Andorra: adottato il quadro normativo per le criptovalute e la blockchain-NotizieCriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 3 minuti
5/5 - (8 votes)

Le criptovalute sono divise quando si tratta di regolamentazione a livello internazionale. Alcuni Paesi stanno per rendere il Bitcoin la loro valuta ufficiale. E di fronte a ciò, una volontà repressiva che si inasprisce costantemente, come avviene attualmente con la legge MiCA in Europa. Una disuguaglianza che richiede di scegliere da che parte stare prima di redigere il quadro giuridico desiderato. E il Principato di Andorra lo ha appena fatto. Con una tendenza all’apertura, ma con alcune approssimazioni da rivedere.

Definire un quadro giuridico applicabile al settore delle criptovalute è come una corsa a ostacoli. Con un aumento commisurato della difficoltà di limitarne l’adozione e lo sviluppo. Si tratta di una dinamica in cui l’Europa è chiaramente coinvolta con la sua proposta di legge MiCA. E il capo della BCE, Christine Lagarde, cerca costantemente di “andare oltre” in questo settore. Al punto da chiedersi quali altre aberrazioni emergeranno da questa ossessione repressiva senza limiti.

Ma ci sono Paesi in Europa che non sono membri dell’Unione Europea. Con il vantaggio di veder emergere posizioni decisamente in controtendenza rispetto a quanto imposto a questo (troppo) vecchio continente. Come è avvenuto di recente con la decisione del Regno Unito di eliminare i requisiti di identificazione per i portafogli self-hosted. Pur ritenendo che il potenziale delle criptovalute debba essere regolamentato, non deve essere soffocato. Una direzione che il Principato di Andorra sembra deciso a intraprenderecon l’obiettivo di “incoraggiare l’insediamento di nuove imprese nel suo territorio”.

Andorra – Un quadro giuridico per le criptovalute

L’approccio del Principato di Andorra alle criptovalute non è nuovo. Infatti, alcuni membri del suo Consiglio Generale stanno lavorando da mesi a una legge per controllare l’integrazione delle criptovalute nell’economia nazionale.. Un “periodo complesso” secondo David Montané, consigliere generale dei Democratici di Andorra e uno dei promotori del testo. Si tratta infatti di un documento presentato come “molto tecnico”, il cui obiettivo è quello di “regolamentare molti aspetti di questo mondo digitale”. Con l’Autorità Finanziaria Andorrana (AFA) come ente responsabile della sua applicazione. che sarà responsabile del rilascio delle licenze e della supervisione della loro effettiva attuazione.

 

David Montané spiega che questa economia digitale “rappresenta un’opportunità per molte aziende e investitori” in Andorra. Ma è anche un rischio per la “credibilità” del suo governo. Ecco perché dice che questa legislazione ha fatto in modo di fare le cose “nel modo più corretto” possibile. Ma è chiaro che la complessità era maggiore del previsto. Secondo alcuni analisti, come Josselin Tonnellier, cofondatore di StackinSat, c’è un’evidente confusione in questa legge tra criptovalute, tecnologia blockchain, token NFT o Bitcoin. Anche se sottolinea che “Andorra è uno dei pochi Paesi europei fuori dalla giurisdizione del Parlamento europeo”. Il che rende il suo approccio molto interessante, con uno status paragonabile a quello della Svizzera.

Andorra – Moneta sovrana digitale programmabile (DSDP)

Ma sembra esserci un’altra ragione per l’introduzione di questo disegno di legge. E in questo caso si tratta del possibile dispiegamento di una “moneta sovrana digitale programmabile” di Andorra.. Una sorta di moneta digitale della banca centrale (CBDN) con un tocco di principato. Il suo scopo principale è quello di essere utilizzato come un mezzo di pagamento per il pubblico in generale. Ma anche una nuova forma di emissione di obbligazioni per lo Stato, in modo da ottenere finanziamenti. Tutto questo senza dover passare per il processo “tradizionale”, che richiede il pagamento di costi molto elevati.

 

Due parti della stessa legge per prendere in considerazione le valute digitali nel senso più ampio del termine. Anche se sembra importante specificare che le valute – anche digitali – delle Banche Centrali non hanno assolutamente nulla a che fare con le criptovalute, come il Bitcoin. Questo è uno dei motivi per cui il Principato di Andorra dovrà rivedere la sua copia, al fine di apportare alcuni chiarimenti aggiuntivi. Tutto questo per poter affermare di essere un territorio accogliente per i progetti nel settore delle criptovalute e della tecnologia blockchain.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.