Il Tesoro degli Stati Uniti sviluppa un quadro di riferimento per la regolamentazione internazionale delle criptovalute-Notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 3 minuti
Donnez une note

Mentre le autorità statunitensi stanno intensificando i lavori per lo sviluppo di una regolamentazione sulle criptovalute, il Paese Dipartimento del Tesoro ha presentato al Presidente Joe Biden un quadro per facilitare la cooperazione internazionale sull’introduzione di tali regolamenti e standard a livello internazionale.

Si tratta probabilmente di uno sviluppo importante, che potrebbe aprire la strada a un’intensificazione degli sforzi da parte di Washington per sviluppare regolamenti internazionali per il settore.

Il quadro di riferimento è stato preparato in collaborazione con “il Segretario di Stato, il Segretario al Commercio, l’Amministratore dell’Unione Europea”. Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale (USAID) e i responsabili di altre agenzie competenti”, ha dichiarato il Dipartimento in una nota. dichiarazione.

Il Tesoro ha elaborato la sua proposta in risposta all’Ordine esecutivo del Presidente del 9 marzo scorso per garantire uno sviluppo responsabile degli asset digitali, che delinea un approccio interagenzie per affrontare i rischi legati all’uso dei criptoasset, ma anche per sfruttarne i potenziali benefici.

L’ordine identifica l’impegno internazionale come un mezzo per “adattare, aggiornare e migliorare l’adozione di principi e standard globali per le modalità di utilizzo e transazione degli asset digitali”, secondo la dichiarazione.

In base al quadro normativo, gli Stati Uniti continueranno a impegnarsi con gli Stati Uniti. G7 che comprende anche Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito e l’Unione Europea come “membro non numerato”, su varie questioni relative ai pagamenti digitali. Queste devono “includere i ruoli del settore pubblico e privato nella creazione e nella circolazione del denaro, considerazioni relative a [central bank digital currencies] CBDC, e le implicazioni delle nuove tecnologie sul sistema monetario internazionale”.

Regolamenti e standard globali per le criptovalute devono essere sviluppati anche attraverso un gruppo internazionale più ampio, l’Associazione per le Criptovalute. G20, che comprende anche grandi economie in via di sviluppo.

L’impegno di Washington attraverso il Consiglio per la stabilità finanziaria (FSB) sarà utilizzato come forum per lavorare sul monitoraggio, l’identificazione e la promozione di una comprensione condivisa dei rischi per la stabilità finanziaria derivanti dagli asset digitali, ma anche per considerare le risposte politiche al rischio identificato e promuovere le priorità tecniche americane sui pagamenti transfrontalieri, secondo il quadro di riferimento.

Per quanto riguarda il Fondo Monetario Internazionale (FMI), gli Stati Uniti sosterranno l’organizzazione “nell’espandere il suo lavoro analitico e di sorveglianza per includere gli asset digitali, laddove sia macro-critico e in linea con il suo mandato di promuovere la stabilità economica e finanziaria”.

Secondo Washington, il Gruppo d’azione finanziaria (GAFI) dovrebbe continuare a sostenere i Paesi nell’attuazione degli standard GAFI per gli asset virtuali e i fornitori di servizi di asset virtuali (VASP). Nel frattempo, il Gruppo Egmont delle Unità di Informazione Finanziaria (FIU) si rivelerà utile per sviluppare le migliori pratiche per condividere l’intelligence finanziaria e sostenere gli sforzi internazionali contro il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo in relazione ai criptoasset.

Secondo il documento, “quanto delineato nel quadro ha lo scopo di garantire che, in relazione allo sviluppo degli asset digitali, siano rispettati i valori democratici fondamentali dell’America; che siano protetti i consumatori, gli investitori e le imprese; che siano preservate l’adeguata connettività del sistema finanziario globale e l’interoperabilità delle piattaforme e delle architetture; che siano mantenute la sicurezza e la solidità del sistema finanziario globale e del sistema monetario internazionale”.


– Aumenta il controllo normativo quando le criptovalute diventano un rischio per la stabilità finanziaria – Rapporto
– Rimane la nebbia normativa: il capo della SEC non cita Ethereum come merce, ma non dice che il Bitcoin sia l’unica

– I legislatori dell’UE vogliono che le norme antiriciclaggio coprano le NFT
– Le istituzioni dell’UE raggiungono un accordo di revisione sul controverso regolamento sui “portafogli non ospitati”.

– Il cane da guardia globale antiriciclaggio fa pressione sui Paesi e sulle borse di criptovalute affinché implementino più velocemente i requisiti chiave
– Il capo del FMI parla delle preoccupazioni della “piramide” delle criptovalute, ma “implora” di non abbandonare il progresso della criptovaluta

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.