Analisi di Tezos – L’ultima resistenza prima del salto? – notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 2 minuti
4.7/5 - (17 votes)

Dopo settimane di attesa e di range, la criptovaluta XTZ sta dando un primo segnale positivo a breve termine. Tuttavia, restano da convalidare i passi da compiere nel medio termine. Analisi.

XTZ – Grafico settimanale: Tenkan come peggior nemico

Dal dicembre 2021, XTZ è stato bloccato dalla Tenkan settimanale. E al momento, questa Tenkan continua a tirare i prezzi verso il basso. Sebbene abbiano trovato supporto sull’ex massimo del 2019, si osserva una compressione intorno a quest’area. Sotto forma di triangolo discendente, tra la Tenkan e il supporto di medio termine. Alcuni segnali rimangono comunque positivi.

 


XTZ – Grafico settimanale

Innanzitutto, l’indicatore MACD continua a convergere verso l’alto, il che dimostra che la forza di vendita sta diminuendo al livello di supporto di 1,39 dollari. L’indicatore DMI conferma questo calo di forza del trend discendente. Con l’ADX in calo e in perdita di forza.

Per dare un vero segnale di inversione a medio termine, la Tenkan e la linea di tendenza discendente a 1,53 dollari dovranno essere rotte. Solo allora XTZ invierà un messaggio realmente positivo al mercato.

XTZ – Grafico giornaliero: salto a breve termine


Dopo alcuni giorni difficili, con i prezzi sul punto di rompere il supporto di medio termine, XTZ è riuscito a rimbalzare e a dare un primo segnale di allarme rialzista.

XTZ – Grafico giornaliero

Il Kijun giornaliero è stato rotto al rialzo. Questa mossa ha spinto i prezzi a testare la parte inferiore della nuvola e la linea di tendenza discendente. Vale la pena notare che la Lagging Span è ancora bloccata dai prezzi e non può confermare un segnale di inversione finché non esce da questa zona. Ovvero, un’uscita al di sopra dell’area di 1,47 dollari.

Inoltre, l’indicatore DMI sta mostrando una vera e propria perdita di forza nella tendenza al ribasso, con l’ADX in picchiata. Anche la linea +DI sta superando la linea -DI al rialzo, il che fornisce un primo segnale positivo in questa situazione complessa. In concreto, finché i prezzi non romperanno l’area di 1,52 dollari, dovremo aspettarci una forte resistenza da parte dei venditori. Non molleranno la presa fino a quando non verranno infrante le principali resistenze.

 

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *