Estrazione di criptovalute – Notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 5 minuti
4.6/5 - (42 votes)

Il mining di criptovalute: un esempio concreto

Le criptovalute come Bitcoin, Ethereum o Dogecoin richiedono un sistema di convalida per essere scambiate. Questo sistema di convalida mira a limitare i rischi di usurpazione e a garantire che la criptovaluta inviata venga effettivamente rimossa dal portafoglio del mittente e aggiunta a quello del destinatario.

Immaginiamo che Christophe invii 2 ETH (Ethereum) a Julie. Durante la transazione, il miner deve eseguire diversi controlli:

  1. Deve verificare che Christopher sia effettivamente in possesso di 2 ETH e che questa informazione sia memorizzata nella blockchain – database. A tal fine, una moltitudine di computer comunica tra loro e convalida, a maggioranza, che il mittente è effettivamente in possesso di ETH.
  2. Deve eseguire un calcolo di controllo complesso per la transazione.
  3. Deve assicurarsi che i 2 ETH siano stati sottratti dal portafoglio di Christopher e aggiunti al portafoglio di Julie.
  4. Egli deve inserire questa nuova transazione nella blockchain di Ethereum in modo che una registrazione della transazione sia presente nel registro.

Dettagli tecnici del mining di criptovalute

Per convalidare le transazioni, il miner di criptovaluta deve eseguire calcoli complessi, comprese le chiavi di sicurezza, per dimostrare l’identità delle parti coinvolte (mittente e destinatario).

Ogni tipo di rete blockchain utilizza metodi e tecniche di mining propri.

Nella rete Bitcoin, ad esempio, i minatori devono trovare il valore che, aggiunto a un blocco di dati, permette a un hash. Questo hash è una serie di numeri che inizia con una successione di 0 chiamata “Nonce”. I minatori di Bitcoin devono quindi eseguire tutta una serie di calcoli complessi che richiedono in media 10 minuti. Ed è proprio a causa della complessità di questi calcoli che il mining delle criptovalute consuma molta energia.

Verso un’industria mineraria più verde

Le questioni ecologiche sono uno dei maggiori problemi del mining di criptovalute. La blockchain di Bitcoin, ad esempio, è stata progettata per diventare sempre più complessa nel tempo. In totale, saranno estratti solo 21 milioni di Bitcoin e nel 2024 ne saranno già presenti sul mercato più di 20 milioni. Ci vorrà poi circa un secolo per estrarre l’ultimo milione di bitcoin.

Il processo di estrazione sta diventando sempre più complesso e oggi viene svolto per lo più da enormi server farm con sede in Canada, Islanda, Siberia e Kazakistan. E queste fattorie sono considerate da molti un vero e proprio problema ecologico, visto che la sola Bitcoin consuma 140 terawattora di elettricità all’anno, pari a un terzo del consumo francese.

Tuttavia, negli ultimi anni sono state implementate nuove soluzioni attraverso blockchain che non si basano più sulla proof of work (PoW) ma sulla proof of stake (PoS). Questo è ad esempio il caso di Cardano (ADA), Solana (SOL) o Tezos (XTZ).

PoS o PoW: proof of stake o proof of work (prova di partecipazione o prova di lavoro)

PoW: Prova di lavoro

L’obiettivo dei minatori è calcolare il nonce come se cercassero un pezzo di DNA mancante dalla blockchain. Questo nonce corrisponde a una sequenza di caratteri che deve rispondere a criteri molto complessi, poiché deve contenere un’impronta digitale di tutti i pezzi della blockchain fino al momento T, ma anche delle nuove transazioni da inserire.
Grazie al principio PoW, la blockchain rimane omogenea e matematicamente (quasi) impossibile da usurpare.
Una volta trovata la combinazione, il miner fornisce una “prova di lavoro”, o PoW. Questo dimostra che è il primo a trovare la soluzione a un problema. Con questo certificato, il minatore riceve una ricompensa per il suo lavoro. Gli è consentito creare un nuovo blocco, collegato al precedente e che consente la creazione di una catena cronologica di transazioni. Viene quindi ricompensato con monete per aver fornito le sue risorse e con una piccola percentuale della transazione convalidata.

