Dopo Blockfi, Celsius nell’occhio del regolatore

⌛ Tempo di lettura : 2 minuti
4.4/5 - (9 votes)

Ci si aspettava che la piattaforma di prestito cripto Celsius sarebbe stata esposta a sua volta all’ira dei regolatori. Accusato come il suo concorrente BlockFi di offrire prodotti simili a titoli non registrati, ha appena ricevuto la stessa ingiunzione di sospendere la sua offerta di conti di risparmio cripto ad alto rendimento. Il New Jersey ha iniziato le ostilità poco prima del Texas e probabilmente prima di altri stati che seguiranno l’esempio.

Dopo BlockFi, Celsius: piattaforme di cripto rendimento nel mirino

La minaccia non viene dal livello federale come per Coinbase che sta combattendo con la Securities and Exchange Commission (SEC) su un prodotto di prestito “ad alto rendimento” che non è ancora stato lanciato, ma dal livello locale. Infatti, Celsius, come BlockFi alla fine di luglio, ha appena ricevuto una spinta dal regolatore di titoli nel New Jersey, dove entrambi hanno indirizzi registrati. In particolare, quest’ultimo ha depositato un duro ordine contro di lui. Ordine che invita a smettere di offrire conti di risparmio cripto ad alto interesse ai residenti dello stato entro la fine di ottobre.

Un’ingiunzione che non si ferma ai confini dello stato. Infatti, lo stesso giorno, il Texas State Securities Board archiviato un avviso di udienza per febbraio per considerare una decisione simile. Si prevede che altri stati seguiranno, se le offensive contro BlockFi, che è anche sotto ingiunzione in Vermont, Alabama e Kentucky, sono da credere.

L’argomento principale è la protezione del consumatore

Gli interessi del consumatore sono davvero la priorità? Questa è una domanda reale, dato che i rendimenti offerti da queste piattaforme di prestito e prestito di criptovalute sono incommensurati con i magri rendimenti del risparmio tradizionale. Ma le autorità di regolamentazione non si muovono, citando la protezione degli utenti come una priorità. Come Gary Gensler, il capo della SEC, che ne ha fatto il suo cavallo di battaglia, come ripete più e più volte.

Ammettiamo che non si tratta di salvare un sistema bancario in via di obsolescenza, ma di garantire ai cittadini una moderata esposizione ai rischi finanziari. In questo caso, le preoccupazioni sono legittime.

In effetti, queste società, che offrono prestiti garantiti da cripto e permettono ai loro utenti di generare rendimenti significativi sugli attivi memorizzati sulle loro piattaforme, non incorrono in responsabilità in caso di problemi. Così, agendo come una banca per conto di una terza parte secondo il regolatore americano, non offrono lo stesso presunto tasso di protezione. Nessun conto assicurato dalla FDIC, un’agenzia federale che garantisce i depositi bancari.

Questi colpi di avvertimento rivolti alle piattaforme centralizzate di prestito di criptovalute sono probabilmente solo un assaggio di ciò che verrà. Vale a dire, l’obbligo di rispettare i regolamenti applicabili agli strumenti finanziari e ai derivati. Non è certo che gli utenti troveranno il modo di aggirare questo problema, oppure adotteranno la via dell’autonomia, facendo la scelta esclusiva di protocolli decentralizzati. Non è una soluzione senza rischi, ma ha il merito di essere libera da tutele.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.