La Germania si oppone alle disposizioni UE sul controllo dei trasferimenti di criptovalute – NotizieCriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 4 minuti
4.7/5 - (10 votes)

Se c’è un Paese dell’Unione Europea (UE) che sembra essersi avvicinato alla dimensione innovativa e ormai inevitabile delle criptovalute, è la Germania. Il nostro vicino al di là del Reno, come sappiamo, ha adottato una serie di misure all’interno dei suoi confini che sono piuttosto favorevoli allo sviluppo dell’ecosistema. E in linea con la sua politica nazionale, si oppone, tramite il suo Segretario di Stato per le Finanze, alla maggior parte delle disposizioni attualmente in discussione all’interno dell’UE. Disposizioni che, nel contesto di una revisione del testo sui trasferimenti di fondi (TFR), tenderebbero a esercitare un controllo abusivo sugli operatori del settore, compresi i privati.

Germania, il faro dell’UE per le criptovalute

Mentre l’ecosistema europeo delle criptovalute ha avvertito, dopo la legge MiCA e i suoi colpi contro la Prova di lavoro (e quindi implicitamente contro il Bitcoin che utilizza questo meccanismo di consenso) seguita a breve dalla revisione del TFR che riserva un trattamento speciale e iniquo al settore, per trovarsi in un lungo tunnel buio che non lascia molte speranze per la sua vitalità, è appena apparsa una luce. E questa luce viene dalla Germania, che si è già distinta quest’anno occupando la pole position delle nazioni cripto-friendly su scala internazionale. Non è sorprendente che lo faccia in modo astuto, perché ha riconosciuto che il suo lavoro non è stato un’impresa. molto rapidamente che “i bitcoin erano unità di valore”. Un paese vecchio forse dal punto di vista demografico, ma che sa ribaltare i luoghi comuni guardando al futuro della finanza.

 

Così, Mentre un consenso anti-crypto sembrava presiedere ad un voto a favore delle micidiali disposizioni contenute nel TFR, una voce ufficiale proveniente da oltre il Reno si è levata per denunciare un’interpretazione eccessiva della legge. Raccomandazioni del Gruppo di Azione Finanziaria Internazionale (GAFI) sulla lotta al riciclaggio di denaro e al finanziamento del terrorismo.

Il Segretario di Stato tedesco per le Finanze, Florian Toncar, è stato in effetti molto critico nei confronti della revisione del TFR in discussione via la sua riposta a una richiesta scritta del membro del Bundestag Frank Schäffler, portavoce del Partito Liberale per l’innovazione blockchain e fintech.

La Germania si oppone ai controlli d’identità abusivi nel sistema di trasferimento di denaro

In sostanza, si afferma che il governo tedesco si oppone alle linee guida della Commissione europea su diversi punti salienti che vanno oltre le linee guida del GAFI. Il primo riguarda la verifica dell’identità come proposta oggi.

Così, mentre la cosiddetta “regola del viaggio” stabilisce una soglia di 1000 euro in cui si attiva il monitoraggio e la raccolta dei dati del mittente e del destinatario, Questo limite, nella proposta di TFR, non esisterebbe per le criptovalute.. Questo violazione della privacy degli utenti sarebbe accompagnato da un procedura macchinosa e costosa per i fornitori di servizi di crittografia (CASP per Fornitori di servizi per le criptovalute), che non solo dovranno comunicare informazioni sul mittente e sul destinatario, ma anche informazioni sulla storia delle criptovalute scambiate.

Al centro del dibattito ci sono anche i cosiddetti “portafogli self-hosted”..

 

La Germania si oppone fermamente al disegno di legge che vuole applicare anche a loro queste nuove regole di sorveglianza. Come promemoria, in questo quadro, i PSAC sarebbero obbligati a ottenere le informazioni personali degli utenti che effettuano transazioni da o verso un portafoglio”. non ospitato” Dovrebbero conservarli e metterli a disposizione delle autorità competenti, se necessario. Come se non bastasse, dovranno anche verificare “l’accuratezza delle informazioni relative all’ordinante o al beneficiario del portafoglio”. Un arsenale di regole che è semplicemente impossibile da rispettare che avrebbe conseguenze assolutamente disastrose per la vitalità dell’ecosistema crittografico europeo.

Proposte costruttive tedesche

L’altro aspetto controverso, che si manifesta ugualmente lo zelo dell’UE di reprimere piuttosto che regolamentare razionalmente le criptovalute.che il funzionario tedesco indica è la mancata distinzione tra transazioni sospette e non sospette. In effetti, tutte le transazioni in criptovaluta dovranno essere segnalate alle autorità antiriciclaggio (AML), in palese spregio della norma normalmente in vigore nelle operazioni finanziarie.

La Germania si sta quindi posizionando di conseguenza nei negoziati in corso, noti come dialogo a tre nel processo europeo. E lungi dall’essere contraria in linea di principio, propone una soluzione molto più appropriata. Vale a dire, utilizzare gli strumenti di analisi della blockchain per valutare i rischi dei trasferimenti e adattare le misure ad essi. ad hoc. Una proposta simile al modo in cui la regola del viaggio è stata implementata in Germania lo scorso anno, e che è stata richiesta dagli operatori del settore. Attori che hanno avuto l’impressione di parlare nel vuoto e che finalmente vengono presi in considerazione..

Luce alla fine del tunnel e verso un volume oscillator ?

Questa presa di posizione della più grande economia europea a favore di un trattamento equo del settore delle criptovalute è certamente una buona notizia. Porta la ragione a quella che sembra essere la follia e l’ignoranza di un’Unione Europea che lavora per distruggere un ecosistema promettente.

Resta da vedere se la Germania, che ne ha compreso il potenziale e lo considera un motore di crescita economica, farà sentire la sua voce. Lo Stato membro più grande dovrebbe essere in grado di dare il proprio contributo. La domanda è fino a che punto, di fronte a un’Europa che si proclama paladina della regolamentazione in tutti i settori della tecnologia, la domanda è: in che misura?. La cosa più penosa è che non ha imparato nulla dalla sua disastrosa posizione di fronte alla nascita e allo sviluppo di Internet, lasciando via libera ai giganti americani (i GAFAM) del settore. Con Bille al comando, sta per ripetere gli stessi errori. È inconcepibile che i nostri vicini tedeschi, apparentemente più illuminati, siano d’accordo.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.