Analisi del Bitcoin – Configurazione tecnica ancora minacciosa – NotizieCriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 4 minuti
4.7/5 - (29 votes)

Dopo un forte inizio di settimana, il Bitcoin è ora di nuovo sotto pressione intorno al livello di supporto di 20.000 dollari. Il famoso picco di inflazione negli Stati Uniti, che molti investitori speravano, non sembra ancora prendere forma. Soprattutto perché i banchieri centrali hanno ammesso di non poter fare molto sui fattori strutturali che hanno determinato questa tendenza inflazionistica.

Per effetto di correlazione con lo stress finanziario, Il Bitcoin, come gli indici azionari, continua a sprofondare in un mercato orso. E in effetti, l’ultima analisi tecnica rimane esitante, soprattutto sul fronte degli acquisti. Vedremo quindi i prezzi del BTC aggirarsi intorno alla soglia dei 20.000 dollari, come hanno fatto a 30.000 dollari, e poi scendere? O sarà il momento di un rimbalzo tecnico?

Bitcoin – Il supporto di 20.000 dollari messo alla prova

In continuità con la seconda ondata ribassista dopo l’ultimo fallimento al di sotto della resistenza di 46.000 dollari, Il Bitcoin è tornato a contatto con il supporto di 20.000 dollari. I timori di un breakout da questo livello critico sono febbrilmente esaminati dagli investitori in criptovalute. Ma per tutto questo, il colpo di grazia non è ancora avvenuto.

Ci sono due pensieri dominanti mentre parliamo. Il primo è che si raggiungerebbe un punto di minimo temporaneo. Soprattutto perché nelle unità settimanali vediamo che l’RSI è in zona di ipervenduto. Questo ci permetterebbe di lanciare Un inizio di riflessione su un possibile rimbalzo tecnico dei prezzi del BTC. Nella migliore delle ipotesi, e fino a prova contraria, dovremo accontentarci di un ritorno alla resistenza dei 30.000 dollari come obiettivo realistico.

La seconda è ovviamente la continuazione di questa storica striscia nera verso il supporto di 12.000 dollari. E se la situazione dovesse mantenersi come temiamo, i venditori avrebbero in gran parte il sopravvento. Tanto che La Fase 4 di Weinstein è ora in atto per la venticinquesima settimana consecutiva dal 10 gennaio.

Purtroppo, e molto spesso in un mercato orso, Il panic selling tenderebbe a verificarsi quando gli indicatori tecnici sono già in zona di ipervenduto. E vista la situazione attuale, un episodio di stress potrebbe scoppiare in qualsiasi momento. Tanto che la crisi di fiducia nelle criptovalute avrebbe raggiunto un punto di non ritorno per qualche tempo.

Bitcoin – Un tentativo di rimbalzo poco brillante

Anche se il Bitcoin ha cercato di decollare oltre il livello di supporto di 20.000 dollari, il tentativo è stato di breve durata. Infatti, si è nuovamente avvicinata ai minimi di metà giugno nella seduta di ieri sul grafico giornaliero. Non solo la seconda fase del mercato orso, alias panico, sta facendo il suo corso. Ma il più esecrabile sarebbe una bis repetita come quella che si è verificata intorno al supporto di 30.000 dollari, con il risultato che conosciamo.

Analisi giornaliera del prezzo del Bitcoin - 01 luglio 2022

Nonostante la ripresa degli indicatori tecnici da metà giugno, l’esitazione è ancora prevalente. Vedere i prezzi del BTC colpire ogni volta il supporto di 20.000 dollari indicherebbe un’ulteriore accelerazione al ribasso. Il che rispecchierebbe logicamente il momento attuale, che piaccia o no.

Se la minaccia dei 20.000 dollari diventa più chiara, il supporto del livello di 12.000 dollari, un livello chiave dell’ultima corsa al rialzo, punterebbe al rialzo. E alla fine, I prezzi del BTC potrebbero scendere di circa l’83%. dall’ultimo ATH del novembre 2021. Si tratta di una statistica classica se si guarda ai precedenti mercati orso.

Bitcoin – Il rimbalzo tecnico è in ritardo

In attesa di un rimbalzo tecnico che non si verifica, Il Bitcoin potrebbe scendere a livelli impensabili solo pochi mesi fa. Di conseguenza, il mercato orso dall’ultimo ATH del 2021 rischierebbe di bloccarsi probabilmente fino al 2022 o addirittura all’inizio del 2023 se le attuali incertezze dei mercati finanziari non si attenueranno.

Da un lato, il momentum ribassista della media a 30 settimane (MM30 weekly) non si invertirà presto. E d’altra parte, I prezzi del BTC si stanno allontanando dai livelli di inversione di tendenza favorevoli. In termini pratici, gli investitori dovrebbero prendere atto che un periodo di magra si sta seriamente profilando per la madre di tutte le criptovalute.

Le pressioni inflazionistiche combinate con una stretta monetaria più aggressiva da parte delle banche centrali non sono estranee a questo fenomeno. Ma a differenza del passato, le banche centrali non potrebbero più fornire il sostegno sperato dagli investitori, con il rischio di alimentare l’inflazione. Ecco perché le classi di attività rischiose potrebbero essere ancora in una fase di stallo fino a quando non si vedranno reali segnali di capitolazione. E perché non immaginare un picco storico di volatilità.


Il trading di criptovalute comporta un elevato livello di rischio e potrebbe non essere adatto a tutti. Si raccomanda di informarsi bene sui rischi associati e di investire solo le somme che ci si può permettere di perdere.

Il contenuto del sito web NotizieCriptovalute.it ha finalità esclusivamente educative e informative. Non costituisce una raccomandazione e non può essere considerata un incentivo alla negoziazione di strumenti finanziari.

NotizieCriptovalute.it non garantisce i risultati o le prestazioni degli strumenti finanziari presentati. Pertanto, decliniamo ogni responsabilità per l’uso che può essere fatto di queste informazioni e per le conseguenze che ne possono derivare.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *