Solana Analysis (SOL) – Si prospetta un rimbalzo tecnico sul supporto a 24 dollari? – Notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 4 minuti
4.7/5 - (18 votes)


Mentre Bitcoin ed Ethereum sono riusciti a stabilizzarsi sui rispettivi supporti per alcuni giorni, è possibile immaginare che molte altcoin possano fare lo stesso. È il caso, ad esempio, del progetto Solana e della sua criptovaluta SOL. E questo nonostante la vicenda Solend, che resta da tenere sotto stretta osservazione. Ancora meglio, la scorsa settimana ha superato le due principali criptovalute.

Dopo aver attraversato un mercato ribassista dall’ultimo ATH del novembre 2021, l’ultima analisi tecnica della criptovaluta SOL mostra un’attenuazione dei segnali tecnici negativi. Con la prospettiva di un possibile inizio di rimbalzo tecnico. Ma questo non significa che sia in arrivo un’inversione di tendenza favorevole, tutt’altro.

 

 

 

Solana – Verso la seconda settimana consecutiva di aumento

Dopo una serie di dieci settimane consecutive di ribassi da quando non è riuscito a superare la resistenza di 140 dollari, il SOL del progetto Solana è al secondo rialzo settimanale vicino al supporto di 24 dollari. A tal punto che potremmo aver visto un secondo punto di minimo definitivo nel suo mercato orso. Questo dopo il primo intorno alla resistenza di 79 dollari.

Questo timido rimbalzo tecnico in unità settimanali coincide anche con un leggero miglioramento del MACD e dell’RSI. Da un lato, il primo è riferito vicino all’attraversamento del segnale al rialzo, anche se rimane ancorato in profondità sotto la linea dello zero. D’altra parte, quest’ultimo si sta stabilizzando in modo precario al di sopra della zona di ipervenduto.

Se entrambi gli indicatori tecnici dovessero migliorare la loro dinamica nelle prossime settimane, i prezzi del SOL si dirigerebbero verso la resistenza di 52 dollari. O un potenziale rialzo di circa il 116% dal supporto di 24 dollari.. Tuttavia, gli investitori dovrebbero considerare questa possibilità in prospettiva. Soprattutto se si considera l’entità del declino dall’ultimo ATH vicino a 268 dollari nel novembre 2021.

 

 

 

 

Solana – Verso un’attenuazione della pressione ribassista nel breve termine?

Il grafico settimanale non dà adito a dubbi sul mercato orso di Solana. Tuttavia, è possibile vedere alcuni segnali di esaurimento della pressione ribassista nelle unità giornaliere. Infatti, non solo i prezzi stanno riprendendo slancio, eliminando temporaneamente la minaccia al di sotto dei 24 dollari. Ma soprattutto, si evidenziano divergenze rialziste non confermate sul MACD e sull’RSI.

Come promemoria, una divergenza rialzista si verifica quando l’indicatore tecnico in questione non scende più, mentre la tendenza al ribasso del prezzo del sottostante continua. Spesso è sinonimo di inversione di tendenza in determinate condizioni. Nel caso del SOL in unità giornaliere, ci limiteremmo a una correzione al rialzo della seconda ondata di ribasso dall’inizio di aprile.

Nel caso in cui entrambi gli indicatori tecnici tornino al di sopra delle rispettive linee di galleggiamento, il rimbalzo tecnico menzionato nelle unità settimanali acquisterebbe maggiore probabilità. E se sono aiutati sia da Bitcoin che da Ethereum, I prezzi della criptovaluta SOL potrebbero muoversi al di sopra di 52 dollari verso la resistenza di 79 dollari. Come bonus, verrebbe attraversata una linea discendente. Tuttavia, questo significativo segnale tecnico non porterebbe automaticamente a un’inversione di tendenza favorevole nel contesto attuale.

 

 

 

 

SOL – Un mercato orso che simboleggia la crisi di fiducia nelle criptovalute

Nonostante un possibile rimbalzo tecnico ad alto potenziale, ci sarà ancora molto lavoro da fare per sfidare il mercato orso di Solana. E non sarà solo l’attraversamento della linea discendente a vanificare la fase 4 di Weinstein. Infatti, se si osservano attentamente i grafici, le medie mobili a 30 settimane e a 200 giorni (MM30 settimanale e MM200 giornaliero) stanno navigando su uno slancio ribassista.

In questo senso, gli investitori dovrebbero concentrarsi sul BTC nell’ambito di un’esposizione moderata al mercato delle criptovalute. E questo a condizione che sine que non di un efficace contenimento dei rischi attuali. Ma non è questo il percorso che sembra prendere forma al momento della stesura di questa analisi. Tanto che la crisi di fiducia sembra difficile da invertire.

 

Nella misura in cui l’approccio difensivo o rischio disattivato rimane una priorità, l’erba potrebbe non tornare presto verde nel mercato delle criptovalute. Soprattutto perché, considerando che ci sono oltre 6.000 criptovalute quotate, siamo lontani da un legittimo consolidamento del settore. Da qui il timore che la fase terminale del mercato orso (alias capitolazione) porti a un fallimento su larga scala.. Come nel caso dello scoppio della bolla Dotcom tra il 2000 e il 2002.

 

 

 

 


Il trading di criptovalute comporta un elevato livello di rischio e potrebbe non essere adatto a tutti. Si raccomanda di informarsi bene sui rischi associati e di investire solo le somme che ci si può permettere di perdere.

Il contenuto del sito web NotizieCriptovalute.it ha finalità esclusivamente educative e informative. Non costituisce una raccomandazione e non può essere considerata un incentivo alla negoziazione di strumenti finanziari.

NotizieCriptovalute.it non garantisce i risultati o le prestazioni degli strumenti finanziari presentati. Pertanto, decliniamo ogni responsabilità per l’uso che può essere fatto di queste informazioni e per le conseguenze che ne possono derivare.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *