Flop 10 crypto – Quali sono le criptovalute che resistono meglio alla crisi? – Notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 4 minuti
4.5/5 - (18 votes)

Il mercato delle criptovalute rimane in un limbo di fronte alla scoperta di un fondo che potrebbe decidere di scavare ancora più in profondità. E un Bitcoin visibilmente incapace di fornire un segnale reale di un’inversione di tendenza che tutti stanno comunque aspettando. Un contesto che vede i rendimenti negativi apparire in quantità vertiginose, a partire dall’ATH di alcune criptovalute. Al momento, infatti, 3/4 dei primi 100 progetti registrano perdite superiori al -85% rispetto a quei massimi storici, che sono decisamente lontani. Ma alcuni stanno ancora facendo molto meglio degli altri…

Il declino del mercato delle criptovalute è indubbiamente diffuso. Ma non ha lo stesso impatto a seconda dei progetti coinvolti. I massimalisti hanno colto l’occasione per affermare che 1 BTC = 1 BTC e che quindi nulla può scuoterlo. Ma in realtà, i rendimenti negativi con conseguenze che attualmente variano da disastrose a catastrofiche. E un BTC che non è necessariamente tra i migliori performer, anche se rimane in alto nella top 10.

Perché l’osservazione è difficile, Con 3/4 delle 100 principali criptovalute che hanno registrato perdite superiori al -85% dai rispettivi ATH. E in questo elenco ci sono alcuni progetti ovvi, ma altri più sorprendenti. Questo anche se, nella maggior parte dei casi, sono i titoli con la maggiore capitalizzazione di mercato a fare relativamente meglio degli altri. Un’opportunità per dare un’occhiata allo stato attuale del mercato delle criptovalute, con l’aiuto del sito web BINANCE

Criptovalute – Top 10 delle peggiori

Ma prima di iniziare questo doloroso esercizio, è necessario fare alcune precisazioni. Come ad esempio il fatto che le stablecoin e altre versioni di token “impacchettati” sono state lasciate fuori da questo inventario.. Anche se alcune di queste monete stabili non mancano di mostrare rendimenti sorprendenti, a volte dell’ordine del -60%. Questo per ottenere una classifica più pertinente e focalizzata su progetti con una volatilità legittima. E in questo caso, è la top 10 delle criptovalute meno catastrofiche a cui siamo particolarmente interessati. Ovvero quelli che sono riusciti nell’impresa di crollare “solo” di un massimo di -73%.

E in questo elenco, il progetto che ha risentito meno della flessione generale del mercato è Moneta FLEX (FLEX) con il suo -37% circa.. Quest’ultimo viene presentato come “il carburante che alimenta l’ecosistema CoinFLEX” e la gestione della stablecoin flexUSD. Segue il token LEO, nativo della piattaforma Bitfinex, con un -38,2%. Queste ultime sono le uniche due criptovalute a non superare la soglia del -50%.. Perché poi le cose si complicano per gli ultimi 3 progetti della top 5, che sono rispettivamente l’XCN del progetto Web3 Catena (-52,3%), il Tenset (10SET) e il suo -60,6% e la criptovaluta nativa KCS della piattaforma KuCoin (-60,7%).

Bitcoin – All’8° posto con -69,3

Segue la seconda parte della classifica. Quello in cui il Bitcoin è all’8° posto, con perdite stimate del -69,3% dal suo ultimo ATH. Spoiler Alert, Ethereum (ETH) non compare in questa top 10, poiché il suo -77,5% lo relega al 14° posto. E subito dopo il Bitcoin c’è la criptovaluta BNB (6°), l’ex moneta di Binance che di recente è diventata il carburante ufficiale ed esclusivo della catena BNB. Ma anche il GateChain (GT) con un rendimento negativo del -68,7% che la colloca al 7° posto.

Infine, dopo il Bitcoin arriva la criptovaluta TLT nativa della piattaforma centralizzata FTX. Uno dei successi indiscussi di questo settore nell’ultimo anno, attualmente alla ricerca di progetti in cui investire i suoi miliardi di dollari. Infine, il Tron Project (TRX), il cui valore di rete DeFi è aumentato in modo impressionante dal lancio della sua stablecoin algoritmica USDD. E una sorpresa, vista la resilienza che sta dimostrando questo ecosistema dell’industria delle criptovalute, tanto bistrattato.. Senza attribuirgli alcun valore se non il 9° posto in questa classifica. DYOR!

Flop 100 crypto – Gli outsider importanti

Una volta stilata la top 10, alcuni progetti sono decisamente assenti da una simile classifica. Prima di tutto, i principali livelli 1 come Polkadot (DOT) e il suo -86,8%, o la criptovaluta AVAX della blockchain Avalanche (-88,7%). E infine Solana (SOL) che si trova nel mezzo, con -87,8%. Le posizioni che lo strato 2 Polygon e la sua criptovaluta MATIC (-86,4%) non hanno nulla da invidiare. E nemmeno l’EGLD del progetto Elrond, che scava ancora più in profondità, appena sotto il -90%.

Ma anche altre offerte molto popolari ultimamente, come la criptovaluta APE in relazione all’iconica collezione Bored Ape Yacht Club (BAYC) di NFT. Quest’ultimo ha registrato un calo del -86,5%.. Questo dato è comunque molto migliore di quello dello Shiba Inu (SHIB) e del suo -90,5%. Oppure la dolorosa caduta della CAKE della piattaforma decentralizzata PancakeSwap, attualmente all’80° posto con un rendimento negativo del -93,3%.

Naturalmente, questa classifica è solo un’istantanea, e non ha nulla a che fare con la consulenza sugli investimenti finanziari. Perché anche in tempi di “saldi” è fondamentale informarsi (DYOR) prima di investire.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *