Fantom (FTM) – Estinzione delle bruciature a favore degli investimenti comunitari-Notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 3 minuti
4.7/5 - (9 votes)

La vera specificità del settore delle criptovalute è che si basa su un principio di tokenomics specifico per ogni progetto. Ovvero, una strategia interna di emissione, distribuzione e/o distruzione incorporata nel suo modello di business. E, al culmine dell’aumento generalizzato dello scorso anno, c’è stata una vera e propria mania comunitaria e speculativa per il principio della “bruciatura”. Si tratta della distruzione programmata di unità di una criptovaluta per ridurne la quantità disponibile (offerta). Ma ovviamente questa tendenza sembra destinata a spegnersi per alcuni nel bel mezzo dell’inverno del mercato orso.

Quando si tratta di criptovalute bruciate, BNB è senza dubbio in prima linea in questa logica incendiaria. Con distruzioni trimestrali di quantità sempre maggiori nel tempo. Ma questa procedura è stata infine sostituita da un principio di autocombustione in vigore dalla fine dell’anno scorso. Tutto questo “per offrire maggiore trasparenza e prevedibilità alla comunità”. Ma anche una distruzione più misurata, in diretta relazione al suo effettivo utilizzo all’interno della catena NBB.

È un dato di fatto che il fuoco speculativo delle criptovalute si è impossessato di questa economia digitale durante l’ultimo mercato toro. Con formule tanto diverse quanto le quantità erano esorbitanti. In una sorta di strana gara per vedere chi avrebbe bruciato la quantità maggiore. E di fronte a questa strategia cripto bruciata, un’eccitazione palpabile nei ranghi degli investitori. Questi ultimi si sono accaparrati le unità rimanenti prima che i loro prezzi salissero a causa della scarsità innescata. Ma questo era prima…

Fantom – La comunità tira fuori gli estintori

Il mercato delle criptovalute ha la peculiarità – in gran parte legata alla sua giovinezza – di essere ciclico. Con Bitcoin come indiscusso maestro di cerimonie. Con il mercato delle altcoins che spesso cerca di resistere ai suoi umori, che non sono più prevedibili quanto facili da anticipare. E quando l’ascesa c’è, l’eccitazione si impossessa di questo ecosistema a capo di irreali fortune digitali. Tanto che molti fuochi appaiono dappertutto, per rendere questa tendenza ancora più alta. Ma tutto questo calore creato artificialmente non ha impedito l’arrivo del mercato orso…

Una strategia di mongolfiera, in cui le fiamme innescano l’ascesa. Quest’ultimo adottato, tra gli altri, dalla blockchain Fantom (FTM) nella cardatura delle sue commissioni di transazione, pagate con la sua criptovaluta FTM. Questi ultimi vengono distrutti del 30% per ogni transazione registrata sulla sua rete. Tutto questo secondo il principio della scarsità come motore meccanico dell’aumento dei prezzi. Una logica molto interessante quando il prezzo di FTM era ben superiore a 2 dollari per unità. Ma è un po’ meno facile da digerire quando per settimane è rimasto al di sotto di 0,50 dollari. Probabilmente il motivo della recente decisione della comunità di tirare fuori gli estintori.

Fantom – Meno bruciature, più caveau

In effetti, una recente proposta è stata appena sottoposta al voto della comunità sulla rete Fantom. Si tratta di una riduzione del 10% dell’attuale indice di distruzione delle commissioni di transazione (30%). Vale a dire, una riduzione di 1/3 di questo importo che è stato ridotto a nulla. Il tutto con l’obiettivo di collocare questi fondi digitali FTM in un caveau della comunità chiamato Ecosystem Support Vault. E come suggerisce il nome, sarà dedicato al “supporto dell’ecosistema”. Tutto questo sarà gestito da uno Special Fee Contract (SFC) 16 “controllato dai validatori e dagli stakeholder attraverso un principio di governance e di proposta”.

“Come parte della continua evoluzione di Fantom verso la decentralizzazione, questa proposta potenzia la comunità Fantom di validatori e staker attraverso un caveau di supporto all’ecosistema on-chain”. Questo caveau fornirà un percorso alternativo attraverso decisioni guidate dalla comunità per il finanziamento di progetti, idee e creazioni sulla rete di Opera”. 

Proposta, Fantom

La votazione si è conclusa anche prima della scadenza imposta, poiché oltre il 99,75% di tutti i voti espressi sono già a favore del piano. Ed è stato sufficiente ottenere il 55% dei consensi della comunità per raggiungere il quorum necessario alla sua effettiva convalida. È quindi scontato che la rete Fantom distruggerà solo il 20% delle sue commissioni di transazione. Resta da vedere quanto questo possa rappresentare nel lungo periodo e in questo periodo di crisi del mercato delle criptovalute.

E dato il contesto attuale, questo non dovrebbe preoccupare nessuno. La tendenza è infatti chiaramente quella di costruire più che di speculare. E dopo la creazione di questo caveau comunitario, i progetti della rete Fantom potranno fare domanda di finanziamento. Ciò avverrà attraverso un principio di proposte presentate sul portale di governance Fantom. E una votazione comunitaria deciderà i fortunati. Speriamo solo che qualche balena non ne approfitti per ottenere fondi attraverso l’uso improprio dei voti della comunità. Un caso da seguire…

 

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.