La criptovaluta basata sulla fisica trasmette energia (non solo informazioni) tramite blockchain -Notiziecriptovalute

La criptovaluta basata sulla fisica trasmette energia (non solo informazioni) tramite blockchain
⌛ Tempo di lettura : 3 minuti
4.7/5 - (12 votes)
I ricercatori del Lawrence Livermore National Laboratory (LLNL) hanno sviluppato una criptovaluta basata sulla fisica che collega in modo nuovo l’energia elettrica e le tecnologie blockchain.

Questo nuovo concetto di blockchain, denominato “E-Stablecoin”, potrebbe consentire la trasmissione di elettricità tra utenti distribuiti a livello globale senza la necessità di cavi di interconnessione o di un sistema di trasmissione basato sulla rete.L’opera risolve i problemi critici di stabilità degli asset digitali ed è il primo progetto di token di criptovaluta che sia sostenuto da un asset fisico e completamente decentralizzato perché garantito dalle leggi della meccanica statistica.

La ricerca è pubblicata sulla rivista Sistemi criptoeconomici.

Gli asset digitali e le criptovalute (come il Bitcoin) hanno registrato una crescita esplosiva dalla loro nascita nel 2009, spingendo il Presidente Biden a firmare un ordine esecutivo per garantire uno sviluppo responsabile degli asset digitali.L’ordine esecutivo rileva che gli asset digitali hanno profonde implicazioni in aree quali “la privacy e la sicurezza dei dati; la stabilità finanziaria e il rischio sistemico; la criminalità; la sicurezza nazionale; la capacità di esercitare i diritti umani; l’inclusione finanziaria e l’equità; la domanda di energia e il cambiamento climatico”.Di conseguenza, l’Ordine Esecutivo invita a coordinare gli sforzi interistituzionali per uno sviluppo responsabile degli asset digitali, compresi i progressi tecnologici e le innovazioni nei pagamenti.

Il nuovo concetto di criptovaluta LLNL è un passo avanti verso l’implementazione di beni digitali responsabili che vanno oltre il mondo digitale e sono invece legati al mondo fisico in modo più tangibile.E-Stablecoin sfrutta i moderni progressi della termodinamica per trasmettere l’energia come informazione.

I semi di questa idea possono essere fatti risalire all’esperimento di pensiero “Demone di Maxwell” proposto nel 1867 da James Clerk Maxwell.In questo esperimento di pensiero, un “demone dalle dita pulite” potrebbe presumibilmente violare la seconda legge della termodinamica su scala nanometrica – un’affermazione che ha portato a un’ondata di controversie nel corso di un secolo, elucidando infine un profondo legame tra energia e informazione.

Nel loro nuovo lavoro, i ricercatori del Lawrence Livermore Maxwell Murialdo e Jon Belof hanno illustrato come questa connessione tra energia e informazione consenta di creare un token di criptovaluta direttamente supportato e convertibile in un chilowattora di elettricità.Sebbene per coniare una E-Stablecoin sia necessario immettere un chilowattora di elettricità, questo gettone digitale può essere distrutto per estrarre un chilowattora di elettricità utilizzabile.In questo modo, il prezzo di una E-Stablecoin è indicizzato al prezzo di un chilowattora di elettricità in modo robusto, stabile e privo di fiducia (un sistema che non dipende da un’istituzione o da una terza parte per il pagamento della rete o del sistema per funzionare).

Come ha spiegato Murialdo, “qualsiasi soggetto anonimo può coniare un token E-Stablecoin con l’apporto di circa un chilowattora di elettricità. Possono quindi effettuare transazioni con il token digitale come qualsiasi altra criptovaluta, o addirittura trasformarlo in elettricità utilizzabile – il tutto senza bisogno di società elettriche, linee di trasmissione, permessi o autorità. È un sistema senza fiducia dall’alto verso il basso.

Un problema fondamentale che affligge molte criptovalute (come il Bitcoin) è la tendenza alle fluttuazioni selvagge del prezzo di scambio della criptovaluta.Queste fluttuazioni estreme dei prezzi amplificano il rischio e scoraggiano il trading dei consumatori, i contratti intelligenti a lungo termine e altre applicazioni basate sulla blockchain.

Una soluzione è quella di creare “stablecoin”, ovvero gettoni di criptovaluta specificamente progettati per mantenere un valore stabile rispetto ad asset esterni.Le Stablecoin possono ancorare il valore del loro token al valore di un bene esterno, come un dollaro USA o un grammo d’oro, rendendo il token direttamente scambiabile con il bene.Tuttavia, fino a oggi, l’ancoraggio del valore di un token di criptovaluta al valore di un bene fisico ha richiesto la fiducia in un’autorità centralizzata (che può mantenere ed erogare il bene fisico).La richiesta di fiducia in un’autorità centralizzata introduce un potenziale punto di fallimento che è contrario all’etica decentralizzata delle criptovalute.

E-Stablecoin è il primo progetto di moneta stabile che elimina questo punto di fallimento, un’impresa resa possibile dall’interazione tra termodinamica e teoria dell’informazione.In futuro, E-Stablecoin potrebbe contribuire a distribuire energia elettrica a località remote non collegate da una rete elettrica, o a combattere il cambiamento climatico consentendo di trasmettere l’energia rinnovabile intermittente dove è più necessaria per l’efficienza.

“Attraverso la reversibilità termodinamica – nella misura in cui è consentita da una moderna comprensione della meccanica statistica – immaginiamo una futura blockchain che non solo è radicata in beni reali come il consumo di energia, ma è anche un amministratore più responsabile delle nostre risorse naturali a sostegno dell’economia”, ha detto il co-autore Belof.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.