Come la conservazione a freddo può prevenire il gelo della criptovaluta – Notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 4 minuti
4.8/5 - (12 votes)

 

Come dimostra il fallimento di Celsius, il passaggio a modalità decentralizzate di detenzione delle criptovalute non solo ha senso, ma è ciò che Satoshi ha sempre previsto.

La crittografia è stata fondata su un principio unificante: la decentralizzazione.

Il Libro bianco su Bitcoin, la base su cui è stato costruito il settore delle criptovalute, riteneva che questo sentimento fosse fondamentale per il progresso del settore stesso. La prima riga suggerisce “una versione puramente peer-to-peer del contante elettronico consentirebbe di inviare pagamenti online direttamente da una parte all’altra senza passare attraverso un’istituzione finanziaria”.

L’inclusione di “disintermediazione” e “assenza di terze parti” da parte dell’autore pseudonimo Satoshi Nakamoto è fondamentale. Esprime il suo sogno e quello di molti altri per uno spazio completamente decentralizzato. Nel 2022, l’attuale mercato degli scambi e la sua perdurante fallibilità sono la conversazione che la maggior parte di noi fa quotidianamente; alcuni scambi non sono così decentralizzati come sembravano.

Quindi oggi, alla luce del fallimento di Celsius e dell’insolvenza di Three Arrows Capital, dobbiamo porci due domande: Come ci siamo allontanati così tanto dai nostri principi fondanti e come possiamo andare avanti per proteggere il patrimonio che abbiamo accumulato?

Fin dall’inizio, l’intenzione della criptovaluta è stata quella di facilitare le transazioni finanziarie tra pari, senza dover dipendere da una terza parte fidata o da un’istituzione finanziaria che intervenisse.

NGRAVE ZERO

 

 

Negli ultimi anni abbiamo assistito all’emergere di una tendenza nel settore: una tendenza alla centralizzazione del mercato delle criptovalute, in cui le persone si sono trovate a proprio agio nel commerciare e detenere i propri asset in criptovalute in borse o organizzazioni. Tuttavia, ora possiamo vedere che questa pratica equivale alle istituzioni finanziarie “fidate” della finanza tradizionale. Il problema che deriva da questa tendenza è ovviamente che queste istituzioni non sono sempre così solide come sembrano. Molti dei problemi delle ultime settimane sono dovuti esclusivamente all’eccesso di leva finanziaria di poche istituzioni centralizzate apparentemente affidabili.

Queste organizzazioni centralizzate all’interno dell’industria crittografica, in realtà, presentano ancora le stesse insidie e vulnerabilità che sono sempre presenti nelle istituzioni finanziarie tradizionali: L’accesso è controllato, la trasparenza è carente, le pressioni politiche giocano spesso un ruolo e la liquidità rimane un problema molto rilevante. Tutte queste caratteristiche culminano nella restrizione dei prelievi e, fondamentalmente, nel blocco dell’accesso a beni non realmente detenuti dai legittimi proprietari.

In parole povere, molti utenti e detentori di criptovalute all’interno dello spazio stanno investendo e cercando di mettere al sicuro i propri beni in strutture che hanno gli stessi identici difetti delle istituzioni tradizionali che le criptovalute sono state progettate per superare.

Se non altro, gli eventi delle ultime settimane hanno fatto aprire gli occhi a molti utenti, in quanto tutti noi iniziamo a riesaminare l’ecosistema che occupiamo. È ora di ripensare e sfidare lo status quo, cercando di capire come proteggere non solo noi stessi ma anche gli altri partecipanti al settore.

NGRAVE ZERO

 

 

 

Sicurezza e proprietà tendono ad andare di pari passo quando si parla di criptovalute. Nel caso di beni come le opere d’arte digitali, l’opzione di archiviazione decentralizzata e a freddo inizia ad avere ancora più senso. Investitori e collezionisti non hanno motivo di tenere i loro beni online. Molti possessori di token non fungibili (NFT) e di opere d’arte digitali intendono conservare questi beni a lungo termine, come è nella natura delle opere d’arte, non per essere scambiate o vendute, ma per essere godute. Di conseguenza, la sicurezza diventa fondamentale.

Per dirla in un altro modo, non si conserverebbe un capolavoro di inestimabile valore in un’area aperta e pubblica senza aver prima investito in misure di sicurezza. Quindi perché correre lo stesso rischio con le vostre opere d’arte digitali? Questo tipo di protezione è esattamente ciò che offre il cold storage. L’equivalente crittografico del personale di sicurezza, delle telecamere e degli allarmi, ma senza il minimo problema.

I possessori di criptovalute, sia alle prime armi che esperti, si stanno rendendo conto che la proprietà è relativa. Tuttavia, quando si detengono criptovalute in una borsa centralizzata o tramite un broker di criptovalute, la vera proprietà è quasi impossibile. Quindi, dove andremo a finire? Con il cambiamento di atteggiamento, stiamo assistendo a un aumento della domanda di soluzioni di autodeposito, in quanto i detentori iniziano a capire il valore della vera proprietà degli asset che possiedono.

NGRAVE ZERO

 

 

Nel settore delle criptovalute, la maggior parte delle innovazioni proviene da soggetti centralizzati che fanno cose decentralizzate. Tuttavia, alla fine, i crolli e le fluttuazioni del mercato hanno rivelato la vera natura di molti dei leader innovativi del settore. Se si prende un partito fuorviante e si aggiungono la sottocollateralizzazione e l’eccesso di leva finanziaria, si ottiene una ricetta per il disastro; è qui che ci troviamo ora.

Stiamo assistendo a un momento di cambiamento senza precedenti e cruciale nella sfera delle criptovalute. L’abbandono delle borse e dei broker di criptovalute a favore di meccanismi decentralizzati di detenzione delle criptovalute non è solo l’opzione più sensata, ma è l’ultima speranza del settore e il principale elemento di differenziazione dai pericoli della centralizzazione. Man mano che il mercato comincia a rendersi conto di questo, l’attenzione si sposterà naturalmente su ciò che possiamo controllare, ovvero il modo in cui vengono detenuti i nostri asset.

NGRAVE ZERO

 

 

Molte delle infrastrutture necessarie per interagire veramente in modo decentralizzato devono ancora essere costruite. Le strutture che abbiamo non sono ancora ampiamente disponibili. Quindi, anche se c’è ancora del lavoro da fare, possiamo vedere che i mattoni stanno iniziando a essere eretti, con una base veramente stabile di decentralizzazione al loro centro. Col tempo, il settore diventerà un luogo in cui la decentralizzazione viene prima di tutto e in cui le persone sono veramente proprietarie dei loro beni. A quel punto, tutti noi potremo godere dei benefici che una crescita duratura del settore, potenziamento finanziario e la sicurezza possono portare.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.