NFT Parola dell’anno 2021

⌛ Tempo di lettura : 2 minuti
5/5 - (8 votes)

Il dizionario Collins, un riferimento chiave per tutti gli utenti della lingua inglese, ha eseguito uno dei suoi esercizi preferiti: pubblicare una lista delle dieci parole più popolari dell’anno. E per il 2021, la parola incoronata è l’acronimo NFT. Ma mentre questo acronimo, che sta per Non Fungible Token, ha fatto una svolta spettacolare in pochi mesi, non è l’unico della lista che rientra nell’ombrello della blockchain e delle criptovalute. L’abbreviazione “crypto” è anche elencata al 4° posto, mentre il più recente metaverso, che è collegato alle criptovalute solo nelle sue versioni decentralizzate, è elencato al 7° posto.

La parola NFT spinta in alto

L’anno scorso, a causa della pandemia, “contenimento” era la parola più (im)popolare. Quest’anno, nonostante il virus persistente, NFT è stata la parola più popolare, secondo la perizia lessicografica del dizionario Collins. Così, ha notato un aumento drammatico nell’uso della parola, dell’11.000% dall’anno scorso. Crescita “meteorica secondo Alex Beecroft, amministratore delegato di Collins Learning.

“È insolito che un’abbreviazione abbia un’ascesa così rapida nell’uso. Ma i dati che abbiamo dal Collins Corpus riflettono la notevole ascesa della NFT nel 2021. Gli NFT sembrano essere ovunque, dalle sezioni d’arte alle pagine finanziarie alle gallerie e alle case d’asta alle piattaforme dei social media. Resta da vedere se l’NFT avrà un’influenza duratura, tuttavia, ma la sua improvvisa presenza nelle conversazioni di tutto il mondo la rende chiaramente la nostra parola dell’anno”.

Che si tratti di una moda o di un fenomeno duraturo, la NFT ha ora la sua definizione accademica.

1 token non fungibile: un certificato digitale unico, memorizzato in una blockchain, che viene utilizzato per registrare la proprietà di un bene come un’opera d’arte o un oggetto da collezione.
nome
2 un bene la cui proprietà è registrata per mezzo di un token non fungibile: l’artista ha venduto l’opera come NFT

Dizionario Collins

“Crypto” non è lontano

Inoltre, in un articolo dal blog del dizionario, l’enfasi è sulla rivoluzione digitale che sta invadendo il vocabolario e, più specificamente, sulla “convergenza tra Internet e il denaro” (“valore” sarebbe stato più appropriato). A sostegno di questa tesi, l’uso altrettanto diffuso di “crypto”, in crescita del 468% su base annua. Al quarto posto per popolarità, l’adozione di questa abbreviazione, indicativa di una certa familiarità, mostra effettivamente la democratizzazione dei beni.

crypto nome,
abbreviazione informale di criptovaluta: un mezzo di scambio digitale decentralizzato che viene creato, regolato e scambiato utilizzando la crittografia e (di solito) il software open source, e tipicamente utilizzato per gli acquisti online”.

Ricordiamo che il termine criptovaluta era stato legittimato dal venerabile Oxford English Dictionary nel 2014, un anno dopo Bitcoin. L’ultimo a ricevere il timbro accademico è stato “satoshi”, “la più piccola unità monetaria nel sistema di pagamento digitale Bitcoin”, nel 2019.

E il metaverso…

Infine, il metaversouna parola coniata nel 1992 dall’autore di fantascienza Neal Stephenson nel suo romanzo Snow Crash, sorge dal limbo. Ravvivato negli ultimi mesi dall’eccitazione combinata dei progressi tecnologici, dagli investimenti dei GAFAM che cercano nuovi territori da sfruttare e dalle possibilità offerte dai protocolli blockchain decentralizzati, è venuto alla ribalta della scena lessicale in grande stile.

Definito come “una versione proposta di Internet che incorpora ambienti virtuali tridimensionali”, regna sovrano sui desideri di vite parallele. E cosa importa se la parola, la cui ricorrenza mediatica ha pochi eguali, precede di gran lunga la realizzazione effettiva di un meta universo. Poiché la nostra visione del mondo dipende solo dal nostro potere di enunciazione, perché una realtà esista, anche virtuale, deve essere nominata.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.