Ethereum – L’aggiornamento di Altair porta ETH a nuove altezze?

⌛ Tempo di lettura : 5 minuti
4.8/5 - (10 votes)

Ethereum sta attirando tutti gli occhi in questo fine settimana ricco di eventi. In primo luogo a causa del suo attraversamento confermato del livello di 4400 dollari ieri. Ma anche perché i suoi sviluppatori hanno appena convalidato un nuovo importante passo verso la realizzazione della sua versione 2.0. Due notizie che ci permettono di sperare che il suo decollo verso nuove vette sia finalmente convalidato. Con il premio ETH nel mirino, che potrebbe raggiungere i 10.000 dollari o più.

L’evoluzione in corso dell’attuale rete Ethereum verso la sua versione Proof of Stake (PoS) continua. Uno sviluppo parallelo con l’obiettivo di realizzare alla fine una connessione operativa definitiva tra il vecchio e il nuovo modello. Questo comporta la modifica della sua blockchain originale con molti hardfork successivi. Tutto questo con modifiche su larga scala che hanno già reso il suo ETH una criptovaluta deflazionistica dall’introduzione della sua versione di Londra. Ma un’operazione che ha anche bisogno di disegnare dall’altra parte il volto di quella che sarà la sua versione 2.0 per permettere questo passaggio tanto atteso.

Tutto questo sullo sfondo di un mercato delle criptovalute in forte rialzo e con promesse esplosive per la fine dell’anno. Ma con ETH incapace di sfondare la resistenza del suo ultimo ATH registrato a maggio. Un livello di circa 4.200 dollari in unità di tempo giornaliere che si è finalmente infranto alla fine di questa settimana. Con una chiusura sopra i 4400 dollari nella giornata di ieri, questo dà speranza per molto di più.

Ma una mossa che manca ancora quella candela rialzista che porterebbe il suo prezzo attuale via per bene a nuovi massimi. Perché ETH è ancora attualmente a circa 4350 dollari al momento della scrittura.

Aggiornamento di Altair con successo per Ethereum

In ogni caso, l’aggiornamento di Altaïr eseguito sulla rete Ethereum 2.0 sembra essere un successo confermato. Un altro passo verso quella fase finale conosciuta come The Merge. Una fusione la cui data di entrata in vigore non è ancora chiara, visti i pericoli che alcuni di questi hardfork possono incontrare. Ma con ogni volta nuove funzionalità convalidate per rendere possibile e sicura questa storica operazione.

Con a grandi linee un’ottimizzazione dei premi di incentivazione per i suoi futuri validatori. Ma anche punizioni per coloro che non rimangono accessibili sulla sua rete. Sapendo che il valore totale del contratto di deposito Ethereum 2.0 ha appena raggiunto un nuovo ATH di 8 milioni di ETH proprio oggi. Una chiara prova che, nonostante i suoi attuali costi di rete, il successo e la fiducia sono ancora molto chiaramente nell’aria.

Un’operazione simbolica, poiché è la prima per questa rete chiamata Beacon Chain. Un test in scala reale che la Fondazione Ethereum presenta come un “riscaldamento”. Ma un fatto storico per questa efficace e funzionale versione 2.0 – in versione test – della blockchain Ethereum. Quest’ultimo è stato implementato all’inizio di dicembre dell’anno scorso. Con il prezzo dell’ETH in quel momento appena sotto i 600 dollari. Ma sulla cuspide di quello che sarebbe il suo attuale rally rialzista, 630% più in alto dopo. E tutte le indicazioni sono che dovrebbe continuare…

ETH verso i 10.000 dollari e oltre…

Questo aggiornamento di Altair sembra aver dato a ETH la forza che gli mancava per portarlo a nuove altezze. Ma questo era senza contare su una correzione del Bitcoin che ha disturbato questo partito appena iniziato. Questo richiede cautela nei prossimi giorni. Anche se ora è sopra la sua precedente resistenza, la recente impennata di Ethereum rimane fragile nel breve termine. E non c’è alcuna indicazione che questo nuovo supporto possa resistere a un ulteriore calo del mercato. Con un focus su questo annuncio di Facebook che ha cambiato il suo nome in Meta in relazione all’universo dei metaversi. Il risultato è un’impennata record di tutti i progetti più o meno direttamente legati a questo settore in piena espansione.

E allo stesso tempo, gli analisti prevedono un ulteriore aumento del prezzo di ETH. Con obiettivi che rimangono così variabili come può essere la precisione di questo tipo di esercizio di previsione. Ma un livello di prezzo che per lo più sale al di sopra del 10.000 per i più ottimisti. Con paragoni a volte (pericolosi?) con un copia/incolla della curva del precedente bull run di Bitcoin del 2017.

Cosa potrebbe far sì che il prezzo dell’ETH visiti livelli superiori a 16.000 dollari entro il prossimo gennaio. Un’ipotesi da considerare con la necessaria moderazione, per non rischiare di perdere tutto volendo guadagnare troppo. E che ovviamente richiede di prendere profitti regolarmente prima di contare solo le perdite. Ma una continuazione del rialzo per Ethereum che tutti gli indicatori sembrano confermare per questa fine d’anno. Questo non invalida una correzione che rimane possibile a breve termine. E una rottura del suo ATH che rimane da confermare prima di prendere posizione.

È possibile approfittare di questi importanti movimenti al rialzo limitando la propria esposizione al rischio. Questo grazie a Coin Trading e al suo strumento di trading Trading algoritmico automatizzato al 100%. Una soluzione che ha aumentato i fondi dei suoi utenti di 6 volte negli ultimi 12 mesi. E questo senza dover mai intervenire. Un buon modo per entrare nella corsa al Bitcoin e alle criptovalute beneficiando dell’esperienza di trader professionisti ed esperti. E certamente la migliore opzione per far fronte alle inversioni di mercato ed essere posizionati sui migliori progetti.


Questo articolo riguarda le ultime notizie sulle criptovalute. Non è inteso come un consiglio di investimento finanziario. Qualsiasi posizione presa dovrebbe essere accompagnata da una ricerca personale e richiede l’incrocio di diverse fonti prima di buttarsi. DYOR!

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.