Celsius – Piano di salvataggio vs. “non le vostre chiavi private, non le vostre criptovalute” – Notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 3 minuti
4.7/5 - (17 votes)

In poche settimane, Celsius è diventato uno dei simboli dell’attuale crollo del mercato delle criptovalute. Ma anche della necessità di diffidare di offerte troppo allettanti, anche se provenienti da strutture centralizzate. Innescato dalla perdita della stablecoin UST e dalle drammatiche conseguenze sull’ecosistema Terra che tutti conoscono. E una recente bancarotta ufficiale che solleva molte domande su cosa accadrà ai suoi utenti e ai loro fondi digitali presi in ostaggio in questo caso. Con un piano di recupero appena annunciato che merita qualche chiarimento…

L’azienda Celsius è ufficialmente in bancarotta dal 14 luglio. L’azienda ha presentato istanza di fallimento a New York. Ma un blocco di tutti i prelievi da parte dei suoi utenti era già stato messo in atto dal 13 giugno, nel bel mezzo del post Terrapocalittico. Un vero colpo per questa piattaforma, leader nel settore del risparmio in criptovalute, allora molto redditizio.

Le difficoltà sono in gran parte da considerarsi una conseguenza diretta dell’eccessiva esposizione alla stablecoin UST del progetto Terra (LUNA). Le offerte di improbabili restituzioni sollevano ora la questione del rimborso per questi clienti. Ma le cose non sono così semplici. E tra obblighi legali e una legislazione poco chiara sulle criptovalute, l’azienda ha appena annunciato un piano di risanamento. L’azienda sta attualmente cercando di ottenere il “consenso della comunità” per completare il piano.

Celsius – Piano di recupero in corso?

L’annuncio è arrivato solo poche ore fa. Celsius prevede di attuare un piano di recupero per cercare di salvare il salvabile.. E per quanto riguarda i suoi utenti, questo riguarda i loro fondi di criptovaluta ancora in ostaggio in questo caso. Perché almeno in questo ambito le cose sono chiare: questi ultimi non appartengono più a loro, a vantaggio della società Celsius, che ne è diventata l’unica proprietaria legale. E questo nel momento stesso in cui vengono depositati sulla sua piattaforma in conti di tipo Guadagnare e prendere in prestitoin conformità con i suoi termini di servizio (ToS). Questo significa in pratica – e secondo i suoi avvocati – che Celsius è libera di “usare, vendere, dare in pegno e ri-immobiliare questi fondi” come vuole.. Non le vostre chiavi private, non le vostre criptovalute…

Una realtà che dà un senso del tutto nuovo alla recente dichiarazione di Celsius su Twitter di un “piano di riorganizzazione”. Quest’ultimo è stato presentato come un elemento che richiede un “consenso da parte della comunità”, che ovviamente è già stato raggiunto.… nel senso letterale del termine. Con la creazione di un comitato istituito dall’US Trustee, incaricato di gestire i fallimenti negli Stati Uniti. Questo per servire gli interessi dei suoi clienti in questo caso. Perché il recupero dei fondi non è ovviamente all’ordine del giorno..

 

Celsius – Rimanere in posizione “long

Ma cosa propone Celsius in questo piano di salvataggio? Ovviamente, la possibilità per i suoi clienti di rimanere in posizione rialzista (long) in attesa di giorni migliori. Perché l’obiettivo è aspettare la fine dell’inverno delle criptovalute per considerare un ritorno al rialzo del mercato delle criptovalute. Ma qualcosa di più sostenibile di un semplice rimbalzo tecnico. E la capacità di Celsius di vendere le sue partecipazioni e liquidare le sue posizioni a prezzi che le impediscano di fallire definitivamente. E solo allora per ripagare i propri clienti.

Intendiamo presentare un piano che offra ai clienti l’opportunità di mantenere un posizionamento lungo con le loro criptovalute.. “

Celsius

E infatti, l’adesione rivendicata dalla società riguarda un tacito accordo da parte dei suoi clienti di non cercare di ritirare i loro fondi – più precisamente i fondi di Celsius – prima di questo ritorno al rialzo. Questo nel contesto di un rimedio legale complesso e rischioso quando si tratta di procedure fallimentari. Anche se questo può richiedere mesi (o anni) per concretizzarsi. E nel caso in cui siano abbastanza fiduciosi da ritenere che questo scenario sia ancora possibile, visto che la tendenza attuale è piuttosto verso una debacle tra gli investitori.

 

Una scelta difficile per i clienti Celsius. Perché aspettare giorni migliori non significa necessariamente che tutto andrà bene. Ma, in definitiva, non più di una richiesta di fondi da parte di un’azienda che non è in grado di restituirli. Soprattutto considerando che è diventato l’unico vero proprietario legale. Un caso da seguire… e una lezione da imparare!

Protected by Copyscape

Un pensiero su “Celsius – Piano di salvataggio vs. “non le vostre chiavi private, non le vostre criptovalute” – Notiziecriptovalute

  1. Pingback: Chat Online

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.