I ministri delle finanze dell’UE discutono dell’euro digitale – notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 3 minuti
4.6/5 - (9 votes)

I ministri delle finanze dell’UE stanno finalmente esaminando l’euro digitale e si esprimono su questo possibile futuro monetario. All’ordine del giorno: Riservatezza, complementarità e compatibilità con le forme esistenti di moneta europea, ma anche stabilità e questioni democratiche.

L’euro digitale, una sfida democratica?

Per capire la posta in gioco, è importante ricordare che l’euro digitale è attualmente nelle mani della BCE, che ragiona esclusivamente in termini monetari, con l’obiettivo di “preservare il ruolo della moneta pubblica come ancoraggio monetario del sistema dei pagamenti”, secondo quanto riportato da un rapporto interno pubblicato nel luglio 2022. Un punto ben evidenziato in questo articolo del Grand Continent per chi è interessato all’argomento.

Ora, è abbastanza ovvio che questa versione 2.0 dell’euro solleva una serie di interrogativi, soprattutto in termini di garanzie democratiche. Inoltre, sapendo che l’euro digitale non può essere imposto senza il consenso dei cittadini dell’UE, i ministri riuniti vogliono portarlo nell’arena politica.

Per avere successo, l’euro digitale deve essere un progetto europeo comune e inclusivo, sostenuto dai cittadini europei e costruito su una solida base democratica. (…) L’Eurogruppo ritiene che l’introduzione di un euro digitale e le sue principali caratteristiche e scelte progettuali richiedano decisioni politiche che devono essere discusse e adottate a livello politico.

Dichiarazione dell’Eurogruppo sul progetto dell’euro digitale

In effetti, il gruppo sostiene diversi orientamenti per la sua concezione di moneta della banca centrale (CBM).

Caratteristiche principali di un euro digitale per i produttori di denaro dell’UE

L’idea principale, avanzata anche dalla BCE, è che l’euro digitale dovrebbe integrare, non sostituire, il contante. Naturalmente deve seguire le regole del buon senso essendo ” facile e pratico da usare e ampiamente accessibile al pubblico, anche in termini di costo” e di rispettare i nuovi requisiti ambientali nella sua progettazione.

Inoltre, secondo l’Eurogruppo, deve anche, garantire “un elevato livello di riservatezzaSecondo la BCE, che ha dichiarato che “… non è affatto così, al momento. l’anonimato dell’utente non è una caratteristica auspicabile” . Ma in ogni caso, anche se la scelta dell’infrastruttura alla base dell’Euro 2.0 rimane indeterminata, la sua tracciabilità sarà totale. Non necessariamente nominativo, ma necessariamente pseudonimo, nella misura in cui la catena tecnologica crea il legame tra l’identità del portatore della moneta e il mezzo che consente il trasferimento di tale moneta per effettuare il regolamento.

Regolamento

Non sono sicuro che l’euro digitale preservi la riservatezza delle transazioni…

Nathalie E. – 04 maggio 2022 – 18:58

L’euro digitale è ancora in fase preparatoria ma il progetto […]Per saperne di più

Questo è un punto di vista che i finanzieri dell’UE sembrano condividere, perché, sotto la copertura di un’espressione piuttosto vaga, difendono una Questo punto di vista sembra essere condiviso dai finanzieri dell’UE che, sotto la copertura di un’espressione piuttosto vaga, difendono un approccio distinto a seconda della natura delle transazioni per prevenire il riciclaggio di denaro, l’evasione fiscale e altri abusi. Per garantire un’adozione più ampia dell’euro digitale tra i cittadini con una forte preferenza per la privacy, essi sono tuttavia favorevoli a “esplorare le funzionalità offline” per servire un’ampia gamma di casi d’uso e promuovere l’inclusione finanziaria.

Portare l’euro digitale nel dibattito pubblico

Le altre priorità includono la necessità di mantenere la stabilità dei prezzi nell’area dell’euro e di promuovere interoperabilità con altri MNDBche è in fase di preparazione in molti Paesi. Un altro punto di forza: l’euro digitale deve essere convertibile alla pari con le altre forme di euro (banconote e depositi di banche commerciali) e come tale non può, a loro avviso, essere una moneta programmabile.

Quest’ultimo aspetto è essenziale perché un euro digitale programmabile calpesterebbe ulteriormente le libertà individuali aumentando i controlli. Ad esempio, il pagamento delle indennità in valuta digitale sarebbe condizionato solo allo scopo dell’aiuto (indennità per il ritorno a scuola solo per il materiale scolastico, aiuti per l’alloggio per l’affitto e nient’altro…). Questa programmazione potrebbe anche essere utilizzata, come già previsto, per emettere la cosiddetta “moneta di fusione”. In altre parole, una consegna con una data di scadenza, dopo la quale la valuta non sarebbe più utilizzabile. Più probabilmente, le soluzioni prospettate oggi sono piuttosto dell’ordine della limitazione a favorire l’euro digitale come mezzo di pagamento e non come riserva di valore.

Stablecoin e MNBC

L’euro digitale tra limiti e limiti

Nathalie E. – 08 Nov 2022 – 13:57

L’euro digitale, che per il momento non è di interesse per la maggior parte dei […]Per saperne di più

Far uscire l’euro digitale dalla sua dimensione puramente tecnica è una necessità. Il coinvolgimento di attori esterni alla cerchia ristretta della BCE è quindi una notizia piuttosto positiva, con la probabilità che i cittadini europei si sentano un po’ più preoccupati per il futuro monetario che incombe sulle loro teste. Previsto per il 2024-2026, è tempo che l’euro digitale diventi un tema del dibattito pubblico.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.