Prezzo del Bitcoin – Segnali positivi per una continua corsa al toro

⌛ Tempo di lettura : 3 minuti
4.2/5 - (8 votes)

I tori stanno alimentando le loro speranze nel mercato delle criptovalute. E nuovi ATH potrebbero essere all’orizzonte. Il prezzo di chiusura di Bitcoin del 6 ottobre 2021 convalida la rottura della linea di downtrend dal suo picco storico intorno ai 65.000 dollari. Tutto indica una continuazione della corsa al toro dopo alcuni mesi di consolidamento. Ma è ancora troppo presto per parlare di nuovi massimi storici. Alcune condizioni sono necessarie per considerare questo scenario ottimistico. E le prossime sessioni ci permetteranno di vedere più chiaramente.

La rottura della linea di tendenza ribassista in unità giornaliere è chiaramente un segnale tecnico positivo per il futuro sviluppo di BTC. Ma anche un punto di svolta psicologico per gli investitori. Fondamentalmente, cade in un momento in cui George Soros ha confermato il suo investimento in Bitcoin. E tecnicamente segue un rally significativo dal 30 settembre 2021, con il punto intermedio che è la convalida del doppio fondo intorno a 45.000 dollari. In meno di dieci giorni, Bitcoin ha guadagnato quasi il 36%!

Ci si chiede se tutto questo non sia avvenuto troppo in fretta. L’indicatore di paura e avidità delle criptovalute è passato rapidamente dal pessimismo all’ottimismo dal rally iniziato a fine settembre. Per il momento, gli indicatori tecnici come il MACD e l’RSI non segnalano uno slancio eccessivo dei prezzi per comprare.

In unità settimanali, la presenza di una grande candela blu questa settimana esclude lo scenario di rimbalzo del gatto morto (rimbalzo del gatto morto). Il breakout dalla linea di downtrend deve essere confermato la prossima settimana. Sul lato degli indicatori tecnici, il MACD dà motivo di ottimismo sul potenziale di Bitcoin. Oltre ad essere sopra lo zero e il segnale, è lontano dal suo livello di aprile 2021 e uno scenario di divergenza ribassista, cioè l’indicatore tecnico non riesce a fare gli stessi massimi del prezzo sottostante.

Sulla strada per più di 65.000 dollari?

La continua corsa al toro di Bitcoin sembra ben avviata. L’area da 50.000 a 53.000 dollari sarà tenuta d’occhio. Perché è fondamentale convalidare l’opzione di uno scenario verso i 65.000 dollari e considerare un nuovo TFA in seguito. Questo darebbe invidia agli investitori che si sono persi il rialzo dalla fine di settembre. La famosa FOMO rischia di risorgere dalle ceneri. Alcuni grandi nomi della comunità delle criptovalute parlano addirittura di un prezzo a sei cifre come Max Keiser che lo vede a 220.000 dollari entro la fine del 2021.

Data la correlazione delle criptovalute con lo stress finanziario, tutto ciò dipenderà da un ritorno della propensione al rischio nel mercato azionario. Questo è ben lungi dall’essere il caso nelle ultime settimane. Vedere Bitcoin salire indipendentemente dal mercato azionario sembra inconcepibile nel lungo periodo. Un ritorno al mittente non sarebbe escluso senza invalidare lo scenario dei 65.000 dollari. Affinché questo accada, il prezzo del BTC non deve scendere sotto la zona dei 50.000-53.000 dollari. Questo porterebbe a un acquisto a buon mercato se dovesse reggere. Allo stesso tempo, i mercati azionari devono recuperare.

Sarebbe interessante per vedere l’S&P 500 rompere la sua media mobile a 50 giorni al rialzo per un ritorno di fiamma sull’insieme degli attivi rischiosi. Per continuare…

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.