MiCA – Un accordo ad interim per porre fine alla “il selvaggio west della criptovaluta” – Notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 4 minuti
4.7/5 - (21 votes)

 

La principale specificità della proposta di legge europea sulle criptovalute (MiCA) è quella di scavare sempre più a fondo la fossa di questo settore. Con proposte una più repressiva dell’altra. E un tentativo di vietare del tutto il Proof of Work (PoW) di Bitcoin. Ma questa potrebbe non essere l’idea peggiore dei suoi promotori. Perché all’inizio dell’estate, un nuovo accordo provvisorio è stato appena proposto all’approvazione del Consiglio e del Parlamento europeo. Nel menù di questa indigestione programmata: ostacolare il mercato delle stablecoin, proteggere i consumatori monitorandoli più da vicino e chiudere le frontiere…

Alla fine, è la stanchezza a sostituire la rabbia per l’aberrante “gestione” legale delle criptovalute sul territorio europeo. Perché le proposte presentate sono tanto più repressive e inique quanto più appaiono come opzioni possibili. E in effetti, emerge una sola vera tendenza: prevenire. La migliore sintesi possibile è una nuova dichiarazione di Bruno Le Maire, sempre pronto a sputare le sue inettitudini sul settore. Secondo lui, infatti, tutto questo “metterà fine al selvaggio west delle criptovalute”.

Ma evidentemente sembra confondere ancora una volta l’innovazione con la repressione cieca. Questo senza lasciare che spazio per il fallimento anche se alcuni membri della Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti ne riconoscono la necessità in questo settoreche non è noto per essere molto appassionato di criptovalute. Infatti, mentre i responsabili di questa farsa si congratulano l’un l’altro per un accordo finalmente raggiunto, gli attori di questa economia digitale cercano di prevedere l’effettiva attuazione delle loro decisioni arbitrarie. E, come dire… è semplicemente un’assurdità!

 

 

UE – Primo continente a regolamentare le criptovalute

I membri della commissione incaricata di definire la portata del disegno di legge MiCA sono molto orgogliosi. Perché sono sulla buona strada per rendere l’Unione Europea “il primo continente a regolamentare gli asset crittografici”. Almeno questo è quanto ha riferito Stefan Berger in un tweet ufficiale su Twitter ieri. Con una svolta presentata come “importante” a seguito di un accordo provvisorio raggiunto dalle tre entità responsabili di questo tipo di file.

Trilogo MiCA: un grande passo avanti! L’Europa è il primo continente a regolamentare gli asset crittografici. Parlamento, Commissione e Consiglio hanno concordato una versione equilibrata del MiCA. Per me, come giornalista, era importante che non ci fosse un divieto su tecnologie come PoW.. “

Stefan Berger

Con un accenno alla Proof of Work di Bitcoin, salvate in extremis da queste acque tempestose lo scorso marzo. E ci si chiede se la menzione non serva a comprare un’apparenza di apertura.per superare il resto della pillola indigesta che verrà. Alcune delle proposte contenute in questo disegno di legge sono semplicemente assurde, persino irrealistiche. Ma non importa, la repressione reprime, non cerca di essere coerente e nemmeno di preoccuparsi della propria attuazione.

 

 

Stablecoins – Limitazione dei volumi giornalieri

Infatti uno dei punti centrali di questo accordo provvisorio è quello di regolamentare il settore delle stablecoin in modo molto rigido e coercitivo. Con la dolce ironia che l’esposizione di questo testamento nei media corrisponde alla data di uscita dell’EUROC. Un euro digitale emesso da Circle, la società responsabile dell’USDC. E una criptovaluta stabile – almeno quanto l’euro che sta crollando – per il momento disponibile solo negli Stati Uniti.

 

Ma in realtà, ciò che il disegno di legge MiCA propone in questo ambito è semplicemente improbabile. Perché è una questione diuna limitazione dei volumi di questo settore della stabilità digitale a… 200 milioni di euro di transazioni giornaliere. E questo per tutta l’Europa. Una goccia trascurabile nell’oceano di oltre 50 miliardi di euro di transazioni registrate ogni giorno dai soli USDT e USDC. E un’ovvia impossibilità tecnica per le versioni decentralizzate come il DAI, per il quale nessuno possiede le chiavi della cassaforte.

Il tutto accompagnato da alcuni requisiti un po’ meno stravaganti. Come ad esempio la necessità per gli emittenti di stablecoin di costituire riserve sufficientemente liquide per garantire la loro sicurezza.. Quest’ultimo dovrebbe essere “giuridicamente e operativamente separato e isolato”, come ha dichiarato Ernest Urtasun, membro del Parlamento europeo. Questo per consentire una protezione efficace in caso di insolvenza.

MiCA – Lo sceriffo europeo della crittografia

Naturalmente, il disegno di legge MiCA prende di mira anche gli exchange e le altre piattaforme centralizzate dedicate al settore delle criptovalute. Con il rafforzamento dell’obbligo di registrazione presso i servizi europei AMF, identificati come l’Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati ESMA. E questo per ottenere l’autorizzazione a svolgere qualsiasi attività nel settore, sotto la supervisione di questa struttura indipendente. Senza parlare, almeno per il momento, dei token NFT e del relativo mercato. Ma la Commissione europea afferma che questo fallimento sarà risolto al più tardi entro i prossimi 18 mesi. Con una “proposta legislativa proporzionata e orizzontale” che lascia perplessi, vista la tendenza attuale.

Infine, viene nuovamente affrontato l’inevitabile e spesso utilizzato pretesto della sicurezza degli investitori. Con le piattaforme di scambio di criptovalute potenzialmente ritenute responsabili. E questo soprattutto in alcuni casi accertati di insider trading o di carenze nella gestione della sicurezza dei propri utenti. A ciò si aggiunge l’obbligo di mantenereun “libro bianco” che si suppone elenchi tutte le criptovalute senza un emittente identificatocome nel caso di Bitcoin. E la pubblicazione di avvertimenti chiari sui rischi e le perdite associate a qualsiasi investimento in questa economia digitale.

 

Protected by Copyscape

Un pensiero su “MiCA – Un accordo ad interim per porre fine alla “il selvaggio west della criptovaluta” – Notiziecriptovalute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *