AMF – La comunicazione degli influencer di criptovalute deve essere “più chiaro e responsabile” – Notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 3 minuti
4.7/5 - (7 votes)

Il settore delle criptovalute non sfugge alla regolamentazione solo nel contesto delle sue implementazioni finanziarie. Perché la sua esistenza si basa su molte realtà ancora escluse dall’ambito delle considerazioni giuridiche. Questo per il semplice motivo che non ci sono scatole in cui mettere gli strumenti digitali che sono alla base della sua ascesa. È una realtà che l’Autorité des Marchés Financiers (AMF) ha appena deciso di affrontare per quanto riguarda la comunicazione degli influencer nel settore dei servizi finanziari. Con un pilota specificamente dedicato alle criptovalute.

Influencer! Il lavoro di cui la stragrande maggioranza dei boomers non capisce lo scopo o il significato. Ma che tutti gli under 30 seguono diligentemente o sognano di fare. Con il principale segno di riconoscimento nel settore delle criptovalute, un’orda di seguaci pronti ad acquistare qualsiasi cosa su un semplice “suggerimento”, spesso monetizzato.. E, qualche tempo dopo, lo stesso gruppo si è trasformato in odiatori non appena la realtà del mercato ha avuto la meglio su questo cieco entusiasmo. Il tutto senza rendere conto a nessuno.

Un nuovo tipo di comunicazione che oggi sostituisce gli specialisti o altri giornalisti in molti campi. Ma i ripetuti abusi di questa pratica stanno finalmente mostrando i limiti di una pratica troppo spesso priva di etica o di un minimo di moralità. Il risultato è la promozione di tutti i tipi di truffe NFT. O la promozione di progetti che avrebbero fatto meglio a rimanere nell’ombra, dove si trovavano per buoni motivi. Ecco perché l’AMF ha appena deciso di unire le forze con l’Autorité de régulation professionnelle de la publicité (ARPP) per ripulire il settore.

AMF – Influencer più responsabili

La principale conseguenza di questa notizia è semplice: il lavoro svolto dagli influencer rientra nell’ambito della normativa sulla pubblicità. Un fatto che dovrebbe già permettere ad alcuni di mettere un po’ di distanza tra sé e i loro guru digitali preferiti. Perché, proprio come la Coca-Cola o McDonald’s, non sono lì per renderci felici, ma per vendere i loro prodotti. Con una menzione speciale per l’AMF nel campo dei servizi finanziari. Perché i rischi sono ovviamente maggiori quando si tratta di investire denaroanche su consiglio di uno “specialista”, la cui unica vera abilità è quella di mettere in fila (comprare?) seguaci.

Ragione per cui la nuova tabella di marcia dell’AMF si concentra sugli “influencer” dei social network nel settore degli investimenti”. Ciò avverrà con l’aiuto dell’Osservatorio dell’Influenza Responsabile istituito dall’ARPP, al fine di “presentare in modo educativo le buone pratiche e le regole che si applicano in questo campo”. Vale a dire, una comunicazione “chiara, accurata e non fuorviante”. In particolare per quanto riguarda i rischi connessi, ma anche per la natura a pagamento dell’annuncio fatto. Un obbligo nel settore dei media, con la menzione “articolo sponsorizzato” richiesta per qualsiasi contenuto monetizzato al fine di essere riconosciuto come tale.

AMF – “Area prioritaria” per gli influencer di criptovalute

Tuttavia, questa recente dichiarazione dell’AMF apporta alcune modifiche alle applicazioni precedenti. Perché in questo caso l’attenzione è ovviamente rivolta agli influencer che operano nello spazio delle criptovalute. Una considerazione che rientra nei suoi “flussi di lavoro prioritari”. Si tratta di “comunicazioni che coinvolgono beni digitali e offerte di token” a cui potrebbero essere aggiunti anche gli NFT. Quest’ultimo settore è attualmente pieno di truffe di ogni tipo, al punto da interessare oltre il 90% dei suoi titolari.

La creazione di una raccomandazione dell’ARPP ai suoi membri sulle comunicazioni relative agli asset digitali e alle offerte di token è una priorità. Oltre all’aggiornamento della sua raccomandazione generale sulle comunicazioni relative a prodotti e servizi finanziari o prodotti e servizi di investimento, che includerà le disposizioni della dottrina dell’AMF sulla comunicazione della finanza sostenibile.

AMF

Non è certo la prima volta che l’Autorité des Marchés Financiers (AMF) si interessa al settore delle criptovalute. Ma questo è più specificamente il caso degli influencer che operano all’interno – o a fianco – di questa economia digitale. E anche se non tutti rientrano nella categoria dei meri saccheggiatori di tappeti, un requisito di chiarezza e trasparenza sembra abbastanza necessario.. Questo per permettere ai loro seguaci di identificare il grano dalla pula. Ma anche per imporre a queste star digitali una necessaria moderazione nella scelta e nella tecnica di promozione dei progetti di criptovaluta che sceglieranno in futuro. Per questa pratica non ci si può esimere da una necessaria responsabilità.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *