Analisi di Bitcoin ed Ethereum – Prezzi di BTC ed ETH lunedì 3 ottobre 2022 – notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 4 minuti
4.8/5 - (19 votes)

Dopo un mese di settembre in rosso che non smentisce le statistiche dal 2017, Bitcoin ed Ethereum stanno cercando di tenersi stretti i rispettivi supporti. Se per il primo, flirta con i minimi dell’anno. Quest’ultimo sta cercando di non tornarci. Tuttavia, alcuni venti contrari si sono appena aggiunti alle attuali incertezze dei mercati finanziari.

Dato che gli investitori stanno perdendo la bussola settimana dopo settimana, stanno cadendo nel momento peggiore. Ciò si riflette attualmente nell’ultima analisi tecnica di BTC ed ETH, che è a sua volta immersa in un’esitazione totale. Con il timore che i loro mercati ribassisti inizino una terza ondata di correzione che potrebbe essere fatale per molti nel settore delle criptovalute.

Bitcoin – 20.000 dollari ancora in sospeso

Da metà settembre, le settimane sono state sempre uguali. In effetti, il Bitcoin si aggira intorno al supporto di 20.000 dollari. Questa deve essere vista come una buona notizia? Oppure il contrario, in un contesto in cui è rimasto ancorato a un mercato ribassista dal suo ultimo ATH nel novembre 2021? In questo momento, gli acquirenti sarebbero praticamente seduti in disparte. D’altro canto, i venditori sarebbero in attesa di potenziali catalizzatori a loro favore per spingere l’ago della bilancia.

Analisi settimanale dei prezzi del Bitcoin - 03 ottobre 2022

Se analizziamo attentamente il grafico settimanale, alcuni pilastri del mercato ribassista, come la spalla-testa-spalla (SHS) e la linea discendente, vedrebbero presto erosa la loro influenza con l’avvicinarsi della fine dell’anno. Soprattutto se i prezzi del BTC continueranno a oscillare intorno ai 20.000 dollari. Tuttavia, ci sono ancora ostacoli per sperare in un’inversione di tendenza.

Da un lato, La fase 4 di Weinstein non si sta esaurendo. Per la precisione, l’inclinazione verso il basso della media mobile a 30 settimane (MM30 settimanale) si sta dirigendo verso la resistenza di 26.000 dollari. Finché non ci sarà un’inflessione della sua traiettoria, resteremo cauti di fronte a possibili falsi segnali di acquisto.

D’altra parte, non dimentichiamo le varie resistenze da attraversare dai 26.000 dollari fino al top dell’ultimo gamma o canale orizzontale a 46.000 dollari. Questo neutralizzerebbe il mercato orso. Ma vista la situazione del prezzo del Bitcoin, questo scenario sarebbe improbabile in assenza di catalizzatori che superino le attuali incertezze dei mercati finanziari.

Supponendo che i venditori vincano la battaglia, un breakout da 20.000 dollari porterebbe i prezzi del Bitcoin verso il livello di supporto di 12.000 dollari. Il supporto di 16.000 dollari è un punto intermedio, a metà strada tra i livelli chiave.

Ethereum – 1.400 dollari potrebbero sfuggire

Per quattro settimane consecutive, Ethereum è rimasto al di sotto della resistenza dei 1400 dollari. Anche se si avvicina a questa soglia, il secondo fallimento al di sotto della resistenza di 1700 dollari sembrerebbe essere dannoso a questo punto. Di conseguenza, 1400 dollari potrebbero essere più lontani. Soprattutto perché i segnali tecnici sfavorevoli potrebbero moltiplicarsi nelle prossime settimane.

Analisi settimanale dei prezzi di Ethereum - 03 ottobre 2022

Non c’è da sorprendersi, La fase 4 di Weinstein, in corso dall’inizio di aprile, sta funzionando a favore dei venditori. In questo senso, la MM30 settimanale sta scivolando seccamente verso la sua linea discendente del mercato orso dall’ultimo ATH del novembre 2021. E dato il recupero al ribasso dei prezzi dell’ETH rispetto a quelli del BTC, è chiaro che il MACD sarebbe molto vicino ad attraversare il segnale al ribasso in unità settimanali.

Se questo incrocio ribassista dell’indicatore tecnico dovesse essere confermato nel prossimo futuro, il rimbalzo tecnico da metà giugno potrebbe essere messo seriamente in discussione. E nel caso in cui i prezzi di Ethereum dovessero tornare verso il supporto di 1000 dollari, I venditori vedrebbero l’opportunità di lasciare un segno. Con la possibilità che i prezzi tornino a tre cifre verso il supporto di 700 dollari.

In caso contrario, l’ETH dovrebbe rapidamente e successivamente sfondare i 1400 e 1700 dollari per uscire da questo scenario pessimistico che diventerebbe sempre più minaccioso. Tuttavia, un’inversione di tendenza favorevole sarebbe tutt’altro che scontata, vista l’ampiezza dell’ondata ribassista della scorsa primavera.

BTC e ETH – Ancora in terreno ostile

Sebbene Bitcoin ed Ethereum non abbiano ancora toccato nuovi minimi dell’anno, si trovano ancora in territorio ostile. Non solo, i loro mercati ribassisti diventerebbero più pesanti. Ciò significherebbe che molti investitori avrebbero difficoltà a mantenere le loro posizioni. Ma al momento i catalizzatori positivi risponderebbero con la loro totale assenza. E anche se ci fosse, potrebbe non essere sufficiente per eliminare la pressione al ribasso.

Per questo motivo sarebbe difficile prevedere un’uscita dalla porta principale. Soprattutto perché la FED continua ad essere ferma sulla sua stretta monetaria. Ma la cosa peggiore che potrebbe accadere sarebbe se l’inflazione faticasse a scendere in modo significativo. Ciò costringerebbe la banca centrale statunitense a prolungare il ciclo di rialzo dei tassi.

Di conseguenza, le classi di attività rischiose potrebbero ancora soffrire. Al punto che il contesto di mercato diventerebbe purtroppo favorevole a un evento sistemico. In tal caso, Bitcoin ed Ethereum rischierebbero di sprofondare definitivamente ai minimi dell’anno. Con una terza ondata di correzione in vista, che segnalerebbe la capitolazione.

 

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *