NFT vs. insider trading – Presto saranno considerati titoli finanziari? – Notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 3 minuti
4.5/5 - (12 votes)

Le innovazioni nel mercato delle criptovalute hanno la particolarità di non rientrare, per il momento, in nessuna scatola. Almeno non quelli che già esistono negli scaffali delle autorità di regolamentazione. Per questo motivo questi ultimi si stanno strappando i capelli per trovare un modo per integrarli nel loro campo d’azione. Alla testa di questo corteo c’è la Securities and Exchange Commission americana, decisa a trasformare tutto in titoli finanziari. E perché non gli NFT, che sono recentemente venuti alla ribalta in un caso di insider trading che potrebbe cambiare tutto…

La capacità della SEC di considerare tutto come titoli finanziari non deve essere sottovalutata. Soprattutto da parte dell’attuale presidente Gary Gensler, che a volte sfiora la demenza senile su questo tema. Soprattutto quando si tratta del settore delle criptovalute e delle sue numerose innovazioni sviluppate al di fuori di qualsiasi quadro giuridico. E questa dolorosa certezza: anche se la regolamentazione è sempre un passo indietro, alla fine arriverà inevitabilmente alla stazione. Il prossimo passo potrebbe essere il nuovo mercato dei token NFT.

Un caso di insider trading all’interno della piattaforma Opensea è appena tornato alla luce nell’ambito del suo processo. Una pratica venuta alla luce nel settembre dello scorso anno. Il protagonista è il product manager di questo leader del mercato degli NFT. Ma la cosa più importante è altrove. Questo processo porta per la prima volta alla ribalta l’accusa di “insider trading” in relazione al settore dei token non fungibili. E questa non è ovviamente una buona notizia.

NFT + insider trading = titoli finanziari

È sempre il cattivo comportamento di alcuni che finisce per imporre il controllo su tutti gli altri. Ciò è confermato dal recente caso di frode interna scoperto tra le fila della piattaforma Opensea. Tutto questo è all’origine di un processo attualmente in corso a Manhattan. Il motivo è l’accusa di “frode telematica e riciclaggio di denaro in relazione a uno schema per commettere insider trading”. Una pratica ovviamente comune nel settore delle criptovalute, la cui apparente libertà proclamata non significa sicuramente la stessa cosa sono gli NFT per tutti.

“Gli NFT possono essere una novità, ma questo tipo di schema criminale no. Secondo le accuse, Nathaniel Chastain ha tradito OpenSea utilizzando le sue informazioni commerciali riservate per fare soldi a fini personali. Le accuse di oggi dimostrano l’impegno di questo ufficio a sradicare l’insider trading. Questo sia che avvenga sul mercato azionario che sulla blockchain”.

E la menzione del termine “insider trading” non è aneddotica. Infatti, è la prima volta che viene utilizzato legalmente in un caso che riguarda il settore delle criptovalute… e in particolare i token NFT. In effetti, e fino ad ora, il suo utilizzo era riservato a frodi di questo tipo perpetrate nel più tradizionale mercato dei titoli finanziari. Quest’ultima sotto la gestione della famigerata Securities and Exchange Commission (SEC) statunitense. Ed è qui che tutto potrebbe complicarsi rapidamente.

NFT – I titoli finanziari sono ancora ignorati?

Perché, storicamente, la SEC non ha bisogno di molto per avviare procedimenti aggressivi. Basti pensare alla causa in corso da anni contro il progetto Ripple. La questione riguarda l’emissione della sua criptovaluta XRP, considerata un titolo finanziario emesso senza autorizzazione. Strumenti finanziari per i quali è possibile rispondere penalmente dell’accusa di insider trading. Quest’ultima viene utilizzata nel processo in corso contro Nathaniel Chastain. Un percorso chiaro per chi vuole vedere un nesso causale. Almeno secondo le conclusioni dell’ex avvocato della Securities and Exchange Commission, Alma Angotti.

Questo potrebbe benissimo essere un test stock di Howey. Se si acquista un NFT sperando che il prezzo salga per ottenere un profitto, non è molto diverso dai titoli finanziari. (…) L’appropriazione indebita di informazioni riservate del proprio datore di lavoro è una frode, e una volta trasferiti i proventi di tale frode attraverso il sistema monetario, si tratta di riciclaggio di denaro. Questa accusa non è affatto sorprendente. “

Il test di Howey è un modo per determinare se un’operazione rientra nell’ambito di un contratto di investimento o di un titolo. Ciò al fine di determinare se debba essere soggetta a una specifica rendicontazione e registrazione. Questa procedura si riduce a che definisce se “un investimento di denaro in un’impresa” è fatto “con la ragionevole aspettativa di trarre profitto dagli sforzi di altri”. Un bel programma!

La domanda è se alcuni investitori acquistano davvero gli NFT della collezione CryptoPunks perché amano i vecchi pixel. O come un mero investimento speculativo nella “ragionevole aspettativa di profitti da ricavare dagli sforzi di altri”. Al momento non è necessariamente un’operazione molto redditizia. E una domanda che la SEC farebbe meglio a non porre, con la sua leggendaria (mancanza di) tatto.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *