Analisi di Bitcoin ed Ethereum – Prezzi di BTC ed ETH lunedì 05 settembre 2022 – notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 4 minuti
4.7/5 - (19 votes)

 

Dopo che le speranze di un rallentamento della stretta monetaria della Fed sono state spente al simposio di Jackson Hole, tutte le classi di attività rischiose hanno logicamente corretto gran parte dei loro guadagni estivi. Per questo motivo, Bitcoin ed Ethereum sono tornati sui principali supporti dei loro rimbalzi tecnici da metà giugno.

Inoltre, le ultime analisi tecniche mostrano dubbi sulle rispettive capacità di conservazione. Tanto che sembra riemergere un ritorno delle attuali incertezze sui mercati finanziari. D’ora in poi, saremmo arrivati su un nuovo punto di svolta al punto da temere una terza ondata di correzione dei prezzi di BTC e ETH che a sua volta potrebbe mettere il chiodo finale nella bara dei loro mercati orso.

Bitcoin – Prossima pressione intorno a 20.000 dollari

Nelle ultime due settimane, il Bitcoin si è stabilizzato intorno al supporto di 20.000 dollari. Ciò dimostrerebbe che la pressione ribassista da metà agosto si è esaurita o ha segnato una pausa. Gli investitori in criptovalute sperano nel primo scenario, nella prospettiva di un’estensione del rimbalzo tecnico. Ma se quest’ultima prevalesse, la ripresa del mercato orso del BTC dall’ultimo ATH del novembre 2021 tornerebbe in primo piano.

Analisi settimanale del prezzo del Bitcoin - 05 settembre 2022

Per il momento, la convinzione di andare in entrambe le direzioni rimane bassa, in quanto mancano nuovi potenziali catalizzatori. Soprattutto perché le attuali incertezze dei mercati finanziari sono già incorporate nel prezzo. Non sorprende che acquirenti e venditori stiano temporeggiando in attesa che la situazione si chiarisca.

Detto questo, la tendenza di fondo rimane fortemente ribassista fino a prova contraria. In primo luogo, i prezzi del BTC si stanno allontanando dalla linea discendente e dalla media mobile a 30 settimane (MM30 settimanale). In secondo luogo, gli indicatori tecnici vedono rallentare i loro progressi verso le rispettive linee di galleggiamento. Terzo, La fase 4 di Weinstein, attraverso un MM30 settimanale ancora in calo, si sta impantanando settimana dopo settimana.

Pertanto, la probabilità del grafico propende per una rottura del supporto di 20.000 dollari piuttosto che per un ritorno al passato. Con una ripresa del mercato ribassista verso il supporto di 12.000 dollari che porterebbe gli acquirenti a capitolare.

Ethereum – Prossime tensioni intorno ai 1500 dollari

A differenza del Bitcoin, Ethereum non è ai minimi dell’anno. Perché mentre parliamo, I prezzi sono a metà strada tra il supporto di 1.000 dollari e quello di 2.000 dollari toccato nella prima metà di agosto. Fortunatamente, la candela rialzista della scorsa settimana ci ha dato una tregua di breve durata e poi per preservare il supporto del livello di 1400 dollari.

Analisi settimanale dei prezzi di Ethereum - 05 settembre 2022

Da qui gli investitori in criptovalute si sentirebbero rassicurati, ma ci sarebbe ancora molto lavoro da fare per vedere un esito felice. E a riprova di ciò, i prezzi dell’ETH hanno purtroppo invertito la rotta rispetto ai loro punti di svolta. Infatti, Gli acquirenti hanno subito un duro colpo al morale quando hanno visto la falsa rottura della resistenza di 1700 dollari.

D’altra parte, il fatto che la linea discendente e la MM30 settimanale non siano più minacciate favorevolmente, ha rafforzato la presa dei venditori che vogliono sferrare il colpo. Tanto più che La Fase 4 di Weinstein continua ad affermarsi, nonostante il raddoppio del prezzo di Ethereum dal suo supporto di 1000 dollari.

E mentre siamo graficamente lontani da una ripresa del suo mercato orso dall’ultimo ATH del novembre 2021, i venti contrari potrebbero pesare molto sui futuri tentativi di rimbalzo. La tenuta del supporto di 1400 dollari potrebbe essere un segno di sollievo, ma ci vorrebbe molto di più per rompere la resistenza di 1700 dollari.

Proprio come la moneta digitale di Satoshi Nakomoto, la tendenza generale sarebbe quella di un breakout dalla soglia dei 1400 dollari. Con i prezzi di Ethereum in discesa verso il supporto di 1000 dollari, non lontano dai minimi dell’anno. Ma Nel caso in cui il Bitcoin dovesse rompere il supporto di 20.000 dollari, temeremmo una caduta più significativa fino a prezzi a tre cifre.

 

BTC e ETH – La calma prima della tempesta?

Ora che Bitcoin ed Ethereum stanno tornando a livelli coerenti con le attuali incertezze dei mercati finanziari, le viti si stanno stringendo sulle loro estensioni tecniche di rimbalzo da quando il presidente della FED Jerome Powell ha dichiarato il suo impegno nella lotta all’inflazione.

E le cattive notizie continuano, la crisi energetica che sta colpendo duramente l’industria mineraria, potrebbe non essere positivo per le criptovalute per qualche tempo. Per non parlare del fatto che la crisi di fiducia seguita ai vari scandali della scorsa primavera, rimane una coltre difficile da sollevare nell’immediato futuro.

Il famoso detto Non combattete la FED è anch’esso inattivo. Finché la banca centrale statunitense rimarrà determinata a inasprire la politica monetaria come previsto, i mercati ribassisti sia degli indici azionari che delle criptovalute potrebbero continuare. L’unica incognita è l’entità. E non è chiaro dove questo porterà.

In ogni caso, un Bitcoin significativamente al di sotto del supporto di 20.000 dollari sarebbe chiaramente un segnale negativo per il mercato delle criptovalute. In questo caso, gli investitori non dovrebbero essere ciechi di fronte a una nuova ondata di correzione sotto il segno della capitolazione. In questo modo, convalideremmo definitivamente un mercato orso per l’anno 2022, che a sua volta potrebbe estendersi fino ai primi mesi del 2023.

 

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.