PoS: Prova di partecipazione

Il PoS, o proof of stake, sta sostituendo sempre più il PoW. Con questo sistema, i minatori sono ora dei validatori il cui ruolo è quello di generare nuovi blocchi in base al numero di token in loro possesso. I validatori scelti possono, in cambio della creazione di questi blocchi, ricevere token dalla blockchain in questione. Impegnano alcuni dei propri token e convalidano le transazioni. Qualsiasi tentativo di usurpazione rischierebbe di far perdere loro i gettoni promessi, che garantiscono la sicurezza di questo sistema. Con il PoS non è più necessario far eseguire calcoli complessi da macchine ad alto consumo energetico.

Tre modi per investire nel mining di criptovalute

L’estrazione mineraria rappresenta un modo per investire nelle criptovalute. Si può fare da casa, purché si abbiano a disposizione tre cose:

  • Attrezzature informatiche adeguate
  • Una connessione internet stabile
  • Un alimentatore

Per essere redditizio, il mining di criptovalute richiede l’investimento o il noleggio di hardware potente e di qualità.

Esistono tre metodi per investire nel mining di criptovalute.

1 – Costruire il proprio impianto minerario

Costruire una propria struttura di mining richiede una buona conoscenza dei computer, soprattutto perché gli standard di sicurezza continuano a diventare più complessi per le criptovalute più ricercate.

Se si vuole costruire il proprio sistema, occorre innanzitutto calcolare la potenza di calcolo necessaria per verificare le transazioni e creare nuovi blocchi. Questa potenza è misurata in h/s, ovvero hashs al secondo. Allo stesso tempo, l’acquisto di un sistema di raffreddamento ad alte prestazioni è essenziale per garantire la longevità delle apparecchiature.

Budget : Da 2000 a 5000 euro in media

2 – Acquistare attrezzature minerarie già pronte

Se non ve la sentite di costruire il vostro impianto minerario, potete acquistare attrezzature già pronte. Questa attrezzatura è più costosa da acquistare, ma ha il vantaggio di far risparmiare molto tempo ai minatori. Le macchine più potenti sono dotate di un’intelligenza artificiale in grado di gestire autonomamente il mining delle criptovalute. Si tratta di un ASIC (Application Specific Integrated Circuit).

Budget: da 5000 a 10 000 euro in media

3 – Estrazione nel Cloud Estrazione

Poiché le attrezzature per il mining sono costose, ingombranti e ad alta intensità energetica, molti minatori si stanno rivolgendo al cloud mining.

Che cos’è il Cloud Mining? Il cloud mining consiste nell’affittare la potenza di calcolo di una mining farm in cambio di una tariffa basata sui profitti ottenuti. Il cloud mining consente di estrarre una criptovaluta in remoto, senza disporre dell’hardware di estrazione.

Il cloud mining sta diventando sempre più popolare, soprattutto tra i minatori con budget limitati. Per accedervi, è necessario acquistare azioni o titoli di una società mineraria. Tuttavia, ai minatori viene addebitato un costo di gestione per la manutenzione e la sostituzione delle attrezzature.

Alcuni siti di cloud mining di successo:

  1. Just Mining
  2. Feel Mining
  3. Stormgain Cloud Mining

Mining di criptovalute: quanto è redditizio?

Il mining di criptovalute può ancora essere redditizio, purché si scelgano bene le criptovalute e si calcoli il rapporto tra le spese (hardware + elettricità) e i ricavi del mining.

Per garantire che il mining di criptovalute sia redditizio, ci sono tre fattori chiave da considerare:

  • Il prezzo della criptovaluta: un Bitcoin a 50000 dollari sarà ovviamente più redditizio da minare rispetto a un Bitcoin a 20000 dollari.
  • Il prezzo dell’elettricità.
  • La difficoltà di estrazione: più la criptovaluta è difficile da estrarre, più la redditività ne risente.

La difficoltà di estrazione gioca infatti un ruolo fondamentale sulla redditività, in quanto determina il consumo di energia e il tempo necessario per l’estrazione.

Esempio: nel 2022, ci vogliono quasi 100 giorni per estrarre 1 Ethereum con una velocità di estrazione di 750 MH/s, consumando 1350 watt di energia e una ricompensa in blocchi di 2 ETH.

Per conoscere la redditività del mining di diverse criptovalute, è possibile utilizzare uno strumento di calcolo online come Stelareum o Nicehash.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *