La Banca centrale russa è pronta a fare concessioni sulla regolamentazione delle criptovalute, suggerisce il governatore-Notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 3 minuti
4.6/5 - (17 votes)

La Russia Banca centrale Elvira Nabiullina ha dichiarato di essere disposta a consentire alla nazione di fare affari con le criptovalute, a patto che non entrino nel sistema finanziario russo e siano utilizzate solo per i regolamenti internazionali. Ma il ministero delle Finanze del Paese, che è favorevole alla legalizzazione e alla regolamentazione, spera di raggiungere un compromesso con la banca.

Nabiullina è un alleato chiave del presidente Vladimir Putin ed è stata ampiamente elogiata in Russia per la sua gestione dell’economia nazionale di fronte alle sanzioni internazionali. Ma è anche la più importante cripto-scettica del Paese. Ha chiesto più volte un divieto generalizzato sulle criptovalute e una rapida introduzione del rublo digitale.

Sebbene la posizione della banca si sia in qualche modo ammorbidita nelle ultime settimane, con i capi della banca, tra cui Ksenia Yudaeva (vicegovernatore della banca), che hanno affermato che le criptovalute potrebbero essere utilizzate nello spazio dei regolamenti internazionali, l’approvazione personale di Nabiullina ha un peso maggiore.

Tuttavia, ha lanciato un avvertimento dal suono familiare sui pericoli di quella che ha definito la potenziale “cripto-izzazione” dell’economia russa.

Per Kommersant, la Nabiullina ha dichiarato ai giornalisti in occasione di un forum economico tenutosi a San Pietroburgo:

“La nostra posizione è che le criptovalute non dovrebbero essere utilizzate come mezzo di pagamento all’interno del Paese. […] Per quanto riguarda l’uso [of crypto] nei regolamenti internazionali, se non entra nel sistema finanziario russo, allora è possibile”.

Intervenendo allo stesso evento, Ivan Chebeskov, capo del dipartimento di politica finanziaria della Ministero delle Finanze, ha dichiarato che il ministero spera di “raggiungere un accordo con la Banca Centrale sulla regolamentazione delle criptovalute”.

Chebeskov ha parlato anche di cripto-mining, un’industria che il governo vuole regolamentare e tassare. Ha definito il settore un “motore di crescita” per “l’economia digitale russa” e ha aggiunto, per FinAm:

“Riteniamo che il settore abbia certamente bisogno di essere regolamentato. Ci auguriamo di raggiungere un accordo su tutti i punti rimanenti”. [where we are currently at odds with] la Banca Centrale. All’inizio dell’anno non avevamo alcun terreno comune. Ora abbiamo trovato un terreno comune: le miniere e gli insediamenti per le attività economiche all’estero”.

La Nabiullina non ha parlato pubblicamente di eventuali modifiche alla sua posizione sul mining di criptovalute, ma diversi esponenti del governo hanno affermato che la banca potrebbe essere disposta a consentire il mining – a patto che tutti i token che i minatori ricevono rimangano fuori dall’economia russa.

Il ministero sarà stato senza dubbio incoraggiato dalla notizia che una delle più grandi compagnie di gas del mondo, Gazpromha stretto un accordo con la società russa di mining di Bitcoin (BTC) BitRiver.

BitRiver è stata colpita da sanzioni da parte dell’autorità di regolamentazione americana. Ufficio per il controllo dei beni esteri (OFAC) nell’aprile di quest’anno, una mossa che l’azienda russa ha definito “ingiusta”.

Ma il nuovo accordo darà una spinta all’azienda. In base ai termini dell’accordo, il ramo petrolifero di Gazprom Gazprom Neft fornirà a BitRiver l’elettricità prodotta dalla combustione di gas di petrolio associato nei siti di perforazione. L’elettricità sarà utilizzata per alimentare i complessi minerari gestiti da BitRiver che saranno costruiti nei siti di perforazione.

In un comunicato stampa, Igor Runets, fondatore e amministratore delegato di BitRiver, è stato citato , che afferma:

“Nei prossimi due anni, BitRiver […] creerà i propri data center per l’elaborazione ad alta intensità energetica con un aumento della capacità fino a 2GW, anche utilizzando il gas di petrolio associato, che […] garantire un’alimentazione elevata e stabile”.

Il gas di petrolio associato è un sottoprodotto dell’estrazione del greggio e viene spesso bruciato (o “bruciato”) dai professionisti della perforazione. Tuttavia, le industrie che possono utilizzare questa risorsa sono state incoraggiate a creare centri vicino agli estrattori di petrolio.

Come riportato in precedenza, la Gazprom Neft ha avviato dei progetti pilota di estrazione di criptovalute alimentati a gas di petrolio associato nei suoi siti di perforazione della Siberia occidentale dalla fine del 2020.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *