La California reintroduce le donazioni politiche in criptovalute-Notiziecriptovalte

⌛ Tempo di lettura : 2 minuti
4.6/5 - (10 votes)

Stati Uniti – Le criptovalute entrano in politica in California. Lo Stato occidentale degli Stati Uniti aveva vietato le donazioni in criptovaluta per i candidati alle cariche pubbliche, ma ora ha emanato una legge che le reintroduce. Tuttavia, questo permesso non è totale e deve essere temperato.

Il Commissione per le pratiche politiche leali (FPPC) è una commissione indipendente e apartitica composta da cinque membri. Il suo ruolo è quello di garantire che i funzionari pubblici agiscono in modo equo e imparziale nel processo decisionale del governo. Inoltre, promuove la trasparenza del governo e la fiducia dei cittadini nel sistema politico.

Per la cronaca, aveva deciso di vietare le donazioni di criptovalute ai politici con un atto del 2018. Questo divieto si applica ai candidati politici statali e comunali. Secondo il FPPC, Questa decisione si è basata sulla difficoltà di rintracciare l’origine delle donazioni.. Ciò è contrario all’obiettivo di trasparenza dei politici statunitensi.

Tuttavia, questo divieto non è più in vigore: i legislatori californiani hanno appena I legislatori della California hanno appena approvato una legge che reintroduce le donazioni politiche in criptovalute.

Politica – Le donazioni in criptovaluta sono di nuovo consentite

Con questa decisione, i residenti in California possono effettuare donazioni in criptovalute, ad esempio in bitcoin (BTC). Sono liberi di scegliere l’importo donato “entro il limite dei contributi della California”.

Tuttavia, ci sono alcune limitazioni da notare. In primo luogo, le persone dietro le campagne politiche dovranno convertire immediatamente in dollari USA tutte le donazioni ricevute (USD). E solo “Possono essere utilizzati processori di pagamento registrati presso il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti”.

Come secondo passo, ogni parte dovrà avere procedure adeguate per verificare l’identità dei donatori. Inoltre, ogni politica deve essere legittimamente convinta di conoscere la vera identità del donatore.

 

Il donatore deve fornire la propria identità completa (cognome, nome, indirizzo, professione, datore di lavoro). In caso contrario, la donazione non è ammissibile. Peggio ancora, è illegale. Da ciò si può dedurre che Non sono ammesse donazioni da fonte anonima.

L’avvocato generale del FPPC afferma che:

“Nella stesura di questi regolamenti, abbiamo dovuto affrontare le preoccupazioni inerenti alle criptovalute e l’opportunità che esse presentano per i contributi illegali, perché sono intrinsecamente – intenzionalmente, in alcune circostanze – anonime, e in molte circostanze non sono rintracciabili”.

David BainbridgeConsigliere generale del FPPC.

Questa decisione va accolta con favore. Infatti, se la California ha una politica contro le criptovalute, si tratta di una primo passo verso la sua rilassamento.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *