I pagamenti in criptovaluta hanno un futuro – NotizieCriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 2 minuti
4.8/5 - (55 votes)

Pagare i propri acquisti in criptovalute potrebbe presto diventare una prassi comune. Uno studio della società di revisione e consulenza Deloitte ha pubblicato risultati in questa direzione. Secondo lo studio, tre quarti dei commercianti statunitensi prevedono di accettare le criptovalute come forma di pagamento entro due anni.

Adozione massiccia dei pagamenti in criptovaluta in arrivo

Deloitte, in collaborazione con il gigante dei pagamenti PayPal, ha appena pubblicato i risultati di un sondaggio condotto nel dicembre 2021 tra i rivenditori di tutte le dimensioni per scoprire le loro intenzioni nei confronti dei pagamenti in criptovaluta. Nel cuore di un mercato che non aveva ancora vissuto le delusioni – la parola è debole – che hanno colorato i primi mesi del 2022, regnava ancora l’ottimismo. In effetti, non è detto che lo stesso sondaggio condotto oggi darebbe gli stessi risultati, dato che la diffidenza nei confronti delle cripto sembra prevalere al punto da ipotecare il loro futuro per alcuni.

In ogni caso, i risultati sono in ritardo e perdono parte del loro valore, ma diamo un’occhiata a ciò che emerge da questo “Merchants Getting Ready For Crypto”. Il numero da ricordare è l’alta percentuale di commercianti intervistati che prevedono di integrare le criptovalute nel loro mix di pagamenti: 75%..

E soprattutto, l’85% di loro prevede che questo tipo di regolamentazione sarà onnipresente nel proprio settore entro cinque anni. L’indagine ha interpellato 2.000 manager del commercio al dettaglio, equamente suddivisi tra i settori della cosmetica, dei beni digitali, dell’elettronica, della moda, degli alimenti e delle bevande, della casa e del giardino, dell’ospitalità e del tempo libero, dei beni personali e per la casa, dei servizi e dei trasporti.

Investimenti già consistenti

Un dato interessante che dimostra che siamo di fronte a una tendenza destinata a continuare è che molti dei suoi rivenditori hanno già iniziato a investire nell’offerta di questo nuovo servizio. Ad esempio, secondo l’indagine, più della metà degli esercenti con un fatturato superiore a 500 milioni di dollari ha già speso almeno un milione di dollari per costruire un’infrastruttura per questo nuovo metodo di pagamento. Il 73% dei rivenditori con ricavi compresi tra 10 e 100 milioni di dollari ha investito tra 100.000 e 1 milione di dollari.

Una spesa che, secondo Deloitte, non dovrebbe fermarsi qui. Oltre il 60% dei rivenditori ha dichiarato di prevedere budget superiori a 500.000 dollari per abilitare i pagamenti in criptovaluta nel 2022.

Cresce l’interesse dei consumatori per i pagamenti in criptovaluta

La motivazione che spinge gli esercenti ad adottare i pagamenti in criptovaluta è in gran parte basata sull’interesse dei consumatori. Il 64% riferisce che i clienti hanno chiesto a gran voce di utilizzare questa nuova opzione. e l’84% ritiene che la domanda aumenterà. Pertanto, almeno per quasi il 50% di loro, essi cercano di migliorare l’esperienza del cliente o a aumentare la frequenza Per il 40% di loro, l’obiettivo è anche quello di fornire ai clienti una migliore comprensione della loro attività. Per il 40% di essi, l’obiettivo è anche quello di dare un’immagine del proprio marchio come “all’avanguardia della tecnologia”..

Tuttavia, gli ostacoli rimangono. Nonostante il numero crescente di processori di pagamento che semplificano l’opzione cripto, come BitPay, i commercianti sono piuttosto preoccupati per la sicurezza del sistema. Sono inoltre preoccupati per i cambiamenti normativi in questo settore, per la volatilità del prezzo delle cripto e per il costo del cambiamento, nonché per l’integrazione di più asset. Non c’è nulla di veramente proibitivo per passare dalla fase sperimentale all’adozione mainstream.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *