Analisi di Bitcoin ed Ethereum – Prezzi di BTC ed ETH lunedì 26 settembre 2022 – notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 4 minuti
4.8/5 - (18 votes)

 

In un contesto di mercato ancora cupo, Bitcoin ed Ethereum continuano a soffrire, ma non al punto di bere il calice fino alla feccia. In effetti, se può essere di consolazione per molti investitori in criptovalute, queste non sono scese dai minimi dell’anno. Ma la vera domanda è se ritarderemo la prossima ondata di correzione.

Analisi settimanale dei prezzi del Dollar Index - 26 settembre 2022

In questo senso, l’ultima analisi tecnica di BTC ed ETH non è certo un motivo di speranza. Allo stesso tempo, il nuovo massimo storico del Dollar Index (DXY) dal 2002, non fa bene alla loro attività. Peggio ancora, non si vedono i primi segni di debolezza nella valuta definitiva. Tanto che le divergenze ribassiste sull’RSI e sul MACD nelle unità settimanali sono state respinte, nonostante le ondate di acquisti.

Vediamo ora come potrebbero comportarsi le prime due valute digitali questa settimana.

Bitcoin: suspense intorno alla soglia dei 20.000 dollari

Come di consueto da metà agosto, il Bitcoin sta nuovamente testando il supporto di 20.000 dollari. Anche se i prezzi sono leggermente al di sotto di questa soglia critica (considerata il bullrun ATH del 2017), abbiamo la sensazione che possa scoppiare in qualsiasi momento. E se lo facesse, sarebbe difficile salire, viste le attuali incertezze dei mercati finanziari.

Analisi settimanale dei prezzi del Bitcoin - 26 settembre 2022

Anno dopo anno, il mercato orso del BTC dall’ultimo ATH del novembre 2021 è destinato a prendere piede. Soprattutto perché La fase 4 di Weinstein e la linea discendente non sono in discussione per un ritorno, che ci piaccia o no. D’altra parte, se i prezzi dovessero uscire dal secondo, dovremmo rompere al rialzo la resistenza di 26.000 dollari per iniziare a parlare solo di un crollo del bearrun.

Sempre che la fine di settembre finisca male, I prezzi del Bitcoin scenderebbero sotto i 20.000 dollari verso il livello di supporto di 12.000 dollari. Nel frattempo, potrebbero potenzialmente appoggiarsi al supporto di 16.000 dollari, un livello intermedio visibile ma precario nelle unità giornaliere.

Ethereum – Il supporto di 1.400 dollari presto condannato?

Dopo la candela ribassista di questa settimana, il passaggio alla proof of stake (PoS), Si dice che Ethereum sia sul punto di lasciare il supporto di 1400 dollari. In questo momento, entrambe le candele settimanali stanno scambiando inutilmente al di sotto di questo livello. Pertanto, non possiamo ancora concludere che i prezzi dell’ETH si stiano dirigendo verso i minimi dell’anno.

Analisi settimanale dei prezzi di Ethereum - 26 settembre 2022

Ma è solo questione di tempo se un cross ribassista sul MACD dal segnale nelle unità settimanalidovrebbe confermare le ultime speranze di un’estensione del rimbalzo tecnico da metà giugno. In questo caso, La Fase 4 di Weinstein continuerebbe ad aumentare di intensità fino a prova contraria. Con la media mobile a 30 settimane (MM30 settimanale) che si muove al ribasso dopo aver rotto il supporto a 2300 dollari, il fondo dell’ultimo gamma o canale orizzontale.

In ogni caso, il recupero al ribasso di Ethereum rispetto al Bitcoin è proseguito in una logica di mercato orso dal novembre 2021. Un ritorno verso il supporto dei 1000 dollari non dovrebbe sorprendere gli investitori più attenti. Con, se possibile, un passaggio intermedio che potrebbe concretizzarsi intorno al supporto di $1200, livello visibile nelle unità giornaliere.

BTC e ETH – Dollar Index ancora in buona forma!

Finché il Dollar Index continuerà a festeggiare, è improbabile che si verifichi un’impennata immediata di tutte le classi di attività rischiose. Non solo le ultime proiezioni di rialzo dei tassi della FED per il 2023 sono superiori al potenziale di crescita economica degli Stati Uniti nel breve e nel lungo periodo. Ma soprattutto, l’ambiente di mercato diventerebbe favorevole a uno scenario oscuro di stretta creditizia affiliati a una crisi di fiducia.

Certamente, non potrebbe accadere. D’altro canto, però, gli investitori devono tenerne conto nella gestione del proprio patrimonio. Poiché non ci sarebbe l’ombra di un catalizzatore positivo in prima linea, i mercati ribassisti di Bitcoin ed Ethereum dai loro ATH del novembre 2021, rischierebbero di prendere un’altra piega.

Se i venditori dovessero segnare i loro minimi dell’anno, dovremmo aspettarci di vedere le loro perdite approfondirsi fino a livelli coerenti con un arresto delle criptovalute. In questo caso, Bitcoin a 12.000 dollari ed Ethereum a 700 dollari in poche settimane/mesi, significherebbe la materializzazione di una terza ondata di correzione all’insegna di un inizio di capitolazione. Ma in modo plausibile, a Non combattete la FED che andavano avanti fino a quando non si rompeva qualcosa.

 

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *