DeFi 2.0 – Una combinazione di autoregolamentazione e regolamentazione – NotizieCriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 4 minuti
4.7/5 - (15 votes)

Finanza decentrata (DeFi)

13 giugno 2022 – 09:00

Tutti concordano sul fatto che la DeFi è rivoluzionaria e innovativa. La vera differenza sta nel modo in cui viene affrontata questa nuova finanza digitale decentralizzata, installata nel cuore dell’ecosistema delle criptovalute. Con i regolatori ansiosi di (ri)prendere il controllo, con il pretesto di voler proteggere gli utenti che in gran parte desiderano sfuggire alla loro morsa opaca e storica. La funzionalità principale della DeFi è infatti quella di rispondere ai problemi causati dalla finanza tradizionale. Tuttavia, secondo i ricercatori dell’Osservatorio e del Forum Blockchain dell’UE, ciò richiederà una regolamentazione adattata in modo intelligente.

Sebbene sia emersa solo da pochi anni, la DeFi è già al centro dell’attenzione. Il suo modello operativo e gli strumenti che offre stanno rivoluzionando completamente il modello storico applicato alla finanza tradizionale. Con i principi propri del settore delle criptovalute, come l’inclusione, la decentralizzazione e la gestione basata sulla comunità. E di recente, più ambizioni istituzionali e talvolta persino governative nei suoi confronti.

Una “innovazione radicale” secondo un recente rapporto dell’Osservatorio Blockchain dell’Unione Europea. E il cui obiettivo dichiarato sul sito web è quello di “consolidare la posizione dell’Europa come leader mondiale in questa nuova tecnologia trasformativa”. Ciò comporta la formulazione di “raccomandazioni” alle autorità responsabili di questo scottante problema. Ma la portata e le conseguenze positive di queste raccomandazioni lasciano perplessi. In particolare per quanto riguarda le intenzioni altamente repressive del disegno di legge MiCA, che sono già state respinte da alcuni Paesi membri.

DeFi – Una versione 2.0 più regolamentata

L’Osservatorio Blockchain dell’Unione Europea ha appena pubblicato un rapporto completo. Il titolo è sobriamente intitolato “Finanza decentralizzata” per dare una direzione chiara a questa ricerca. Il rapporto delinea una presentazione di questa economia digitale basata sulla tecnologia blockchain. Ma anche tracce per applicare un regolamento le cui misure devono rimanere “eque, efficaci e applicabili”. E questo tenendo conto della specificità di ciascuno dei suoi attori piuttosto che dell’intero settore, secondo l’attuale logica tecnologica.

Come per ogni regolamento, le misure devono essere eque, efficaci e applicabili. Una combinazione di autoregolamentazione e di regolamentazione applicata dalla vigilanza darà gradualmente origine a una DeFi 2.0 più regolamentata. Un modello emergente dall’attuale ecosistema nascente della DeFi 1.0.

Osservatorio Blockchain dell’Unione Europea

In questo rapporto sono elencati i principali vantaggi della DeFi rispetto alla sua versione tradizionale e fiduciaria. Innanzitutto, lo sviluppo di una maggiore sicurezza, che al momento è ancora molto teorica. Ma anche una maggiore trasparenza legata alla tecnologia blockchain. Oltre a una vera accessibilità universale e a una maggiore interoperabilità. Si tratta di criteri specifici e innovativi ai quali gli attuali tentativi di regolamentazione dovranno essere adattati. Infatti, secondo Lambis Dionysopoulos, ricercatore presso l’Università di Nicosia e membro dell’Osservatorio Blockchain dell’UE, “la nostra saggezza convenzionale in materia di regolamentazione finanziaria semplicemente non si applica alla DeFi. “

DeFi – Un’innovazione “radicale

Come spiega Lambis Dionysopoulos in un’intervista a CoinTelegraph, l’innovazione rappresentata dalla DeFi è “radicale” e per nulla lineare. Una specificità che non ha nulla a che vedere con i processi evolutivi tradizionali. Vale a dire, l’aggiunta di funzionalità specifiche ai modelli esistenti. E questo per soddisfare una richiesta dei suoi utenti o un desiderio commerciale. Mentre in questo caso si tratta di “fare di chiunque la propria banca”. Questo per andare oltre l’attuale modello presentato come una successione di “giardini recintati” deliberatamente divisi.

Al contrario, le innovazioni radicali come la DeFi non sono lineari, sono discontinuità che sfidano la saggezza convenzionale. Le innovazioni radicali si basano su nuove tecnologie. Possono creare nuovi mercati e rendere possibili nuovi modelli di business. Per questo motivo, comportano anche un elevato livello di incertezza, soprattutto nelle fasi iniziali.. “

Lambis Dionysopoulos

I motivi per cui Lambis Dionysopoulos esorta i responsabili degli organi di vigilanza a tenere conto di queste specificità innovative. Ciò al fine di porre in essere un quadro giuridico ritenuto necessario, ma senza correre il rischio di mettere in discussione i principi di inclusività e apertura. Queste sono le vere sfide della finanza decentrata. E, secondo quest’ultimo, Il ruolo dei regolatori dovrebbe essere quello di facilitare questo processo, non di proibirlo e/o distruggerlo”.. Anche se questa strategia implica una revisione completa dei modelli attuali, alcuni dei quali sono chiaramente obsoleti.

 

DeFi – Uno strumento per i non bancarizzati

Tuttavia, sempre secondo Lambis Dionysopoulos, la DeFi deve anche ripulirsi. Questo per praticare una vera autoregolamentazione che finora è stata molto discutibile. E di mettere in atto processi per limitare il potere di disturbo degli attori malintenzionati e di altri soggetti che si prendono la libertà.. Solo in questo modo, infatti, potrà probabilmente sfuggire a una regolamentazione aggressiva, giustificata da questo tipo di sfoghi ricorrenti. Ma anche per dimostrare una maturità per il momento che riflette la sua giovanissima età: cacofonica quanto rivoluzionaria.

Il passaggio a una regolamentazione basata sulle attività ha più senso e può essere facilitato dal controllo a livello individuale o dalle rampe DeFi. Detto questo, ci sono sicuramente dei cattivi attori che usano la DeFi come scusa per vendere prodotti finanziari tradizionali riconfezionati, solo meno sicuri e meno regolamentati, o peggio, vere e proprie truffe. La certezza normativa potrebbe rendere più difficile per loro chiedere asilo in DeFi.

Lambis Dionysopoulos
 

Infine, c’è il punto cruciale dell’accessibilità. Perché la DeFi “ha il potenziale per essere diversa” grazie al suo status di rete finanziaria di portata globale. Ma anche per il suo principio di inclusione che permette a “chiunque abbia un accesso rudimentale a internet e uno smartphone di accedere a servizi finanziari avanzati”. Per questo motivo sta diventando sempre più popolare tra coloro che sono esclusi dall’attuale sistema bancario. Perché quest’ultimo considera i suoi utenti solo dal punto di vista del rapporto costi-benefici, senza mai prendere in considerazione il principio del “servizio”. E questo, secondo Lambis Dionysopoulos, è il principale difetto dell’attuale sistema economico… e la più grande forza della DeFi.

In poche parole, gran parte della popolazione mondiale non vale il suo “investimento”. Una persona più sospettosa potrebbe anche aggiungere che privare le persone dell’accesso ai finanziamenti è un buon modo per tenerle subordinate. E uno sguardo ai non bancarizzati potrebbe avvalorare questa terrificante teoria.

Lambis Dionysopoulos
Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *