Barclays fa un altro piccolo passo verso le criptovalute – NotizieCriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 2 minuti
4.7/5 - (12 votes)

Il colosso bancario britannico Barclays dovrebbe partecipare alla raccolta fondi di Copper, una società di servizi di crittografia dedicata alle istituzioni. Secondo quanto riferito, l’accordo è in fase di definizione.

Barclays investe nel rame

Barclays si sarebbe impegnata nell’ultimo aumento della società di custodia di criptovalute Copper. La partecipazione sarebbe stata conclusa dopo lunghe trattative nell’ambito di un round di finanziamento ritardato da novembre. Ciononostante, la banca, secondo Notizie Sky, dovrebbe investire solo una “somma relativamente modesta” di pochi milioni di dollari.

Barclays, che non è sempre stata molto tenera nei confronti del settore delle criptovalute, rifiutando in particolare di fornire i propri servizi a Binance e Coinbase, sembra favorire un diverso tipo di coinvolgimento. Quindi, prima del suo investimento nel rame, era già coinvolto con un altro fornitore istituzionale di servizi di criptovaluta. Infatti, la banca si è unita ad altri grandi nomicome Goldman Sachs e Galaxy Digital, in un round di finanziamento per Elwood Technologies lo scorso maggio.

Un round di finanziamento che sembra una passeggiata nel parco

Copper, che dal 2018 fornisce servizi di trading e custodia di criptovalute agli investitori istituzionali, ha cercato di raccogliere almeno 500 milioni di dollari a partire dall’ultimo trimestre del 2021 per raggiungere una valutazione di 3 miliardi di dollari.

Ma l’azienda ha incontrato diversi ostacoli. In primo luogo, il un problema di regolamentazione con la Financial Conduct Authority del Regno Unito che ha imposto ai fornitori di servizi di asset digitali di richiedere una registrazione temporanea per poter continuare a operare. Un pasticcio che ha vanificato le procedure di investimento, anche con l’investitore ricorrente Tiger Global. Poi il declino del mercato delle criptovalute accompagnato da un relativo disinteresse da parte degli investitori ha ridimensionato le sue ambizioni di una valutazione di 2 miliardi di dollari.

L’anno scorso la società, che annovera l’ex cancelliere britannico Philip Hammond tra i suoi consulenti, ha raccolto 75 milioni di dollari a una valutazione non rivelata.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.