Banca d’Inghilterra – Le criptovalute hanno "potenziale reale" che deve essere regolamentato – NotizieCriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 3 minuti
Donnez une note

Il collasso dell’ecosistema Terra e della sua stablecoin UST sta fornendo alle autorità di regolamentazione un sacco di carne al fuoco. Tanto che viene sventolato come un vessillo ogni volta che ci si preoccupa della sicurezza degli investitori nel settore delle criptovalute. Sullo sfondo di un mercato fiacco che alimenta queste aspirazioni, rimane difficile definire le loro reali ambizioni. Perché il desiderio di controllare questa economia digitale va ben oltre la semplice preoccupazione per i piccoli risparmiatori digitali. E qualunque sia il suo “potenziale reale”, la sorveglianza è l’unica soluzione possibile.

Tutti i Paesi non sono assolutamente uguali quando si tratta del problema che le criptovalute dovrebbero rappresentare. Almeno nei ranghi dei governi più ricchi e delle loro banche centrali, che dovrebbero gestire le loro valute in modo indipendente. Per i Paesi che si trovano in una situazione di default monetario, si tratta piuttosto di una soluzione da adottare. E nel caso della Russia, un’opportunità di sfuggire alle sanzioni che è difficile da scartare troppo in fretta.

Differenze di trattamento che consentono alcuni paesi emergono come decisamente più amichevoli di altri sulla scena europea. Ad esempio, la Germania ha recentemente preso posizione contro le disposizioni dell’Unione Europea. Questi ultimi sono considerati abusivi per quanto riguarda il controllo dei trasferimenti di criptovalute. O la Gran Bretagna – ormai più europea geograficamente che politicamente – che ha deciso di seguire questa tendenza. Ma ovviamente, senza eliminare la parola “regolamento” dal suo piano d’azione sul campo.

Banca d’Inghilterra – Applicazione delle regole “convenzionali

L’evoluzione è palpabile, anche se la parola d’ordine rimane regolamentazione del settore delle criptovalute. Infatti, molte voci si stanno levando all’interno dei governi e di altri organismi di regolamentazione. E questo per accogliere il carattere innovativo e utile che è diventato impossibile ignorare. Con lo status di moneta che potrebbe affermarsi molto più rapidamente del previsto nel caso del Bitcoin. E più recentemente, un “reale potenziale per l’uso delle criptovalute nel sistema finanziario” riconosciuto dallo stesso vice governatore della Banca d’Inghilterra (BoE), Jon Cunliffe. Ma questo non significa che tutto sia possibile…

Una dichiarazione rilasciata durante una conferenza stampa. Quest’ultima è stata tenuta recentemente in occasione della pubblicazione del suo ultimo libro rapporto sulla stabilità finanziaria. Con la spinosa questione dell’integrazione delle criptovalute e delle altre monete stabili in quello che Jon Cunliffe definisce “il settore finanziario convenzionale non crittografico”. Ma chiarendo che, allo stato attuale, questa economia digitale non ha le dimensioni per rappresentare “un rischio per la stabilità finanziaria”. Con, ovviamente, un riferimento obbligato al disastro dell’ecosistema Terra a sostegno della sua tesi.

Se si usa una stablecoin come denaro in una transazione, ma la gente perde fiducia in essa perché non riesce a capire come mantenere il suo valore, allora si vedrà lo stress insinuarsi nell’intero mercato. (…) Abbiamo visto che questo si è verificato nel sistema finanziario convenzionale, ed è per questo che abbiamo una regolamentazione per affrontarlo. E credo che questo sottolinei il fatto che ora dobbiamo mettere in atto una regolamentazione che gestisca questi rischi nel settore delle criptovalute nello stesso modo in cui li gestiamo nel mercato tradizionale.

Jon Cunliffe

Tutto questo con una differenza fatta contemporaneamente dal Governatore della Banca d’Inghilterra, Andrew Bailey. Anche lui era presente alla conferenza stampa. Con, secondo lui, un problema da considerare dal lato di quelle che chiama “criptovalute non supportate” senza alcun valore intrinseco. E la cui definizione va ovviamente chiarita. D’altra parte, le stablecoin sono presentate come molto più adatte per effettuare pagamenti. Per questo motivo, chiede che un “approccio” che deve essere adattato ai “diversi obiettivi” di questi due casi. Con una regola, questa volta richiamata da Jon Cunliffe, riassunta nella forma “stesso rischio, stessa realtà normativa”, la cui necessità è stata appena confermata, sempre secondo lui, dal caso Terra.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *