Esercizio di trasparenza per Kraken

Esercizio di trasparenza per Kraken
⌛ Tempo di lettura : 2 minuti
4.7/5 - (7 votes)

Il fiasco di FTX/Alameda sta costringendo l’industria delle criptovalute a comunicare la propria esposizione a queste società, in particolare alle piattaforme di scambio, in prima linea in questa grave crisi di fiducia causata dall’inimmaginabile incoerenza (la parola è debole) di una di loro. Kraken, come altri, ha quindi ottemperato all’esercizio.

Kraken dichiara 9000 FTT intermediati e nessuna esposizione ad Alameda Research

Il crypto exchange Kraken, non nato ieri, è un attore storico dell’ecosistema, ha appena dichiarato che era non esposto presso Alameda Researchla società commerciale dell’ormai caduto in disgrazia Sam Bankman-Fried. Invece, riconosce in possesso di quasi 9.000 gettoni ITFla crittografia nativa della piattaforma FTX. Gettoni detenuti sulscambio moribondo in quanto Kraken non ha mai quotato l’ITF sul proprio mercato cash o futures.

Nonostante questa perdita potenziale, che è trascurabile rispetto al suo reddito, l’scambio si dice che sia privo di conseguenze dannose. E, a differenza di altri che fanno affermazioni senza prove, come Tether, l’emittente della stablecoin USDT, che fa solo dichiarazioni vaghe, il pioniere del settore si batte per la trasparenza.

Nel 2014 abbiamo avviato l’uso di verifiche periodiche delle attività e abbiamo assunto una delle 25 società di revisione contabile più importanti al mondo, Armanino LLP, per produrre due verifiche a prova di riserva solo nell’ultimo anno. Questi audit sulle criptovalute sono più accurati e immutabili di qualsiasi altra forma di rendiconto finanziario e siamo una delle prime borse a eseguirli regolarmente.

Comunicato stampa da Kraken

Così, ogni utente di Kraken può andare a verificare di persona (lo abbiamo sperimentato) che il saldo che ha sulla piattaforma corrisponda agli asset che essa dichiara di detenere, almeno per quanto riguarda quelli più importanti.

Piattaforme di scambio

Kraken invita gli utenti a verificare che i loro fondi siano sostenuti da beni reali

Nathalie E. – 04 Feb 2022 – 10:58

In un contesto normativo sempre più rigido, le piattaforme […]

Per saperne di più

Binance in ritardo sulla trasparenza e in attesa di dichiarazioni da parte di altri exchange

Si noti che Binance è solo all’inizio di questo processo. Il leader del mercato, che ha precipitato la caduta di FTX senza probabilmente misurarne tutte le conseguenze, ha appena deciso di iniziare a utilizzare la cosiddetta Proof-of-Reserves. Solo che, allo stato attuale, l’utente non sarà in grado di non è in grado di controllare da solo se i suoi fondi sono detenuti dalla borsa.

Molte altre grandi aziende hanno rivelato la loro esposizione, o la loro mancanza, alla borsa FTX e alla sua consociata Alameda Research. E in mezzo al rumore, alla furia e alle voci di uno dei peggiori episodi della storia delle criptovalute, hanno scelto i social network per diffondere rapidamente le loro informazioni.. Per quanto riguarda gli scambi di criptovalute, Coinbase e Bitmex ciascuno ha dichiarato di non avere alcun coinvolgimento con FTX o Alameda e di non possedere token FTT. E gli altri?

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *