I governi possono aver avuto qualche successo, ma sequestrare Bitcoin e criptovalute è ancora molto difficile-Notiziecriptovalute

I governi possono aver avuto qualche successo, ma sequestrare Bitcoin e criptovalute è ancora molto difficile
⌛ Tempo di lettura : 4 minuti
4.7/5 - (26 votes)

 

  • “È impossibile confiscare su scala le criptovalute correttamente conservate”.
  • “Il principale vettore di attacco sarebbe il sequestro dei depositi di bitcoin”.
  • “Ciò che potrebbe accadere è che i governi inizino a limitare l’autocustodia”.

Potrà anche avere una forte concorrenza, ma una delle cose più inquietanti accadute alle criptovalute nel 2022 è stata l’emissione di un’ingiunzione Mareva da parte della Corte Superiore di Giustizia dell’Ontario. Sullo sfondo di dimostrazioni e blocchi che “paralizzato” All’inizio di quest’anno, Ottawa ha autorizzato il sequestro di criptovalute appartenenti ai manifestanti, che avevano ricevuto sostegno finanziario sotto forma di bitcoin (BTC) e altre criptovalute.

In combinazione con i rapporti degli Stati Uniti Dipartimento di Giustizia sequestrando 3,6 miliardi di dollari in BTC a febbraio, ad esempio, l’ingiunzione sembrava minare fatalmente l’idea che le criptovalute fossero immuni dal controllo governativo. In effetti, le agenzie governative statunitensi hanno sequestrato criptovalute su numerosi negli ultimi anni, contribuendo a creare il sospetto che qualsiasi sensazione di inviolabilità delle criptovalute sia per lo più un’illusione e che un governo sufficientemente determinato possa sequestrare bitcoin, ethereum (ETH) o qualsiasi altra cosa quando vuole.

Tuttavia, le figure che lavorano nell’industria delle criptovalute affermano che il successo del sequestro delle criptovalute dipende in ultima analisi dal sequestro della chiave privata di un indirizzo, cosa che dovrebbe essere più o meno impossibile, supponendo che i detentori conservino i loro fondi nei propri portafogli autocustoditi. Detto questo, riconoscono anche che con la continua popolarità degli scambi di criptovalute e l’aumento delle normative antiriciclaggio, il sequestro dei fondi custoditi da terzi sta diventando più facile.

Bitcoin e criptovalute “adeguatamente custoditi

Vale la pena di sottolineare che l’ingiunzione di cui sopra non è stata del tutto efficace nel sequestrare effettivamente i criptoasset donati ai manifestanti in Canada. Sulla base delle ultime informazioni pubblicate (rilasciate dal Royal Canadian Mounted Police), le agenzie canadesi sono riuscite a congelare solo il 29% dei cryptoasset inviati ai manifestanti in seguito all’ingiunzione Mareva di febbraio.

Ciò evidenzia le difficoltà nel sequestrare criptoasset realmente decentralizzati. Secondo i commentatori, finché i possessori conservano i loro fondi in un portafoglio hardware autocustodito (e conservano in modo sicuro le loro chiavi private offline), non c’è modo che le agenzie governative possano sequestrare le criptovalute in questo momento.

“È impossibile confiscare le criptovalute correttamente conservate su larga scala”, ha dichiarato Boaz Sobrado, analista di dati.

L’analista sottolinea che la frase chiave è “correttamente conservate”, poiché la maggior parte della ricchezza basata sulle criptovalute è attualmente nelle mani delle borse e dei depositari, che sono obbligati a seguire le leggi dei Paesi in cui operano.

“Le monete sono vulnerabili alla confisca di massa se non si è in possesso delle chiavi”, ha dichiarato Sobrado a Cryptonews.com. “Se un individuo è in possesso delle proprie chiavi, il sequestro è più difficile, poiché il possesso delle chiavi può essere semplice come la memorizzazione di una frase di 12 o 24 parole”.

Sobrado osserva anche che, in teoria, non è impossibile per i governi arrestare gli individui e chiedere loro di rivelare le proprie chiavi. Tuttavia, “richiede una maggiore coercizione ed è difficile da realizzare su larga scala”.

La maggior parte degli altri operatori del settore concorda sul fatto che il sequestro di criptovalute adeguatamente autocustodite è quasi impossibile.

