Il Medio Oriente e il Nord Africa guidano l’adozione delle criptovalute: notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 2 minuti
4.8/5 - (18 votes)

 

Il Medio Oriente e il Nord Africa (MENA) sono il mercato delle criptovalute in più rapida crescita al mondo: la regione registrerà 566 miliardi di dollari di pagamenti in criptovaluta da luglio 2021 a giugno 2022, con un aumento del 48% rispetto all’anno scorso, secondo un’analisi di mercoledì scorso. rapporto della società di analisi blockchain Chainalysis.

I mercati emergenti hanno dominato il Global Crypto Adoption Index 2022 di Chainalysis, con l’America Latina al secondo posto per la crescita del volume delle transazioni, pari a circa il 40% rispetto allo scorso anno. Il Nord America si è piazzato al terzo posto con una crescita del 36% circa, ma con l’Asia centrale e meridionale alle spalle.

 

Sebbene l’area MENA sia uno dei mercati più piccoli per le criptovalute misurati da Chainalysis, è in crescita per quanto riguarda l’adozione, con la Turchia, l’Egitto e il Marocco nella top 25 di quest’anno.

L’Egitto è stato il mercato delle criptovalute in più rapida crescita nell’area MENA, con un volume di transazioni triplicato nel rapporto di quest’anno rispetto all’anno precedente. La crescita è stata sostenuta dal progetto della banca nazionale del Paese di costruire un corridoio di rimesse basato sulle criptovalute con gli Emirati Arabi Uniti, dove lavorano molti cittadini egiziani. I pagamenti delle rimesse rappresentano circa l’8% del PIL egiziano.

La Turchia rimane per Chainalysis il mercato di criptovalute più importante della regione, con i suoi cittadini che riceveranno 192 miliardi di dollari da luglio 2021 a giugno 2022. Tuttavia, ha registrato una crescita annuale più lenta rispetto all’Egitto e al Marocco.

In Turchia e in Egitto, gli alti tassi di inflazione e le rapide svalutazioni della valuta fiat stanno probabilmente spingendo alcuni investitori verso le criptovalute come mezzo alternativo per preservare i propri risparmi, secondo il rapporto. Rispetto al dollaro statunitense, la lira turca si è indebolita di oltre il 100% nel corso dell’ultimo anno, mentre la sterlina egiziana si è indebolita di oltre il 25%, secondo i dati forniti dall’agenzia di rating del Regno Unito. MarketWatch.

L’inflazione è stata più grave in Turchia, con l’Istituto di Statistica Turco riporta che l’inflazione annuale ha superato l’83% a settembre. Tuttavia, il gruppo di ricerca indipendente sull’inflazione ENAGrup stima l’inflazione annuale dell’IPC è di circa il 186% al momento della stampa.

In Marocco, i tassi di inflazione sono stati più moderati. Secondo Chainalysis, l’alto punteggio del Paese nordafricano nell’indice è probabilmente attribuito alla nuova posizione permissiva del governo nei confronti delle adozioni di base.

Il Marocco ha vietato il commercio di criptovalute nel 2017, ma da allora la popolarità dell’asset è cresciuta. All’inizio di quest’anno, la banca centrale del Paese si è impegnata a regolamentare le criptovalute, sottolineando l’innovazione e la protezione dei consumatori.

 

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *