Coinbase vuole i suoi derivati

⌛ Tempo di lettura : 2 minuti
Donnez une note

La piattaforma di scambio Coinbase ha presentato una domanda alla National Futures Association (NFA) per espandere i suoi servizi per includere il trading di futures e derivati. Una mossa sorprendente in un momento in cui lo scambio è sotto esame da parte del regolatore statunitense. Una richiesta che va quasi controcorrente in un momento in cui i cripto derivati, che generano notevoli somme di denaro, sono soggetti a misure restrittive. sulle principali piattaforme.

Coinbase all’attacco

Coinbase, il principale scambio di criptovalute degli Stati Uniti per volume, quotato al Nasdaq da aprile, ha appena presentare una domanda alla National Futures Association (NFA) per registrarsi come commerciante di commissioni di futures (FCM). La notizia è sorprendente dato il contesto attuale. Coinbase è nei guai con la US Securities and Exchange Commission (SEC) per il suo prodotto di prestito. Un prodotto di risparmio che offre un rendimento annuo del 4% sulla stablecoin USDC che scontenta all’autorità finanziaria che lo vede come un titolo non regolamentato.

Questa è una battaglia abbastanza nuova per Coinbase, che ha sempre cercato di entrare nelle grazie delle autorità centrali, e con successo se le approvazioni da parte del regolatore tedesco o giapponese sono qualcosa per andare da. Lo scambio può ora operare legalmente in queste due giurisdizioni.

Forte della sua quotazione in borsa, la borsa non nasconde più le sue ambizioni internazionali ma anche il suo desiderio di ampliare la sua gamma di servizi. Così, contrariamente alla sua politica passata in cui era molto parsimonioso sull’elencazione delle criptovalute offerte sulla sua piattaforma, ora ne elenca di nuove, anche a volte molto riservate, ad un ritmo costante.

I derivati delle criptovalute sotto i riflettori

Sul lato del prodotto, la piattaforma vuole anche tenere il passo con i suoi concorrenti, da qui questa nuova offerta di prestito ma anche il suo desiderio dioffrire ai suoi utenti la possibilità di un trading più sofisticato attraverso i derivati. Per il momento, si limita al mercato a pronti, Coinbase vuole anche attingere al mercato dei derivati. Con Binance e FTX in testa, il volume degli scambi di derivati ha raggiunto 145 miliardi nelle ultime 24 ore.

Solo che Coinbase è un po’ in ritardo nel gioco, anche se aveva anticipato questo già in aprile dall’acquisizione di Skewuna società di analisi specializzata nel monitoraggio del mercato dei cripto-derivati. Infatti, i colossi del settore hanno invece deciso di ridimensionarsi. L’argomento è promuovere un commercio responsabile e proteggere gli investitori. Queste parole sembrano provenire direttamente dalla bocca dei regolatori. Eppure sono stati fatti più o meno nello stesso momento da Sam Bankman-Fried, CEO di FTX, e Changpeng Zhao, il CEO di Binance. Entrambi, determinati a mostrare le loro credenziali, hanno preso Restrizioni sulla leva finanziaria, incolpata dei crolli del mercato delle criptovalute, consentita sulle loro piattaformes rispettivis. Da luglio, sono stati limitati a x20 e Binance li ha persino rimossi dalla sua offerta in tre paesi europei.

Il desiderio di Coinbase di integrare i derivati sembra quindi andare contro la tendenza generale del mercato. Ancora più importante, rivela che il CEO Brian Armstrong, esasperato dalla minaccia del regolatore di azioni legali contro di lui, ha deciso di combattere duramente per le stesse opportunità dei suoi rivali.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.