“Sarebbe molto difficile per i governi sequestrare i bitcoin. Il principale vettore di attacco sarebbe il sequestro dei depositi di bitcoin, ed è per questo che è importante togliere le proprie monete dagli scambi e imparare ad autodepositarsi”, ha dichiarato Samson Mow, CEO della società tecnologica Bitcoin. JAN3.

Un altro che crede che le criptovalute siano sicure a patto che siano conservate correttamente è Ryan Shea, criptoeconomista della piattaforma di investimento digitale Trakx. Tuttavia, sottolinea che ci sono almeno un paio di vie attraverso le quali un governo può avere più successo nel prendere il controllo dei fondi, con il già citato sequestro di 3,6 miliardi di dollari in BTC che è forse l’esempio più significativo di un vettore di attacco.

“In questo caso, ciò che ha reso possibile l’operazione è stato il fatto che i presunti responsabili hanno memorizzato le loro chiavi private in un account cloud e le forze dell’ordine hanno ottenuto un mandato di perquisizione per accedere a questo account”, ha dichiarato il ricercatore. Cryptonews.com.

Secondo Shea, ciò è stato possibile solo perché seguendo le transazioni sulla blockchain – che è pubblicamente visibile – le forze dell’ordine sono state in grado di collegare gli indirizzi dei portafogli contenenti le monete ottenute illegalmente a informazioni personali identificabili, poiché alcune delle transazioni sono state condotte tramite borse centralizzate obbligate a effettuare controlli KYC (know your customer).

L’altra strada, secondo Shea, è quella di identificare i proprietari dei portafogli e di inserire i portafogli associati in una lista nera, cosa che potrebbe essere difficile su larga scala. Tuttavia, questo rende molto difficile spostare i fondi su una borsa regolamentata e incassare.

“I fondi potrebbero non essere recuperabili, ma diventano praticamente inutilizzabili, poiché la maggior parte degli exchange non elaborerà consapevolmente le transazioni dai portafogli inseriti nella lista nera per paura di essere sottoposti a un maggiore controllo da parte del governo”, ha aggiunto.

Mosse future

I governi adotteranno ulteriori misure legislative per rendere più facile il sequestro dei criptoasset? La risposta a questa domanda varia da Paese a Paese, con opinioni contrastanti sull’effettiva necessità di nuove leggi per rendere più fattibile il sequestro.

“La questione se i governi si muoveranno o meno in questa direzione dipende in ultima analisi dalle loro esigenze. Se la loro situazione economica è disastrosa e hanno bisogno di sostenere la loro valuta fiat, è probabile che si muovano in questa direzione”, ha detto Samson Mow.

Per Ryan Shea, una legislazione specifica per il sequestro delle criptovalute probabilmente non è necessaria nella maggior parte dei casi.

“La regolamentazione delle criptovalute viene già introdotta e applicata in modo più rigoroso per garantire che, nella misura più ampia possibile, questo legame venga stabilito. Il sequestro delle criptovalute richiede quindi semplicemente che i governi dimostrino che le monete in questione sono state ottenute illegalmente, il che probabilmente rientra nelle leggi esistenti sul riciclaggio di denaro e sul finanziamento del terrorismo”, ha affermato.

Naturalmente, l’applicazione delle leggi esistenti dipende dal fatto che i fondi passino attraverso borse regolamentate, il che non è sempre possibile. Per Boaz Sobrado, questo significa che i governi potrebbero aver bisogno di una nuova regolamentazione per raggiungere coloro che si orientano maggiormente verso l’autocustodia.

“Ciò che potrebbe accadere è che i governi inizino a limitare l’autocustodia, il che probabilmente sarà un precursore della confisca”, ha detto.

Detto questo, non è chiaro come un governo possa imporre una qualche limitazione o divieto all’autodeposito, a parte forse vietare la vendita di portafogli hardware nelle proprie giurisdizioni (cosa che al momento sembra una possibilità remota).

Poiché la possibilità di vietare l’autocustodia è al momento molto remota, conservare i fondi in un portafoglio hardware rimane il metodo migliore per chiunque sia preoccupato di ciò che il proprio governo potrebbe fare in un futuro non troppo lontano. Inoltre, i possessori preoccupati potrebbero anche prendere in considerazione l’utilizzo di exchange decentralizzati e (molto probabilmente all’estero) di exchange senza requisiti KYC.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.