulle criptovalute con l’introduzione della legge sui beni virtuali (Legge sui beni virtualiVAL). La legge, approvata alla fine di febbraio ed entrata in vigore all’inizio di marzo, ha istituito l’Autorità di regolamentazione degli asset virtuali (Autorità di regolamentazione degli asset virtualiVARA) come principale regolatore del settore delle criptovalute. Paritosh Gambhirpartner dello studio di servizi finanziari di KPMG Golfo Inferiore detto a notiziecriptovalute.it :

“È stata inoltre istituita la Dubai Virtual Assets Regulatory Authority, un’autorità indipendente, per supervisionare la regolamentazione, la concessione di licenze e la governance degli asset virtuali, dei token non fungibili (NFT) e delle criptovalute. Quando la regolamentazione si adegua alla tecnologia, ne facilita l’adozione su larga scala ed è incoraggiante vedere che le principali borse sono all’avanguardia.”

VARA, un processo l’acquisizione di terreni in La scatola di sabbia (SAND), un’iniziativa che, secondo il relativo comunicato stampa, intende facilitare “l’impegno collaborativo” tra i fornitori di servizi di asset virtuali, le autorità di regolamentazione internazionali e i leader del settore.

Paritosh Gambhir osserva inoltre che l’attenzione di Dubai per l’innovazione e lo sviluppo della finanza contribuisce alla sua attrattiva. Dubai è nota per il suo “zone franche“(zone franche) – luoghi in cui i non cittadini e i non residenti possono facilmente costituire società interamente controllate per ottenere visti e licenze commerciali. Il Centro Multi Commodities di Dubai (DMCC) è una di queste aree che, oltre al commercio dell’oro, dei diamanti, del tè e del caffè, ospita il Centro crittografico DMCC. Qui le aziende blockchain non pagano tasse e possono facilmente sponsorizzare visti di residenza per i proprietari, i dipendenti e le loro famiglie.

Una svolta che comporta dei rischi

All’inizio di marzo, il Gruppo di azione finanziaria (GAFI) ha aggiunto gli Emirati Arabi Uniti alla sua lista “grigia” di Paesi da monitorare più da vicino per quanto riguarda la conformità alle norme antiriciclaggio. I rapporti hanno anche suggerito che il Paese è stato lassista nel far rispettare le proprie leggi antiriciclaggio.

Tuttavia, alcuni analisti ritengono che la decisione del GAFI potrebbe indurre Dubai a intensificare la vigilanza sul riciclaggio di denaro. Dina Mattar CEO di DVerse una società di marketing e PR con sede a Dubai, ha dichiarato a notiziecriptovalute.it :

“Non credo che avrà un impatto negativo sullo stato del Paese. Saranno i primi a collaborare con il GAFI per garantire la correzione di eventuali danni alla reputazione e, secondo il GAFI con sede a Parigi, gli Emirati Arabi Uniti hanno già compiuto progressi significativi in questo senso”.

Per la maggior parte degli operatori del settore, questa maggiore conformità non farà che aumentare l’attrattiva del settore a Dubai.

In generale, gli Emirati Arabi Uniti hanno scelta per posizionarsi come leader nei beni digitali, nel tentativo di diversificare strategicamente dalle esportazioni di petrolio. Tuttavia, gli osservatori si interrogano sulla mancanza di uniformità della legislazione in materia di criptovalute negli Emirati Arabi Uniti: ogni emirato ha diversi organismi di regolamentazione, per un totale di 30 autorità di regolamentazione in tutto il Paese. Per ora, a giudicare dal numero di eventi sulla blockchain e sulle criptovalute organizzati nella regione, questi dettagli non sembrano preoccupare gli operatori del settore.

Seguite i nostri link di affiliazione:

 

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *