Il potenziale dell’ETF di Bitcoin in arrivo manda il BTC a 60k dollari

⌛ Tempo di lettura : 2 minuti
4.4/5 - (7 votes)

Un Bitcoin exchange-traded fund (ETF) è pronto ad iniziare le negoziazioni martedì della prossima settimana, secondo molteplici rapporti, a meno che la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti non decida di annullarlo.

La SEC ha tempo fino alla mezzanotte di lunedì sera per obiettare ai depositi. Altrimenti, il tanto atteso ETF andrà in funzione. Dave Nadig, chief investment officer e direttore della ricerca di ETF Trends ha detto a CNBC che ha dato al ProShares Bitcoin Strategy ETF il 75% di possibilità di approvazione. Secondo fonti di Bloomberg che hanno preferito non essere nominate, la SEC probabilmente consentire che l’ETF passi al commercio.

L’approvazione dell’ETF avverrebbe dopo una lunga lista di applicazioni respinte che risalgono al 2013, quando i co-fondatori di Facebook e i primi investitori di Bitcoin Cameron e Tyler Winklevoss hanno presentato il primo ETF alla SEC. Se l’ETF di ProShares dovesse ottenere il via libera per la negoziazione martedì, potremmo vedere un’ondata di altri in commercio poco dopo, compresi quelli di Valkrie, VanEck e Galaxy.

La maggior parte dello spazio cripto voleva un prodotto di trading basato su spot piuttosto che su futures, anche se lo sviluppo è effettivamente ancora una pietra miliare per l’adozione di Bitcoin.

L’analista Bitcoin on-chain Willy Woo ha recentemente ha detto che l’approvazione di un ETF basato sui futures di Bitcoin introdurrebbe apparentemente un modo costoso e inefficiente di investire in BTC.

“Se un ETF futures sul Bitcoin viene approvato, IMO sarà un modo costoso di detenere BTC. L’ETF effettivamente esternalizza la detenzione di BTC agli hedge fund attraverso una catena di incentivi al profitto.

Meccanica: L’ETF è lungo sui futures. I futures diventano più cari rispetto allo spot. Gli hedge funds vendono i futures mentre comprano lo spot (per nettare il profitto di cash e carry). Gli hedge fund detengono effettivamente il BTC spot per procura dell’ETF. La commissione è il loro rendimento cash and carry (10%+ annualizzato)”.

Detto questo, i movimenti per un ETF Bitcoin “fisico” sostenuto da BTC effettivo sono in corso. Mark Hougan, CIO di Bitwise Invest ha recentemente depositato per uno, dettagliando il suo ragionamento in un thread.

“Innanzitutto, perché pensiamo che BTC sia meglio dei futures?

A. Costi: Potrebbe costare oltre il 5-10% all’anno per rollare i futures (“contango”). Più un altro 1-2% in commissioni.

B. Diluizione: Gli ETF non possono detenere il 100% di futures BTC a causa delle regole. La maggior parte mira all’85%. Quindi, il 15% è altra roba, anche obbligazioni!

C. Rischio di coda: Ricordate $USO nel 2020? Limiti di posizione, liquidità, ecc – le cose possono rompersi.

In sintesi: Un ETF Bitcoin basato sui futures ha ~6-12% di costi all-in, ~15% di diluizione e rischio di coda.

Utile per certi investitori, ma non ideale”.

L’imminente approvazione di un ETF Bitcoin – futures o no – arriva mentre il Bitcoin si libra appena un pelo sotto il livello psicologico chiave di 60.000 dollari. Il BTC è raddoppiato dai suoi minimi annuali al livello di 29.000 dollari ed è a poco più del 10% dal raggiungere nuovi massimi dopo mesi di quello che molti pensavano fosse l’inizio di un mercato orso pluriennale.

Disclaimer: Queste sono le opinioni dello scrittore e non devono essere considerate consigli di investimento. I lettori dovrebbero fare le proprie ricerche.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.