StepN (GMT) – Attacco DDoS a seguito di un aggiornamento “anti-cheat” – Notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 3 minuti
4.6/5 - (16 votes)

Una delle nuove attività della DeFi e dello spazio delle criptovalute sembra essere la lotta agli imbroglioni. Quegli “investitori” opportunisti che mettono a rischio la sostenibilità di un numero sempre maggiore di progetti per ottenere rapidi profitti personali. Questa pratica si sta diffondendo come una cancrena, accelerata dall’adozione ancora nascente di questo settore. Con dirottamenti di ogni tipo, volti a rubare i premi della comunità istituiti per gli utenti efficaci ed entusiasti. L’ultima vittima è l’emblematico muoversi per guadagnare PassoN (GMT).

Non c’è bisogno di un’imboscata di hacker per uccidere un protocollo nel mondo delle criptovalute. Bastano pochi utenti avidi per destabilizzare un’intera comunità riunita intorno a un progetto promettente. Con le pratiche che spesso mirano a sviluppare l’allevamento intensivo di ricompense o di gocce d’aria. Ciò avviene senza preoccuparsi degli inevitabili danni numerici a più o meno breve termine. E la necessità che i progetti interessati trovino soluzioni interne per cercare di ridurre la capacità di disturbo di questi imbroglioni.

Una realtà che si è appena abbattuta sul progetto StepN, leader storico e indiscusso del nuovissimo muoversi per guadagnare. Con, ad esempio, la creazione di vere e proprie aziende agricole per i runner. Una pratica scorretta che permette alle balene addestratrici digitali di dirottare il principio di estrazione della liquidità di questa attività sportiva, che si suppone benefica e individuale. Tanto che gli sviluppatori sono stati costretti ad aggiungere un aggiornamento presentato come “anti-cheating”. Ed è qui che tutto si complica.

StepN – Un aggiornamento “anti-cheating

Il passaggio al progetto StepN sta incontrando alcune difficoltà al momento. Anche se la sua criptovaluta GMT è stata una delle poche a registrare un aumento significativo solo poche settimane fa. Ma questo senza contare la Cina, che si è resa protagonista di un recente divieto dei suoi servizi previsto per luglio. Questo grazie alle funzioni di tracciamento GPS e di riferimento dell’indirizzo IP. Ironia della sorte, quest’ultimo non è coperto dalla legge cinese sulla protezione delle informazioni personali (PIPL). È risaputo che la Cina è nota per il rispetto di questi principi fondamentali…

Ma questo potrebbe non essere il problema più grande di questa app di ricompensa sportiva. Perché, allo stesso tempo, StepN si trova di fronte a un aumento significativo di comportamenti inadeguati nell’utilizzo dei suoi servizi. Con un numero sempre crescente di quelli che i suoi sviluppatori chiamano inequivocabilmente “imbroglioni”. Per questo motivo, un aggiornamento per limitare il loro impatto negativo sull’intera comunità.

Gli imbroglioni rischiano di gonfiare artificialmente i prezzi dei token e degli NFT, mandando in tilt l’intero sistema. Inoltre, è semplicemente immorale. Ecco perché in STEPN la lotta alle truffe è la nostra priorità assoluta.. “

StepN – Vittima di un attacco DDoS

Un’implementazione necessaria, che doveva essere attuata questo fine settimana. Il cambiamento principale è l’aggiunta di una funzione per rilevare i comportamenti inappropriati. E il rischio per i trasgressori di non ricevere le ricompense per l’attività in questione. Ma sembra che non tutto sia andato secondo i piani. Ciò è dovuto alla rabbia di alcuni manipolatori di rendimenti che sono stati direttamente presi di mira da questo cambiamento? O semplicemente una conseguenza dello sviluppo del progetto StepN sulla rete Solana (SOL), che è abituata a questo tipo di bug ripetitivi? Qualunque sia il caso, una successione di attacchi denial of service (DDos) ha causato un problematico sovraccarico del suo server per diverse ore.

Nelle ultime ore abbiamo subito diversi attacchi DDOS. La messa in sicurezza dei server e il ripristino possono richiedere da 1 a 12 ore. Si consiglia di riposare durante la manutenzione, altrimenti le unità potrebbero non essere registrate correttamente.. “

In effetti, questo sovraccarico di richieste (25 milioni) inviate alla ha portato all’esclusione di alcuni utenti che sono stati considerati bot. E la necessità per gli sviluppatori del progetto StepN di apportare alcune modifiche urgenti. Questo per stabilizzare la gestione dei dati ricevuti e per migliorare l’elaborazione delle informazioni provenienti dai suoi cripto-sportatori.

 

Le regolazioni sono state ovviamente completate, poiché ora tutto sembra essere tornato alla normalità. Ef si scusa per l’inconveniente causato, è stata avviata un’operazione di raddoppio delle ricompense per un periodo determinatoQuesto “senza superare il limite massimo di 20 energie”. I dettagli completi sono disponibili sul suo conto Discordia . Alla fine della giornata, la domanda è una sola: tutto questo ridurrà davvero i comportamenti inappropriati? Perché non bisogna mai sottovalutare la capacità degli imbroglioni di trovare un modo per aggirare le regole… Un caso da seguire.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *