MiCA 2 – Christine Lagarde vuole "per andare oltre" nella regolamentazione delle criptovalute – NotizieCriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 4 minuti
4.7/5 - (24 votes)

 

L’Europa è all’avanguardia nella regolamentazione aggressiva del settore delle criptovalute. Con un disegno di legge MiCA ancora in fase di elaborazione, ma che sta già facendo venire i sudori freddi agli operatori dell’economia digitale. E proposte improbabili come il divieto della Proof of Work (PoW) di Bitcoin dimostrano semplicemente l’ignoranza di chi vuole controllare questo ecosistema. Una vendetta guidata dal Presidente della Banca Centrale Europea (BCE) Christine Lagarde. Quest’ultimo sta già pensando a un MiCA 2 ancora più restrittivo della versione iniziale.

La gestione del settore delle criptovalute non è affatto semplice a livello internazionale. Alcuni Paesi stanno cercando di integrare al meglio le innovazioni. E dall’altra l’Europa che cerca le proposte peggiori per cercare di bloccarla, con il suo disegno di legge sul MiCA. Tanto che alcuni Paesi, come la Germania, si rifiutano di allinearsi ai suoi requisiti di sorveglianza, ritenuti abusivi. Ma ovviamente questo non impedisce a Christine Lagarde di pensare “più in grande” in questo settore.

In effetti, l’attuale presidente della Banca centrale europea (BCE) è particolarmente nota per l’odio espresso nei confronti delle criptovalute e di tutto ciò che le riguarda. Beni digitali “senza valore”, ma che devono essere regolamentati il prima possibile. Una posizione confermata ancora una volta la scorsa settimana. Questo durante un discorso alla Commissione per i problemi economici e monetari del Parlamento europeo. In questa occasione, infatti, Christine Lagarde ha parlato della necessità diun MiCA 2 “che avrà un campo di applicazione più ampio e regolerà in modo più approfondito. ” Un bel programma!

MiCA 2 – Il ritorno!

Tutto è accaduto il 20 giugno. Christine Lagarde ha parlato alla Commissione per i problemi economici e monetari del Parlamento europeo. Tutto questo in qualità di presidente del Comitato europeo per il rischio sistemico, il cui solo nome fa venire i sudori freddi. Un evento in cui le è stato chiesto di parlare di criptovalute con l’europarlamentare Aurore Lalucq, nota anche per la sua avversione viscerale nei confronti dell’economia digitale. È chiaro che da un simile incontro non potrebbe uscire nulla di veramente positivo per il settore. Ma non c’era nemmeno alcuna indicazione che si sarebbe parlato diun possibile MiCA 2anche se la sua versione iniziale è ancora agli atti delle autorità europee.

Accogliamo con favore l’arrivo del MiCa 1. Ma vi incoraggiamo a proseguire e a sviluppare il MiCa 2, che avrà un campo di applicazione più ampio e regolamenterà ulteriormente alcune di queste innovazioni, in quei territori inesplorati che mettono a rischio i consumatori e in cui la mancanza di regolamentazione spesso consente di coprire frodi, manipolazioni, speculazioni e attività criminali.. “

Christine Lagarde

Auto il disegno di legge MiCA non è ancora in vigore. In effetti, sta ancora andando avanti e indietro nel labirinto amministrativo europeo. Ciò è particolarmente vero dopo la bocciatura del divieto del meccanismo di Proof of Work di Bitcoin, avvenuta lo scorso marzo. Una vittoria strappata all’ultimo minuto, prima del voto vero e proprio. Ma è chiaro che un avvertimento sulla natura altamente liberticida di questo progetto non è stato ascoltato dai promotori di questa farsa repressiva.. Anche se alcuni cripto-attori hanno scritto una lettera all’attenzione dei leader europei. L’obiettivo è chiedere un “trattamento equo del settore”, che evidentemente non è una priorità.

 
MiCA 2 = MiCA 1 + Bitcoin?

Ma cosa potrebbe riservare il MiCA 2 di peggiore rispetto alla versione iniziale? In ogni caso, a parte l’annosa questione della sicurezza degli investitori e la natura altamente criminale – e soprattutto fantasiosa – dell’uso delle criptovalute. Una domanda a cui Christine Lagarde non ha mancato di rispondere durante il discorso. Con 3 punti specifici che, secondo lei, richiedono un’attenzione particolare. E questo per affrontare “il rischio di interconnessione con le istituzioni finanziarie esposte ai cripto-asset”.

 

 
Il primo punto affrontato è criptovaluta staking cioè il deposito di criptovalute a pagamento sotto forma di API. Ma questo include ovviamente anche i prestiti a fronte di premi. Settori che Christine Lagarde ritiene si stiano sviluppando troppo rapidamente. E che al momento sta attraversando notevoli difficoltà, come nel caso di BlockFi.
 

C’è poi il problema della finanza decentrata (DeFi). “Perché quando gli intermediari finanziari non esistono, la legislazione non si applica. Una situazione alla quale Christine Lagarde vuole porre fine con il suo MiCA 2. Con la possibilità, dice, di includere il Bitcoin, che “non è coperto dal MiCa 1”. Ma spera che “MiCa 2 ne tenga conto”.

Infine viene il caso di l’emissione di criptovalute “in assenza di un emittente identificabile”. È il caso di molti asset digitali del settore DeFi, ma non solo. Ancora una volta Christine Lagarde fa riferimento al Bitcoin, per il quale afferma che “è assolutamente così”. Ciò suggerisce che potrebbe rimanere uno dei potenziali obiettivi della prossima versione del disegno di legge MiCA. Anche dopo il fallimento del divieto di Proof of Work…

 

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.