Bitcoin – Dobbiamo farci prendere dal panico (di nuovo) dopo l’ultima caduta del BTC?

⌛ Tempo di lettura : 4 minuti
4.1/5 - (8 votes)

La natura imprevedibile del mercato Bitcoin sta causando movimenti di panico come solo questo può scatenare. E ogni volta che perde più del 6% o 7%, migliaia di investitori si precipitano sui loro conti per… cedere ad una nuova isteria collettiva e speculativa. Eppure è ben posizionato come uno dei migliori investimenti per sfuggire all’alta volatilità del mercato delle criptovalute. Perché BTC offre una stabilità – certo relativa – che la maggior parte delle altcoins non offre. Ma questo non gli impedisce di fare yo-yo con i cuori fragili dei suoi commercianti più stressati. E il suo recente declino all’inizio di questa settimana ne è una chiara prova.

È necessario ricordare che il panico è per le criptovalute ciò che è per il resto delle attività umane. Il modo migliore per commettere un errore. E in questo caso, l’opzione più probabile per perdere soldi. Con gli investitori al centro di tutto che decidono di fare trading per capriccio. Questo mentre si ignora qualsiasi strategia che è stata messa in atto in precedenza… se ce n’era una. E la maggior parte delle volte, si improvvisano trader nel momento peggiore possibile. E la maggior parte delle volte, l’hanno fatto nel momento peggiore possibile… quando il loro investimento era stato fatto con una strategia a lungo termine in mente.

Perché la prima regola del Bitcoin Club è di non fissarsi sul prezzo in tempo reale. Questo è particolarmente vero se la posizione presa è destinata a durare più di qualche settimana almeno. Una battuta d’arresto che viene calcolata in base ad ogni strategia. Ma anche per quanto riguarda la capacità di ciascuno di accettare l’alta volatilità del suo mercato. Perché anche se è (ancora) parte di un trend rialzista a lungo termine, BTC rimane instabile in unità di tempo giornaliere. Potrebbe anche essere vicino a un ritorno al ribasso, che per il momento non c’è motivo di aspettarsi qualcosa di diverso da una tendenza a breve termine.

Verso i 42.000 dollari e sotto?

Non sarà sfuggito a nessuno che Bitcoin ha appena registrato un calo significativo nelle ultime 24 ore. Un movimento che può essere descritto come significativo in unità di tempo giornaliere. E che mostra (per il momento) perdite dell’8,6% in questo giorno del 20 settembre ancora lontano dall’essere finito. Questo con il prezzo che attualmente raggiunge un picco di circa 43.400 dollari al momento della scrittura. E un livello di 42.000 dollari che è il punto di svolta da guardare come un supporto in fiamme. Soprattutto perché è stata violata l’area dei 44.000 dollari, che dovrebbe frenare il possibile ritorno al ribasso.

Una rottura del supporto di 42.000 dollari segnalerebbe l’inizio di una tendenza al ribasso più significativa. Un movimento che potrebbe andare per livelli molto più bassi, situato intorno ai 38.000 dollari. Ma questa rimane un’ipotesi pessimistica per il momento e dovrebbe essere considerata a breve termine. Perché questa caduta può anche essere messa in parallelo con quella registrata all’inizio di quest’anno 2020. Un calo del 30% che ha anche avuto luogo in due fasi. E che ha visto il prezzo del BTC cadere da 42.000 a 29.000 dollari nel giro di sole tre settimane. Questo prima che salisse al suo ultimo massimo storico di 65.000 dollari.

Niente panico prima di 38.000 dollari

Sapendo che per il momento, l’attuale declino fermato a 42.000 dollari rappresenterebbe “solo” il 19% dal suo ATH locale del 06 settembre. E che per fare “bene” come a gennaio, il livello di 38.000 dollari corrisponde esattamente a questo calo del 30%. Questo non costituisce un consiglio o una previsione per prendere una posizione. Ma semplicemente un’osservazione che ci permette di considerare che prima di questa soglia il panico può rimanere legittimo. Ma non convalida un crollo di Bitcoin o una fine del mercato toro che gli appassionati di scenari catastrofici amano propagandare.

Naturalmente, questo tipo di configurazione richiede di proteggere le proprie posizioni, se non è già stato fatto. E di respirare tranquillamente con il naso in attesa di vedere quale scenario vincerà alla fine. Sapendo che nessuna strategia è cattiva se implica prendere dei profitti. E che a volte è meglio prendere dei profitti anche se sono più piccoli del previsto piuttosto che finire con delle perdite.

È possibile godere dei benefici del mercato delle criptovalute senza sottoporsi a questo tipo di domande e stress inutili. Questo può essere fatto sottoscrivendo l’opzione copiare il trading Uno strumento di trading di monete algoritmico al 100% automatizzato. Uno strumento che ti permette di ottimizzare ogni investimento applicando una strategia costruita da trader esperti. Tutto questo per approfittare dei rialzi del mercato rimanendo fuori dalle attuali turbolenze.


Questo articolo riguarda lo stato attuale delle criptovalute. Non è inteso come un consiglio di investimento finanziario. Qualsiasi posizione presa deve essere accompagnata da una ricerca personale e richiede l’incrocio di diverse fonti prima di buttarsi. DYOR!

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.