Stripe sta reclutando un "Squadra di crittografia" per lavorare sull’integrazione delle criptovalute

⌛ Tempo di lettura : 3 minuti
4.6/5 - (7 votes)

La relazione fragile tra le criptovalute e l’industria dei pagamenti non è nuova. Questo anche se è innegabile che una vera e propria accelerazione ha preso piede su questo tema negli ultimi tempi. Questo è direttamente collegato al nuovo episodio di mercato toro che sta attualmente guidando il mercato. Alcuni tentativi di integrarli in strutture di punta non hanno avuto successo nell’edizione di fine 2017. Ma le cose stanno cambiando velocemente nel campo. E la motivazione sembra essere intatta da parte di Stripe, l’azienda leader nel settore dei pagamenti via Internet per i professionisti. Perché tutto fa pensare che tenterà ancora una volta la fortuna.

Sta diventando difficile scrivere un articolo sulla questione del pagamento in relazione alle criptovalute senza rischiare la ripetizione. Per gli annunci nel campo si moltiplicano attualmente ad un ritmo costante. Con studi che prevedono che l’adozione aumenterà drasticamente nei prossimi anni. Ma è importante ricordare che questo tipo di entusiasmo è spesso legato all’aumento dei profitti che il settore può generare. Di conseguenza, a volte c’è un disinteresse quasi immediato una volta che il nuovo ATH di Bitcoin è scritto nella sua storia. Ma di nuovo, le cose cambiano molto rapidamente in questo settore.

Perché il panorama attuale che offre l’universo delle criptovalute è cambiato molto dal suo ultimo mercato toro. Con l’emergere di alto profilo di DeFi e il suo modello di business digitale e decentralizzato in prima linea. Tutto questo sullo sfondo di una vera e propria esplosione di stablecoin come alternative alle valute FIAT che finiscono per puzzare di abete. E le soluzioni di livello 2 come la Lightning Network di Bitcoin stanno vedendo un’adozione esponenziale. Questo per rendere la sua rete più operativa per effettuare pagamenti. Una situazione che chiaramente non è sfuggita a Stripe, che dichiara la sua intenzione di “essere in prima linea in questa nuova ondata di innovazione”.

Stripe entra nelle criptovalute (di nuovo)

Stripe si descrive come “un’azienda tecnologica globale che costruisce infrastrutture economiche per Internet”. Quindi non è una sorpresa che si stia interessando ai pagamenti con le criptovalute. Un tentativo di riavvicinamento che aveva già avuto luogo una vera e propria eternità fa, se si conta in anni criptati. Con una storica integrazione di Bitcoin nel 2014, che si è conclusa con un abbandono all’inizio del 2018. Questo era dovuto a una semplice e inequivocabile osservazione: BTC è “un bene piuttosto che un mezzo di scambio”. Anche allora, la sua rete cominciava a soffrire di una scalabilità insufficiente di fronte al suo crescente successo.

Ma ora Stripe sembra essere di nuovo in gioco. Questo in seguito alla pubblicazione di un’offerta di lavoro sul sito di LinkedIn. Il titolo dell’offerta di lavoro lascia poco spazio ai dubbi sulle sue ambizioni. Perché si tratta ovviamente di sviluppare un vero e proprio “Crypto team”. Questo per rendere le criptovalute un mezzo di pagamento operativo sulla sua rete attuale. Ma anche per avere un “grande impatto sul modo in cui gli utenti interagiscono con la crittografia”.

Stripe sta costruendo un’infrastruttura economica per Internet. Man mano che l’uso delle criptovalute cresce in tutto il mondo, esse stanno aprendo nuovi ed eccitanti modi per le imprese e gli individui di transare e creare valore. (…) Vogliamo fornire a questa industria esperienze superiori che siano più veloci e affidabili. ” – Striscia

Il nome della criptovaluta selezionata è…

Un’offerta di lavoro il cui obiettivo è trovare almeno 4 attori di questo cambiamento. Che non è molto considerando i 4.000 dipendenti che lavorano in questa azienda. Ma questa notizia non può essere ignorata. Soprattutto in considerazione della forza di questo importante giocatore nei pagamenti online. Perché Stripe ha milioni di negozi digitali che attualmente utilizzano i suoi servizi. Questo gli permette di elaborare centinaia di miliardi di dollari di transazioni all’anno. Queste transazioni sono effettuate da un numero di utenti che rappresenterebbe il 90% degli adulti americani.

Un’importanza che Stripe non sta nominando nessuna criptovaluta che questa integrazione potrebbe coinvolgere. Ma alcune voci stanno circolando che l’XLM del progetto Stellar è stato collegato a Stripe per anni. Questo ovviamente non è stato confermato da nessuna delle due parti. In particolare perché l’offerta attuale nel campo permette una diversità molto maggiore rispetto a pochi anni fa. Con Bitcoin ed Ethereum che diventano nuovamente attraenti grazie alle reti di secondo livello sviluppate insieme alle loro blockchain. Quindi questa selezione sarà da seguire attentamente…

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.