La consapevolezza delle criptovalute è al 76% in Spagna – Sondaggio – Notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 2 minuti
4.6/5 - (11 votes)

 

Un sondaggio ha rilevato che il 76% degli spagnoli intervistati conosce le criptovalute e che quasi un terzo è a conoscenza dei dettagli sulla regolamentazione dei token nel Paese.

Il studio è stato condotto dall’autorità spagnola di regolamentazione dei mercati, la Commissione nazionale del mercato dei valori mobiliari (CNMV), in collaborazione con il compilatore di dati Análisis e Investigación. Nell’ambito della loro ricerca, gli organismi hanno parlato con 1.500 persone di età compresa tra i 16 e i 70 anni nel Paese tra maggio e giugno di quest’anno.

Il sondaggio ha anche dipinto un quadro familiare del tipico investitore nazionale di criptovalute: La maggior parte delle persone che hanno dichiarato di investire in monete ha un’istruzione universitaria (quasi la metà), un ceto medio-alto (64%), guadagna più di 3.000 dollari al mese (41%) ed è di sesso maschile (66%). Inoltre, più di un terzo aveva un’età compresa tra i 35 e i 44 anni, con un’età mediana di 38 anni e sette mesi.

Quasi la metà degli investitori ha dichiarato di aver investito meno del 5% del proprio capitale totale in criptoasset, anche se una minoranza consistente (4,5%) ha dichiarato di aver investito metà o più del proprio valore in bitcoin (BTC) e altri token.

Più di uno su 10 degli uomini intervistati ha dichiarato di essere un investitore in criptovalute, insieme a poco più del 3% delle donne.

In termini di regolamentazione, il 32% ha dichiarato di “essere a conoscenza della situazione attuale in termini di regolamentazione e supervisione delle criptovalute”. Ma quasi la metà ha dichiarato di essere all’oscuro della questione. Il restante 20% ha dichiarato di ritenere che siano in vigore alcune norme, anche se non ne conosce la natura.

Ci sono stati anche affascinanti approfondimenti geografici: Quasi un quarto degli investitori in criptovalute risiede nella capitale Madrid, mentre un gran numero di investitori vive anche nelle regioni tradizionalmente ricche della Catalogna e di Valencia. Ma c’è anche un risultato sorprendente: il 14% degli investitori risiedeva nella regione meridionale dell’Andalusia, storicamente la parte più povera della Spagna.

Tra i non investitori, il sondaggio ha rilevato che gli uomini hanno maggiori probabilità di conoscere le criptovalute rispetto alle donne, ma la conoscenza non varia in modo significativo tra i gruppi di età. Quasi un terzo degli intervistati ha dichiarato di aver sentito parlare per la prima volta delle monete da familiari e amici.

Per l’autorità di regolamentazione, tuttavia, il livello di consapevolezza del pubblico sulla regolamentazione delle criptovalute lascia a desiderare. La CNMV ha scritto:

“Il 40% degli intervistati ha dichiarato di ricordare gli avvertimenti fatti sulle criptovalute ed emessi dal CNMV. [central] Banca di Spagna, il governo, il Banca Centrale Europea, o la CNMV”.


– Accenture vede una forte domanda di asset digitali tra gli investitori asiatici, ma un’esitazione tra le società di consulenza

Protected by Copyscape

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.